printprint
New Thread
Reply
 
Previous page | 1 | Next page

Isaia 11:6-9 e il paradiso

Last Update: 12/1/2017 9:45 PM
Author
Print | Email Notification    
12/1/2017 10:45 AM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 2,174
Che argomenti oppure che sostegno biblico abbiamo che questo brano di Isaia non si limita solo al ritorno degli esilitati ebrei?

Non voglio parlare della genesi oppure del proposito di Dio per quanto riguarda la terra ma solo di queste profezie di Isaia.

Cosa indica che questi brani di Isaia siano profetici per la futura nuova terra e non limitati al ritorno degli esiliati?

Cosa credono i cattolici ,qual è la loro speranza per il futuro?94 pt.9/18/2019 11:24 PM by geremia60(2019)
TW vs WOWAnkie & Friends - L&#...52 pt.9/19/2019 12:01 AM by XWF is TNA
Valentina BistiTELEGIORNALISTE FANS FORU...37 pt.9/18/2019 10:41 PM by docangelo
12/1/2017 11:18 AM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 30,072
Location: ANCONA
Age: 61
TdG
Re:
erevnitis, 01/12/2017 10.45:

Che argomenti oppure che sostegno biblico abbiamo che questo brano di Isaia non si limita solo al ritorno degli esilitati ebrei?

Non voglio parlare della genesi oppure del proposito di Dio per quanto riguarda la terra ma solo di queste profezie di Isaia.

Cosa indica che questi brani di Isaia siano profetici per la futura nuova terra e non limitati al ritorno degli esiliati?





caro Erev,
il ritorno degli israeliti addita il Paradiso, celeste e terrestre, "nuovi cieli e nuova terra".
Isaia 11:6-9 è una splendida "pennellata" (come ce ne sono altre nei profeti) del futuro Paradiso.
Lo si comprende per esempio da Isaia 65:17-19.
Intanto questa promessa viene ripresa da Pietro (2 Pietro 3:13) e Giovanni nell' Apocalisse ne ha una visione (Apoc. 21.1-4)

Isaia 65:17 ci aiuta a capire, perché ci fa comprendere che si parla di una palingenesi e non per una creazione ex novo di cieli e terra:

poiché si godrà e si gioirà sempre di quello che sto per creare, poiché creo Gerusalemme per la gioia, e il suo popolo per il gaudio. 19 Io esulterò di Gerusalemme, godrò del mio popolo. Non si udranno più in essa voci di pianto, grida di angoscia” (Isaia 65:18-19 CEI, si confronti con Apoc. 21:4, il rinnovamento è quindi rispetto alla condizione precedente).

Gerusalemme era qualcosa che già esisteva. “Creo Gerusalemme” sta quindi ad indicare un rinnovamento, una rinascita, una rigenerazione (e questo ci porta a Matteo 19:28, dove troviamo il sostantivo greco palingenesia, il cui significato è proprio "rinnovamento, rigenerazione, rinascita") rispetto alla condizione precedente, sia per quanto riguarda la rinascita della nazione israelita di ritorno dalla cattività babilonese, sia per ciò che concerne i "nuovi cieli e nuova terra" di cui Giovanni ha visione nell' Apocalisse.

Ciao.

[Edited by Aquila-58 12/1/2017 11:22 AM]
-------------------------
"Perciò, siccome abbiamo questo ministero secondo la misericordia che ci è stata mostrata, non veniamo meno; 2 ma abbiamo rinunciato alle cose subdole di cui c’è da vergognarsi, non camminando con astuzia, né adulterando la parola di Dio, ma rendendo la verità manifesta, raccomandandoci ad ogni coscienza umana dinanzi a Dio" (2 Cor. 4:1-2)

 TESTIMONI DI GEOVA ONLINE FORUM 
12/1/2017 3:07 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 2,174
Re: Re:




caro Erev,
il ritorno degli israeliti addita il Paradiso, celeste e terrestre, "nuovi cieli e nuova terra".
Isaia 11:6-9 è una splendida "pennellata" (come ce ne sono altre nei profeti) del futuro Paradiso.
Lo si comprende per esempio da Isaia 65:17-19.
Intanto questa promessa viene ripresa da Pietro (2 Pietro 3:13) e Giovanni nell' Apocalisse ne ha una visione (Apoc. 21.1-4)



Caro Aquila, la scrittura di Isaia 65:17-19 "nuovi cieli e nuova terra" in relazione con secondo Pietro 3:13 e l'apocalisse mi era completamente sfuggita pur conoscendola molto bene.


Gerusalemme era qualcosa che già esisteva. “Creo Gerusalemme” sta quindi ad indicare un rinnovamento, una rinascita, una rigenerazione (e questo ci porta a Matteo 19:28, dove troviamo il sostantivo greco palingenesia, il cui significato è proprio "rinnovamento, rigenerazione, rinascita") rispetto alla condizione precedente, sia per quanto riguarda la rinascita della nazione israelita di ritorno dalla cattività babilonese, sia per ciò che concerne i "nuovi cieli e nuova terra" di cui Giovanni ha visione nell' Apocalisse.



Infatti, del resto il seguito della profezia di Isaia cap 65 è sostanzialmente identica ad Isaia cap 11.

Ti ringrazio [SM=g28002]



12/1/2017 8:40 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 32,438
Location: PINEROLO
Age: 49
TdG
Re:
erevnitis, 01/12/2017 10:45:

Che argomenti oppure che sostegno biblico abbiamo che questo brano di Isaia non si limita solo al ritorno degli esilitati ebrei?

Non voglio parlare della genesi oppure del proposito di Dio per quanto riguarda la terra ma solo di queste profezie di Isaia.

Cosa indica che questi brani di Isaia siano profetici per la futura nuova terra e non limitati al ritorno degli esiliati?




Con l'AT bisogna sempre andare coi piedi di piombo.
Il primo riferimento è sempre alla realtà del popolo d'Israele e alle sue (dis)avventure.
La seconda (o qualche volta anche terza) lettura è la nostra, cristiana, che attualizza i versetti adattandoli alla nostra realtà.

Simon
12/1/2017 9:45 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 30,072
Location: ANCONA
Age: 61
TdG
Re: Re: Re:
erevnitis, 01/12/2017 15.07:





caro Erev,
il ritorno degli israeliti addita il Paradiso, celeste e terrestre, "nuovi cieli e nuova terra".
Isaia 11:6-9 è una splendida "pennellata" (come ce ne sono altre nei profeti) del futuro Paradiso.
Lo si comprende per esempio da Isaia 65:17-19.
Intanto questa promessa viene ripresa da Pietro (2 Pietro 3:13) e Giovanni nell' Apocalisse ne ha una visione (Apoc. 21.1-4)



Caro Aquila, la scrittura di Isaia 65:17-19 "nuovi cieli e nuova terra" in relazione con secondo Pietro 3:13 e l'apocalisse mi era completamente sfuggita pur conoscendola molto bene.


Gerusalemme era qualcosa che già esisteva. “Creo Gerusalemme” sta quindi ad indicare un rinnovamento, una rinascita, una rigenerazione (e questo ci porta a Matteo 19:28, dove troviamo il sostantivo greco palingenesia, il cui significato è proprio "rinnovamento, rigenerazione, rinascita") rispetto alla condizione precedente, sia per quanto riguarda la rinascita della nazione israelita di ritorno dalla cattività babilonese, sia per ciò che concerne i "nuovi cieli e nuova terra" di cui Giovanni ha visione nell' Apocalisse.



Infatti, del resto il seguito della profezia di Isaia cap 65 è sostanzialmente identica ad Isaia cap 11.

Ti ringrazio [SM=g28002]







grazie a te, Erev...le tue domande sono sempre molto interessanti


-------------------------
"Perciò, siccome abbiamo questo ministero secondo la misericordia che ci è stata mostrata, non veniamo meno; 2 ma abbiamo rinunciato alle cose subdole di cui c’è da vergognarsi, non camminando con astuzia, né adulterando la parola di Dio, ma rendendo la verità manifesta, raccomandandoci ad ogni coscienza umana dinanzi a Dio" (2 Cor. 4:1-2)

 TESTIMONI DI GEOVA ONLINE FORUM 
Previous page | 1 | Next page
New Thread
Reply

Home Forum | Album | Users | Search | Log In | Register | Admin
Create your free community and forum! Register to FreeForumZone
FreeForumZone [v.5.0.0] - Leggendo la pagina si accettano regolamento e privacy
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 3:56 AM. : Printable | Mobile
Copyright © 2000-2019 FFZ srl - www.freeforumzone.com