printprint
New Thread
Reply
 

Film (la ragazza del mondo)

Last Update: 5/24/2018 12:01 PM
Author
Print | Email Notification    
4/7/2017 6:02 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 584
Location: GENOVA
Age: 48
TdG

Vi risulta?



Ogni interpretazione è un isomorfismo applicato. Ciò significa che quand'anche l'autore non avesse avuto in mente una specifica interpretazione essa può comunque sussistere poiché la struttura di base la rende possibile.

Ergo qualsiasi interpretazione dovutamente argomentata ha valore in quanto tale e non necessariamente deve essere avallata dall'autore.

L'isomorfismo più autorevole e famoso fu quello di Kurt Godel sui 'principia mathematica' di Bertrand Russell che diede vita al famoso teorema d'incompletezza di cui si dice che Bertrand Russell non comprese mai a fondo la portata.

Il fatto che B. Russell non si aspettava, né pensava che l'interpretazione dei suoi Principia Mathematica desse origine al contrario di quanto invece voleva dimostrare è paradigma del fatto che un'interpretazione per avere valore non deve necessariamente essere condivisa ma argomentata.

In sintesi, non deve risultarci nulla, deve solo essere coerente coi dati su cui si basa.

4/7/2017 6:36 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 4,138
TdG
Re:
(Mascherina), 07/04/2017 17.26:



.lei l'ha letto come il bisogno dell'uomo di avere delle regole. Vi risulta?




L'universo intero funziona grazie a regole precise ed anche nel nostro minuscolo pianetino le regole sono assolutamente fondamentali.

Ci voleva proprio un psicologa per trarre almeno un aspetto positivo da un film che ben poco, pare, abbia da dire e da dare.
4/7/2017 6:49 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 67,472
Moderatore
Da quello che ho capito il film non pare molto critico verso di noi, sembra che pure un ex fratello che ha collaborato alla sceneggiatura si sia stizzito perché il regista non ha dato la connotazione negativa che lui sperava nel suo veleno contro i testimoni di Geova.

Shalom
--------------------------------------------------------------------
Sijmadicandhapajiee, gente per cui le arti stan nei musei - Paolo Conte

FORUM TESTIMONI DI GEOVA
4/26/2017 11:55 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 163
Location: MILANO
Age: 56
Re:
barnabino, 07/04/2017 18.49:

Da quello che ho capito il film non pare molto critico verso di noi, sembra che pure un ex fratello che ha collaborato alla sceneggiatura si sia stizzito perché il regista non ha dato la connotazione negativa che lui sperava nel suo veleno contro i testimoni di Geova.

Shalom



Non sarà critico, ma non è per nulla aderente o quasi per nulla...

Un ex tdG ha collaborato alla sceneggiatura?

Il nome è? Se si può sapere, ovvio... ;-)
4/27/2017 12:09 AM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
Re:
barnabino, 07/04/2017 18.49:

Da quello che ho capito il film non pare molto critico verso di noi, sembra che pure un ex fratello che ha collaborato alla sceneggiatura si sia stizzito perché il regista non ha dato la connotazione negativa che lui sperava nel suo veleno contro i testimoni di Geova.

Shalom


Non puoi mai giudicare uno sceneggiatore, lo sceneggiatore scrive ciò che deve scrivere, non c'è lavoro più subordinato di quello...PAROLA DI SCENEGGIATORE...

4/27/2017 12:16 AM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 67,472
Moderatore
Si, infatti qui a stizzirsi non è stato lo sceneggiatore ma un collaboratore, ex testimone di Geova, che aveva l'intento di usare il film per dare un'immagine molto negativa della nostra fede.

Shalom
--------------------------------------------------------------------
Sijmadicandhapajiee, gente per cui le arti stan nei musei - Paolo Conte

FORUM TESTIMONI DI GEOVA
4/27/2017 12:39 AM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
Re:
barnabino, 27/04/2017 00.16:

Si, infatti qui a stizzirsi non è stato lo sceneggiatore ma un collaboratore, ex testimone di Geova, che aveva l'intento di usare il film per dare un'immagine molto negativa della nostra fede.

Shalom



Ma vedi, la fede è fede...non si può frammentare, un cristiano è cristiano, come quando si va a vedere la Nazionale, non esistono più milanisti Juventini o Napoletani, si tifa Italia, questo manca ancora alle religioni.
4/27/2017 12:44 AM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 9,106
TdG
Re: Re:
Donnie Darko.74, 27/04/2017 00.39:



Ma vedi, la fede è fede...non si può frammentare, un cristiano è cristiano, come quando si va a vedere la Nazionale, non esistono più milanisti Juventini o Napoletani, si tifa Italia, questo manca ancora alle religioni.



Non èche il calcio sia proprio la stessa cosa della religione!


Testimoni di Geova Online Forum



«Una mente debole è come un microscopio: ingrandisce le piccolezze, ma è incapace di comprendere le cose grandi.»

Lord Chesterfield
4/27/2017 12:55 AM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
Re: Re: Re:
Barnaba1977, 27/04/2017 00.44:

Donnie Darko.74, 27/04/2017 00.39:



Ma vedi, la fede è fede...non si può frammentare, un cristiano è cristiano, come quando si va a vedere la Nazionale, non esistono più milanisti Juventini o Napoletani, si tifa Italia, questo manca ancora alle religioni.



Non èche il calcio sia proprio la stessa cosa della religione!


Era una metafora, il cristiano è cristiano...

4/27/2017 12:47 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 4,138
TdG
Re: Re: Re: Re:
Donnie Darko.74, 27/04/2017 00.55:


Era una metafora, il cristiano è cristiano...





Questo è un luogo comune: cristiano è colui che segue fedelmente le orme di Cristo, diversamente è solo una etichetta per incastonare un gruppo di individui che si riunisce all'interno di un immobile.
9/19/2017 9:58 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 163
Location: MILANO
Age: 56
Vanity fair, circa un anno fa...
... ha scritto un articolo a firma Paola Jacobbi, in cui in parte, parla anche del film in questione.

Costei scrive... "Simili vicende hanno ispirato un gran bel film, La ragazza del mondo, con Sara Serraiocco, una delle migliori attrici giovani in circolazione, opera prima di Marco Danieli, presentato all’ultima Mostra del Cinema di Venezia e in sala dal 9 novembre.

Al film Sara l’apostata ha collaborato, aiutando l’attrice sua omonima a capire che cosa significa crescere in una famiglia di Testimoni di Geova e poi volerne uscire, ripartendo da zero. Chi è battezzato e poi si disassocia si trova solo. Nessuno, nemmeno i parenti stretti, vuole mantenere i rapporti con chi è uscito. O sei dentro, o sei fuori."

Chi è sta Jacobbi? Esperta di film? Una teologa?

No. È una giornalista. Mi sorge un dubbio. Ma il film lo avrà visto?

www.sperling.it/autori/paola-jacobbi/

Si sbilancia scrivendo che è... un gran bel film... e definisce Sara Serraiocco ... una delle migliori attrici giovani...

Ci sarebbe da farle ste domande e anche altre con le relative risposte da parte sua.
9/19/2017 11:04 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 67,472
Moderatore
Il giudizio sull'attrice non ha nulla a che vedere con il realismo della sceneggiatura. Per quanto mi riguarda la Saraicco può essere un'ottimo interprete e la sceneggiatura poco conforme alla realtà.

Shalom
--------------------------------------------------------------------
Sijmadicandhapajiee, gente per cui le arti stan nei musei - Paolo Conte

FORUM TESTIMONI DI GEOVA
9/20/2017 9:15 AM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 424
Location: AULLA
Age: 58
Nella mediocrità di oggi, probabilmente la Serraiocco è un'ottima attrice e Danieli il nuovo Fellini. Nulla è piu lontano dalla realtà, sono appassionato di cinema, ho conosciuto attori e registi "di ciccia" e mi piange il cuore a vedere come hanno ridotto un'arte che, dopo averla imparata dagli americani, ha regalato opere che tutto il mondo ci invidia.
A parte il mestiere e "l'occhio della tigre", ai cineasti moderni manca un elemento fondamentale: l'onestà che va di pari passo con l'onestà intellettuale.

Per certi "giornalai", basta parlar male dei TdG per essere dei grandi attori, opinion leaders ecc.

Per quanto riguarda il "collaboratore tdg", il nome è nei titoli di coda, oltre che su gran parte degli articoli nei quali si parla del film: Emidio Picariello.
9/22/2017 6:44 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 163
Location: MILANO
Age: 56
Re:
barnabino, 19/09/2017 23.04:

Il giudizio sull'attrice non ha nulla a che vedere con il realismo della sceneggiatura. Per quanto mi riguarda la Saraicco può essere un'ottimo interprete e la sceneggiatura poco conforme alla realtà.

Shalom



Concordo ma... e della frase... si disassocia da solo?
Da dove l'ha presa sta giornalista?

Scusate se vado in OT, ma purtroppo non mi fa inserire l'articolo web da altre parti...

E anche... nemmeno i parenti stretti...
Si intende un cugino? Uno zio?
Se invece intende genitori o fratelli/sorelle carnali si, ma con una precisazione da fare... il disso/disassociato vive sotto lo stesso tetto degli ancora tdG? Mi risulta ci siano una sorte di attenuanti secondo le quali si possa dialogare con loro e comunque non di cose spirituali e questo vale anche per quei disso/disasso che vivono anche a chilometri di distanza!

Dico bene?
9/22/2017 6:56 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 163
Location: MILANO
Age: 56
Re:
StanleyClarke, 20/09/2017 09.15:

Nella mediocrità di oggi, probabilmente la Serraiocco è un'ottima attrice e Danieli il nuovo Fellini. Nulla è piu lontano dalla realtà, sono appassionato di cinema, ho conosciuto attori e registi "di ciccia" e mi piange il cuore a vedere come hanno ridotto un'arte che, dopo averla imparata dagli americani, ha regalato opere che tutto il mondo ci invidia.
A parte il mestiere e "l'occhio della tigre", ai cineasti moderni manca un elemento fondamentale: l'onestà che va di pari passo con l'onestà intellettuale.

Per certi "giornalai", basta parlar male dei TdG per essere dei grandi attori, opinion leaders ecc.

Per quanto riguarda il "collaboratore tdg", il nome è nei titoli di coda, oltre che su gran parte degli articoli nei quali si parla del film: Emidio Picariello.



Concordo... più che giornalai io li chiamo pennivendoli.

Ah già... il celebre Semidio Picchiatello! Hihihihi
Quello che scrisse un libro dal titolo... Geova non vuole che mi sposo... ahahahah

Un vero e proprio best seller a livello mondiale... roba da premio pulitzer o premio Nobel!... [SM=g7405]
[Edited by SupremoVindice 9/22/2017 6:58 PM]
9/22/2017 9:34 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 32,889
Moderatore
9/25/2017 10:00 AM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 424
Location: AULLA
Age: 58
Re:
Giandujotta.50, 22/09/2017 21.34:





Va beh, non stiamo disquisendo sui disassociati, ma su un film. Per onestà intellettuale, la stessa che richiedo al regista e C. del film, c'è anche un passo dell'art. della Torre di Guardia dell ottobre 2017 dove, a pag. 16, paragrafo 19 scrive testuale: (copio incollo dal sito:)

19 Rispettiamo la disciplina di Geova. Anche se in un primo momento può causare dolore, la disciplina di Geova produce i migliori risultati a lungo termine per tutti, compreso il trasgressore. (Leggi Ebrei 12:11.) Geova, ad esempio, ci comanda di ‘cessar di mischiarci in compagnia’ di peccatori che non si pentono (1 Cor. 5:11-13). Anche se questo potrebbe farci soffrire, dobbiamo evitare contatti non necessari con un familiare disassociato attraverso telefonate, messaggi, lettere, e-mail o social network

Ora, lungi da me il criticare le disposizioni dello SFD, ma è anche umano comprendere che un paragrafo del genere possa suscitare critiche o perplessità in chi non conosce appieno e la nostra storia e la nostra religione.

www.jw.org/it/pubblicazioni/riviste/torre-di-guardia-studio-ottobre-2017/verita-non-porta-pace-m...
9/25/2017 4:54 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 730
Location: MILANO
Age: 80
TdG
Re: Re:
StanleyClarke, 25/09/2017 10.00:



...

19 Rispettiamo la disciplina di Geova. Anche se in un primo momento può causare dolore, la disciplina di Geova produce i migliori risultati a lungo termine per tutti, compreso il trasgressore. (Leggi Ebrei 12:11.) Geova, ad esempio, ci comanda di ‘cessar di mischiarci in compagnia’ di peccatori che non si pentono (1 Cor. 5:11-13). Anche se questo potrebbe farci soffrire, dobbiamo evitare contatti non necessari con un familiare disassociato attraverso telefonate, messaggi, lettere, e-mail o social network

...



Chi ha un familiare disassociato stabilirà di volta in volta se il contatto è necessario o meno, e non è detto che due cristiani prenderanno la stessa decisione in una circostanza simile. (2 Corinti 1:24; Galati 6:5; Romani 14:12) Infatti, come fa notare questa rivista non è il caso di stabilire una regola..

*** w82 1/1 p. 31 par. 23 Se un parente viene disassociato . . . ***
Non è il caso di stabilire qualche regola circa la presenza dei familiari a riunioni a cui potrebbe partecipare un parente disassociato. Questo è qualcosa che devono risolvere gli interessati in armonia con il consiglio di Paolo. (I Cor. 5:11)




9/26/2017 10:43 AM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 424
Location: AULLA
Age: 58
Re: Re: Re:
The.Witness, 25/09/2017 16.54:



Chi ha un familiare disassociato stabilirà di volta in volta se il contatto è necessario o meno, e non è detto che due cristiani prenderanno la stessa decisione in una circostanza simile. (2 Corinti 1:24; Galati 6:5; Romani 14:12) Infatti, come fa notare questa rivista non è il caso di stabilire una regola..

*** w82 1/1 p. 31 par. 23 Se un parente viene disassociato . . . ***
Non è il caso di stabilire qualche regola circa la presenza dei familiari a riunioni a cui potrebbe partecipare un parente disassociato. Questo è qualcosa che devono risolvere gli interessati in armonia con il consiglio di Paolo. (I Cor. 5:11)







Mah, a me sembra che la Torre dell'ottobre 2017 non lasci spazio a dubbi dato che non "consiglia di", ma dà proprio un ordine lapidario e questo ordine è scritto chiaro, senza giri di parole: dobbiamo evitare contatti non necessari
"dobbiamo", scrive lo Schiavo, non "dovremmo". Dobbiamo è l' indicativo presente, 1 persona plurale, del verbo dovere: noi dobbiamo evitare contatti (non necessari) finanche per email o sms. Non usa il condizionale "dovremmo", ma il presente "dobbiamo".
Cioè, in esempio concreto: Mia figlia mi telefona io NON DEVO risponderle solo perchè disassociata?
Ma siamo matti? Io le rispondo e valuto di cosa ha bisogno! qui non si parla di amici o conoscenti, qui si parla di legami di sangue, specie i figli, verso i quali abbiamo l'obbligo (anche legale) di provvedere ai loro bisogni anche dopo la maggiore età. Oppure io, figlio, ho mia madre disassociata e non devo "frequentarla"? E chi mi ha messo al mondo? Chi mi ha fatto camminare, nutrito, lavato accudito ecc?
Nella mia congregazione mamma (tdg) e figlia (disassociata) vivono tranquillamente assieme senza che nessuno si senta in dovere di criticare, quindi a che pro andare giu pesante con certe affermazioni, che poi prestano il fianco a critiche e producono film spazzatura come quello in argomento?
Che poi sono IO che in coscienza evito persone immorali o dedite a gravi peccati, è un altro discorso.

Al contrario, la torre da te citata, del 1982 quindi ben 35 anni fa, lascia un minimo di autonomia decisionale, anche se si parla esclusivamente della "presenza di familiari disassociati" a non ben precisate riunioni, quindi non parla di frequentazioni o rapporti personali. Io so che alla cena teocratica a casa di Tizio è presente una sorella non proprio esemplare, evito di andarci anche se non disassociata. Ma allo stesso modo evito di frequentare alcuni colleghi "del mondo" un po' troppo libertini. E' chiaro il concetto?

Noi sappiamo bene le cose come stanno, ma mettiamoci nei panni di persone interessate che si troveranno all'adunanza nella quale si esaminerà quello studio: potremmo criticare le loro eventuali perplessità?
9/26/2017 11:12 AM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 32,889
Moderatore
Nessuno, tranne gli interessati, conoscono i particolari delle situazioni che si creano quando c'è un famigliare disassociato.
Per esempio c'è una certa differenza tra un ex tdG molto critico e/o apostata e uno che semplicemente non ha la forza di fare i passi necessari, ma è consapevole di dove sta la verità-
Quindi, sono d'accordo con TheWitness quando dice che non è il caso di stabilire regole assolute... che tra l'altro è la posizione ufficiale espressa nella risposta alla domanda dei lettori sul sito jw.org
www.jw.org/it/testimoni-di-geova/domande-frequenti/evitare-ogni-contatto/#...

tanto i film su di noi continueranno a farli ugualmente perchè il loro scopo non è certo quello di capire la nostra posizione e darne conto fedelmente, ma piuttosto di metterci il piu possibile in cattiva luce.
New Thread
Reply

Home Forum | Album | Users | Search | Log In | Register | Admin
Create your free community and forum! Register to FreeForumZone
FreeForumZone [v.5.2] - Leggendo la pagina si accettano regolamento e privacy
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 6:32 AM. : Printable | Mobile
Copyright © 2000-2020 FFZ srl - www.freeforumzone.com