printprint
Nuova Discussione
Rispondi
 

Perchè siete voi il popolo di DIO ?

Ultimo Aggiornamento: 18/03/2018 19.41
Autore
Stampa | Notifica email    
14/03/2018 13.16
 
Email
 
Scheda Utente
 
Modifica
 
Cancella
 
Quota
OFFLINE
Post: 53.178
Moderatore
Caro VVRL,


Sarò io che non capisco, ma come fa una pecorella smarrita ad essere un disassociato, se la pratica della disassociazione prevede l'espulsione dalla comunità del peccatore?



Infatti non capisco dove trai la conclusione che un "lupo" sia una "pecorella" smarrita. Dalla congregazione non si espelleno le pecorelle ma i lupi, cioè chi volontariamente e deliberatamente fa del male alle pecorelle...


Nella parabola in questione è forse il padre che caccia il figlio per qualche colpa commessa? E' proprio il figlio che va via di sua spontanea volontà



Chi pecca deliberatamante lo fa sempre di sua spontanea volontà... non vuole più seguire le regole della casa del padre. Nella parabola di rispecchia la cultura del tempo, un figlio non ci provava neppure a fare di testa sua, ubriacandosi e portando le prostitute a casa del padre, non è un caso che nella parobola chiede la sua eredità per fare di testa propria... possibile che non ci arrivi?

Shalom
--------------------------------------------------------------------
Sijmadicandhapajiee, gente per cui le arti stan nei musei - Paolo Conte

FORUM TESTIMONI DI GEOVA
Storicita del nuovo testamento295 pt.17/10/2018 23.02 by barnabino
Sara Benci di Sky SportTELEGIORNALISTE FANS FORU...61 pt.17/10/2018 22.42 by docangelo
Problemi con set Smiles personalizzatiAssistenza FreeForumZone29 pt.17/10/2018 14.05 by hakke5
14/03/2018 13.24
 
Modifica
 
Cancella
 
Quota
verderame
[Non Registrato]
Re:
barnabino, 14/03/2018 12.36:

Caro Verderame,


L'Organizzazione alla quale vi siete dedicati, è andata molte volte, oltre la dottrina di Cristo, motivo per il quale non potete essere il popolo di Dio, dove nel contempo avete raccolto delusioni su delusioni



Che siamo andati "oltre la dottrina di Cristo" è da provare, e ti inviterei di parlare di casi specifici e non lanciare generiche accuse, inoltre non vedo queste masse di "delusi" di cui parli tra i testimoni di Geova, se non tra coloro che egoisticamente servivano Dio in vista di una data. Se fosse vero quello che dici paradossalmente visti i "tanti errori" i testimoni di Geova si sarebbero divuti estinguere invece nel corso del tempo hanno aumentato il loro zelo e amore per Dio.







Anche gli aderenti ad un partito...,aumentano, nonostante quanto promettono e non mantengono..
Per non voler ripercorrere le cose già scritte in questo forum; ma a domanda precisa, risposta altrettanto precisa.
Il Cristo ha detto: Atti 1, 6 Quelli dunque che erano con lui gli domandavano: «Signore, è questo il tempo nel quale ricostituirai il regno per Israele?». 7 Ma egli rispose: «Non spetta a voi conoscere tempi o momenti che il Padre ha riservato al suo potere.
Anche queste sue parole fanno parte della sua dottrina




Vorrei leggere di qualche tdG, avendo ricevuto la vostra disciplina, ne ha testimoniato di esserne felice, della violenza psicologica che ne ha subito, vedendo che suo padre , non lo chiamava, al telefono ,o che alle sue telefonate non rispondeva, e non visitando i nipotini..



Io ne conosco diverse, e come detto non esistono regole che dicono di "non chiamare" un figlio al telefono, dunque evitiamo queste affermazioni sentimentalistiche perché di padri che per varie ragioni tagliano i rapporti con i figli ce ne sono in tutte le famiglie,religiose e no.


Se permette si parla di tdG, e quella direttiva con video , dove il genitore non risponde al figlio "o viceversa" al telefonino , è stata emanata dalla vostra organizzazione, quindi nessuna affermazione sentimentalistica.




non si capisce poi perchè mietete così tanta sofferenza osservando quelli che per voi sono principi divini



Scusami, di quale sofferenza parli? Io vedo molta più sofferenza causata da chi tollera pedofili, adulteri e fornicatori nelle file della sua chiesa. I testimoni di Geova sono un popolo felice, al netto delle avversità della vita.



Di quella di non vedersi rispondere da un figlio o genitore ,per il semplice motivo , di aver lasciato l'organizzazione; e non scriva che sono peccatori impenitenti, ancora non le farebbe onore.




Il paradosso è, che per voi i malvagi , sono semplicemente quei tdG, che lasciano l'organizzazione, facendone di tutto un fascio



Non direi, noi lasciamo a Dio il compito di giudicare i malvagi, noi non facciamo che prendere atto che la congregazione non può considerare come fratello chi pecca deliberatamente e senza pentirsi, mettendo a repentaglio l'incolumità fisica e spirituale e emotiva delle pecorelle.

Shalom


Non è quello che ho scritto io.
Ho fatto riferimento al Fatto che, per voi chi lascia l'organizzazione , è malvagio, e che quindi ne fate di tutto un fascio
[Modificato da barnabino 14/03/2018 13.41]
14/03/2018 13.39
 
Email
 
Scheda Utente
 
Modifica
 
Cancella
 
Quota
OFFLINE
Post: 53.178
Moderatore
Caro Verderame,


Il Cristo ha detto: Atti 1, 6 Quelli dunque che erano con lui gli domandavano: «Signore, è questo il tempo nel quale ricostituirai il regno per Israele?». 7 Ma egli rispose: «Non spetta a voi conoscere tempi o momenti che il Padre ha riservato al suo potere.
Anche queste sue parole fanno parte della sua dottrina



Ti abbiamo già risposto a questo, come sul concetto di generarazione che non è nostro ma lo ha espresso Gesù, se permetti. Essere desti e osservare le profezie bibliche e il segno lasciato da Cristo non significa andare contro la dottrina di Cristo, altrimenti nessuno dei primi cristiani, convinti che la parousia fosse imminente, sarebbero cristiani. I testimoni di Geova sanno bene che solo Dio conosce il "giorno e l'ora" e non vogliono certo andare oltre questo, non facciamo previsioni sulla fine del mondo, sappiamo solo che è vicino osservando il segno.


Se permette si parla di tdG, e quella direttiva con video , dove il genitore non risponde al figlio "o viceversa" al telefonino , è stata emanata dalla vostra organizzazione, quindi nessuna affermazione sentimentalistica



Il video non fornisce alcuna direttiva, ne abbiamo già discusso. Conosci forse qualcuno disciplinato per aver risposto al telefono ad un disassociato?


Di quella di non vedersi rispondere da un figlio o genitore ,per il semplice motivo , di aver lasciato l'organizzazione; e non scriva che sono peccatori impenitenti, ancora non le farebbe onore



Chi si pente di un peccato e smette di praticarlo è riassociuato, solo chi non si pente e continua a praticare il peccato resta in quella condizione, dire il contrario non le fa onore.


Ho fatto riferimento al Fatto che, per voi chi lascia l'organizzazione , è malvagio, e che quindi ne fate di tutto un fascio



Non capisco riferiamento a che cosa, per noi chi semplicemente lascia l'organizzazione non è un malvagio. Vorrei capire dove avremmo detto una cosa del genere.

Shalom


[Modificato da barnabino 14/03/2018 13.49]
--------------------------------------------------------------------
Sijmadicandhapajiee, gente per cui le arti stan nei musei - Paolo Conte

FORUM TESTIMONI DI GEOVA
14/03/2018 13.48
 
Email
 
Scheda Utente
 
Modifica
 
Cancella
 
Quota
OFFLINE
Post: 53.178
Moderatore
Caro VVRL,


E' proprio questo l'errore che commettete. Chi si dissocia e va via come fa a mettere a repentaglio la vita fisica ed emotiva degli altri fratelli?



Appunto, chi si dossocia e va via. Chi si dossocia non è esplulso ovviamente.


Chi non si definisce più un TdG non deve essere scomunicato perché non è un lupo che può sviare le altre pecore, proprio perché ha lasciato l'ovile



Se si chihiara non cristiano ma continua tranquillamente a frequentare le pecore per svagarsi con loro, per manguare assieme, per avere amicizie intime vedi tu se non le svia... tu mandersti tuo figlio a svagarsi con un pedofilo solo perché ammette di non essere più cristiano? Ripeto, capisco perché nella tua chiesa la pedofilia sia una piaga.


Del peccato che commette se la vedrà lui con Dio e non siete certo voi ad avere il potere di emettere delle condanne spirituali definitive



Infatti noi non emettiamo alcuna condanna spirituale definitiva, la scomunica non è una condanna ma ha lo scppo di far tornare in sé il peccatore. Tollerando il peccato o sottovalutandone il potere non si fa altro che favorire la corruzione in seno alla congregazione.

Shalom
--------------------------------------------------------------------
Sijmadicandhapajiee, gente per cui le arti stan nei musei - Paolo Conte

FORUM TESTIMONI DI GEOVA
14/03/2018 14.14
 
Modifica
 
Cancella
 
Quota
verderame
[Non Registrato]

non facciamo previsioni sulla fine del mondo, sappiamo solo che è vicino osservando il segno.


Non le fate ?
Ho letto che lei è tdG da decenni, quindi è a conoscenza delle previsioni del 1914, 16, 18, 25, 75.....; anche ciò che scrive non le fa onore


Il video non fornisce alcuna direttiva, ne abbiamo già discusso. Conosci forse qualcuno disciplinato per aver risposto al telefono ad un disassociato?


No per il semplice motivo, di non vedersi disassociato anche lui.., per aver disatteso la direttiva.
Quindi quella direttiva con video , dove il genitore non risponde al figlio "o viceversa" al telefonino , è stata emanata dalla vostra organizzazione, nessuna affermazione sentimentalistica, e ciò provoca sofferenza e divisione nelle famiglie, per motivi religiosi; non per il peccato , poichè non si legge che lasciare una organizzazione religiosa, sia peccato.


Chi si pente di un peccato e smette di praticarlo è riassociuato, solo chi non si pente e continua a praticare il peccato resta in quella condizione, dire il contrario non le fa onore.



Lei sta divagando; io ho scritto tutt'altro
A quale peccato si riferisce , che chi lascia.., deve pentirsi ?
Semplicemente esce e non vuole ritornare nell'organizzazione dalla quale è uscito .
Quindi non leggo che è peccato il lasciare una organizzazione religiosa .


Non capisco riferiamento a che cosa, per noi chi semplicemente lascia l'organizzazione non è un malvagio. Vorrei capire dove avremmo detto una cosa del genere.


Mi risponda quindi, chi lascia l'organizzazione e non vuole più seguirla, non è malvagio, ho inteso bene ?
Se si quindi, perchè vengono interrotti i rapporti sociali, e si hanno solo per motivi gravi ?
14/03/2018 15.13
 
Email
 
Scheda Utente
 
Modifica
 
Cancella
 
Quota
OFFLINE
Post: 28.805
Moderatore
Re: Re:
VVRL, 14.03.2018 12:45:


E' proprio questo l'errore che commettete. Chi si dissocia e va via come fa a mettere a repentaglio la vita fisica ed emotiva degli altri fratelli? Chi non si definisce più un TdG non deve essere scomunicato perché non è un lupo che può sviare le altre pecore, proprio perché ha lasciato l'ovile.





Ma che vai dicendo? Chi non vuole più essere definito come TdG e si dissocia, non viene scomunicato, ma si auto scomunica.



Testimoni di Geova Online Forum
"Perché il male trionfi è sufficiente che i buoni rinuncino all'azione" - Edmund Burke
14/03/2018 15.16
 
Email
 
Scheda Utente
 
Modifica
 
Cancella
 
Quota
OFFLINE
Post: 53.178
Moderatore
Caro Verderame,


Ho letto che lei è tdG da decenni, quindi è a conoscenza delle previsioni del 1914, 16, 18, 25, 75.....; anche ciò che scrive non le fa onore



Quelle date, che appartengono ormai al passato degli studenti biblici, non erano previsioni come lei erronamente dice ma semplicemente aspettative basate sullo studio delle profezie bibliche, esattamante come i primi discepoli, compreso Paolo, si erano fatti aspettative errate sulla parausia di Cristo. Ma ne abiamo già discusso con lei molte volte su questo forum, dunque è inutile tornare sull'argomento: se per lei il senso di urgenza e di attesa della venuta di Cristo significa andare contro "la dottrina di Cristo" ne prendiamo atto, ma francamente non ci vedo una violazione di alcun principio divino, da sempre i veri cristiani sono in aspettativa.


No per il semplice motivo, di non vedersi disassociato anche lui.., per aver disatteso la direttiva



Come abbiamo già spiegato, come e in che misura un cristiano deve avere rapporti sociali con un parente stretto è questione di coscienza, personale, non ci sono regole. Nessuno è mai stato espulso per aver telefonato da un parente disassociato né conosco alcuna pubblicazione che disponga di farlo. Lei o racconta delle balle o non parla a ragione vduta, in entrambi i casi sarebbe più gradito il silenzio.


Semplicemente esce e non vuole ritornare nell'organizzazione dalla quale è uscito



Non si viene scomunicati se semplicemente si lascia l'organizzazione, si viene scomunicati se si commette un peccato grave. Chi diventa inattivo non è scomunicato. Lei non è innattivo da anni? Nessuno l'ha scomunicata.


Mi risponda quindi, chi lascia l'organizzazione e non vuole più seguirla, non è malvagio, ho inteso bene ?



Chi sia giusto o malvagio non lo decisiamo noi ma lo decide Dio nel giudizio finale, la congregazione deve solo mantenersi pura da peccatori impenitenti e da scogli nascosti che possono mettere a repentaglio la purezza spirituale, fisica e morale delle pecorelle di Dio.


Se si quindi, perchè vengono interrotti i rapporti sociali, e si hanno solo per motivi gravi ?



Certo, non si viene espulsi se non si commettono peccati gravi o se ci si pente. I peccati per cui si viene espulsi sono chiaramente esposti nelle Scritture, se lei ci crede (alla Scritture, intendo). Non siamo noi a stabilire cosa sia grave o meno, ma le Scritture.

Shalom



[Modificato da barnabino 14/03/2018 15.26]
--------------------------------------------------------------------
Sijmadicandhapajiee, gente per cui le arti stan nei musei - Paolo Conte

FORUM TESTIMONI DI GEOVA
14/03/2018 17.16
 
Email
 
Scheda Utente
 
Modifica
 
Cancella
 
Quota
OFFLINE
Post: 246
Età: 103



Certo che non c'è peggior sordo, di chi non vuole sentire. Tra verderame, se mi ricordo bene (che non è neppure credente) e Vvtr, che ripete al infinito le stesse domande, rigirando di continuo la frittata è "uno spasso". Ma se io che non mastico bene la lingua italiana, comprendo, come mai questi signori sono cosi osesionati dai TG ? Ma leggono le risposte e non capisco o fanno finta di non capire ? Veramente non comprendo .Poi Vvtr toglimi per favore la curiosità, visto che sei convinto di far parte di popolo di Dio, tu spendi il tuo tempo e ti spendi per cercare le peccore di Dio,o tuo tempo spendi solo per contestare i TG ?
14/03/2018 18.08
 
Email
 
Scheda Utente
 
Modifica
 
Cancella
 
Quota
OFFLINE
Post: 10.537
Città: ACCIANO
Età: 84
TdG
Re:
Gioconda smail, 3/14/2018 5:16 PM:




Certo che non c'è peggior sordo, di chi non vuole sentire. Tra verderame, se mi ricordo bene (che non è neppure credente) e Vvtr, che ripete al infinito le stesse domande, rigirando di continuo la frittata è "uno spasso". Ma se io che non mastico bene la lingua italiana, comprendo, come mai questi signori sono cosi osesionati dai TG ? Ma leggono le risposte e non capisco o fanno finta di non capire ? Veramente non comprendo .Poi Vvtr toglimi per favore la curiosità, visto che sei convinto di far parte di popolo di Dio, tu spendi il tuo tempo e ti spendi per cercare le peccore di Dio,o tuo tempo spendi solo per contestare i TG ?



Sara' la vitemina dell ostie consacrate ? [SM=g7350]
14/03/2018 18.36
 
Email
 
Scheda Utente
 
Modifica
 
Cancella
 
Quota
OFFLINE
Post: 26.357
Città: ANCONA
Età: 60
TdG
Re: Re: Re: Re:
VVRL, 14/03/2018 12.27:


E cosa significa? Fai un esempio concreto.
Per me significa che un fratello esce dall'ovile perché comincia ad avere una pratica peccaminosa che in quanto cristiano vero prima non aveva.





e quindi?
La Scrittura dice che il cristiano non può praticare il peccato (1 Giovanni 3:9).
Quindi "esce dall' ovile" di sua spontanea volontà?
Liberissimo di farlo, ovviamente, ma liberi anche noi di non voler avere nulla a che fare con questo "fratello" finchè non smetterà di praticare il peccato (cosa che il cristiano non può e non deve fare) e libera anche la Congregazione di proteggersi (1 Corinti 5:6).
Ovviamente se quel fratello dovesse cessare la pratica del peccato e tornare nella Congregazione Cristiana, ognuno di noi ne sarebbe pienamente lieto, ma quel fratello non farebbe un favore a noi, farebbe un favore a se stesso smettendo di vivere nella pratica del peccato...

[Modificato da Aquila-58 14/03/2018 18.39]
-------------------------
"Perciò, siccome abbiamo questo ministero secondo la misericordia che ci è stata mostrata, non veniamo meno; 2 ma abbiamo rinunciato alle cose subdole di cui c’è da vergognarsi, non camminando con astuzia, né adulterando la parola di Dio, ma rendendo la verità manifesta, raccomandandoci ad ogni coscienza umana dinanzi a Dio" (2 Cor. 4:1-2)

 TESTIMONI DI GEOVA ONLINE FORUM 
14/03/2018 18.39
 
Email
 
Scheda Utente
 
Modifica
 
Cancella
 
Quota
OFFLINE
Post: 28.805
Moderatore
Re:
Gioconda smail, 14.03.2018 17:16:




Certo che non c'è peggior sordo, di chi non vuole sentire. Tra verderame, se mi ricordo bene (che non è neppure credente) e Vvtr, che ripete al infinito le stesse domande, rigirando di continuo la frittata è "uno spasso". Ma se io che non mastico bene la lingua italiana, comprendo, come mai questi signori sono cosi osesionati dai TG ? Ma leggono le risposte e non capisco o fanno finta di non capire ? Veramente non comprendo .Poi Vvtr toglimi per favore la curiosità, visto che sei convinto di far parte di popolo di Dio, tu spendi il tuo tempo e ti spendi per cercare le peccore di Dio,o tuo tempo spendi solo per contestare i TG ?




Che ci vuoi fare, alcuni cattolici come VVRL sono fatti cosi. Dicono che non bisognosa disassociare chi pecca ogni tanto rendendosi conto poi che sta pescando. Come il pedofilo che di tanto in tanto adesca un bimbo e lo sodomiza, ma poi riconosce che è spiritualmente debole e quello è il frutto del suo stato di cristiano debole.

Poi però apriti cielo, se davvero facessimo cosi, non allontanando un pedofilo dai bimbi disassociandolo, ci accuserebbero di favoreggiamento di pedofili.

Ma a noi non interessa il cattolicesimo, religione all'acqua di rose che favoreggia davvero simili persone non scomunicandole





Testimoni di Geova Online Forum
"Perché il male trionfi è sufficiente che i buoni rinuncino all'azione" - Edmund Burke
14/03/2018 18.46
 
Email
 
Scheda Utente
 
Modifica
 
Cancella
 
Quota
OFFLINE
Post: 26.357
Città: ANCONA
Età: 60
TdG
Re:
verderame, 14/03/2018 11.15:





Per noi e per Paolo, altresì, quel percorso si chiama disciplina divina, amorevole e dolorosa nello stesso tempo (Ebrei 12:5-11).

Però lo sai che cosa produce?

"Un frutto di pace e di giustizia" (Ebrei 12:11)

Ciao.


Vorrei leggere di qualche tdG, avendo ricevuto la vostra disciplina, ne ha testimoniato di esserne felice, della violenza psicologica che ne ha subito, vedendo che suo padre , non lo chiamava, al telefono ,o che alle sue telefonate non rispondeva, e non visitando i nipotini..




potrei portarti tantissimi esempi di fratelli che ancor oggi ringraziano di aver ricevuto la disciplina divina di Ebrei 12:5-11, giacchè se non la avessero ricevuta non avrebbero capito nulla di che cosa significa vivere da cristiani.
Vieni nella mia Congregazione e ti faccio parlare direttamente con due o tre di loro!

verderame, 14/03/2018 11.15:



ma se fosse così, i tdG sarebbero tra i pochi, oppure gli unici, nella cristianità confusa che corrispondono a questa descrizione...
mi sembra che è proprio così


non si capisce poi perchè mietete così tanta sofferenza osservando quelli che per voi sono principi divini .




"mietiamo tanta sofferenza osservando quelli che per noi sono principi divini"?
Mah, forse le lo sei sognato stanotte e ci credi...



verderame, 14/03/2018 11.15:



" 11 Vi ho scritto di non mescolarvi con chi si dice fratello ed è immorale o avaro o idolatra o maldicente o ubriacone o ladro: con questi tali non dovete neanche mangiare insieme. 12 Spetta forse a me giudicare quelli di fuori? Non sono quelli di dentro che voi giudicate? 13 Quelli di fuori li giudicherà Dio. Togliete il malvagio di mezzo a voi! " (1 Corinti 5:11-13 CEI)


Il paradosso è, che per voi i malvagi , sono semplicemente quei tdG, che lasciano l'organizzazione, facendone di tutto un fascio.



la tua è una frase sciocca che non merita neppure una risposta...


[Modificato da Aquila-58 14/03/2018 18.47]
-------------------------
"Perciò, siccome abbiamo questo ministero secondo la misericordia che ci è stata mostrata, non veniamo meno; 2 ma abbiamo rinunciato alle cose subdole di cui c’è da vergognarsi, non camminando con astuzia, né adulterando la parola di Dio, ma rendendo la verità manifesta, raccomandandoci ad ogni coscienza umana dinanzi a Dio" (2 Cor. 4:1-2)

 TESTIMONI DI GEOVA ONLINE FORUM 
14/03/2018 19.19
 
Email
 
Scheda Utente
 
Modifica
 
Cancella
 
Quota
OFFLINE
Post: 26.357
Città: ANCONA
Età: 60
TdG
Re:
verderame, 14/03/2018 14.14:


non facciamo previsioni sulla fine del mondo, sappiamo solo che è vicino osservando il segno.


Non le fate ?
Ho letto che lei è tdG da decenni, quindi è a conoscenza delle previsioni del 1914, 16, 18, 25, 75.....; anche ciò che scrive non le fa onore




in verità, la cosa non fa onore a te, giacchè te lo avevamo già spiegato in passato.


quelle date non furono affatto "previsioni", per esempio la data da te citata del 1914 è dedotta delle Scritture....
Inoltre, quando gli studenti biblici, non ancora testimoni di Geova, citarono date come il 1914, il 1925, ecc, derivarono dalla comprensione graduale in quello che per noi è il tempo della fine, delle profezie relative alla fine dei tempi dei gentili o dei sette tempi di Daniele.

A quel tempo la comprensione circa la parousìa era ancora del tutto nebulosa e ciò determinò quelle date che comunque avevano a che fare con la parousìa di Cristo.

Del resto, noi pensiamo che l' intendimento di determinate profezie sia appannaggio di un certo tempo che Daniele chiama "il tempo della fine" e con una certa gradualità (Dan. 12:9-10) in questo non c' è nulla di squalificante, giacchè lo SFD "scorre il libro" proprio in questo tempo della fine (Daniele 12:4).....


Inoltre Atti 1:7 non significa che la cronologia non sia importante. È naturale che ce ne interessiamo, poiché Dio ha ritenuto opportuno farne parte integrante della sua Parola ispirata.
Basta leggere per esempio quello che scrive Pietro in 1 Pietro 1:10-11 a proposito dei profeti del passato!


verderame, 14/03/2018 14.14:




Lei sta divagando; io ho scritto tutt'altro
A quale peccato si riferisce , che chi lascia.., deve pentirsi ?
Semplicemente esce e non vuole ritornare nell'organizzazione dalla quale è uscito .
Quindi non leggo che è peccato il lasciare una organizzazione religiosa .


Non capisco riferiamento a che cosa, per noi chi semplicemente lascia l'organizzazione non è un malvagio. Vorrei capire dove avremmo detto una cosa del genere.


Mi risponda quindi, chi lascia l'organizzazione e non vuole più seguirla, non è malvagio, ho inteso bene ?
Se si quindi, perchè vengono interrotti i rapporti sociali, e si hanno solo per motivi gravi ?



anche questo non ti fa onore e te lo avevamo già spiegato!
A parte il fatto che NON ESISTE NESSUNA REGOLA PER CUI I RAPPORTI SOCIALI DEBBANO ESSERE INTERROTTI IN QUEI CASI, PERCHE' COME ABBIAMO GIA' SPIEGATO (MA EVIDENTEMEMTE SEI DISATTENTO....), OGNI FAMIGLIA SI REGOLA SECONDO LA PROPRIO COSCIENZA E NESSUNO PUO' ANDARE A SINCADARE SUL COMPORTAMENTO DI QUESTA O QUELLA FAMIGLIA. (SCRIVO IN GRANDE PERCHE' TI ENTRI FINALMENTE NELLA TESTA).

Ovviamente non è peccato lasciare la Congregazione Cristiana, il punto è che se uno non è più d' accordo con la dottrina della Congregazione Cristiana è liberissimo di farlo, diventa un inattivo, non frequenta più le adunanze e non va più a predicare, per cui non vi è alcuna scomunica.

Ma se volontiariamente di dissocia è perchè non vuole avere più a che fare con noi, quindi a che pro noi dovremmo perdere tempo con chi volutamente non vuole avere più a che fare con noi?
E se diventa un apostata e magari va a scrivere peste e corna nei forum anti"geovisti", a che pro dovremmo fare comunella con Imeneo e Fileto quando la Scrittura dice di starne alla larga? (2 Timoteo 2:14-18)....

Non so, dimmi tu



[Modificato da Aquila-58 14/03/2018 19.23]
-------------------------
"Perciò, siccome abbiamo questo ministero secondo la misericordia che ci è stata mostrata, non veniamo meno; 2 ma abbiamo rinunciato alle cose subdole di cui c’è da vergognarsi, non camminando con astuzia, né adulterando la parola di Dio, ma rendendo la verità manifesta, raccomandandoci ad ogni coscienza umana dinanzi a Dio" (2 Cor. 4:1-2)

 TESTIMONI DI GEOVA ONLINE FORUM 
14/03/2018 19.57
 
Modifica
 
Cancella
 
Quota
verderame
[Non Registrato]
Ma se volontiariamente di dissocia è perchè non vuole avere più a che fare con noi, quindi a che pro noi dovremmo perdere tempo con chi volutamente non vuole avere più a che fare con noi?

Questa si chiama strategia teocratica.
Si rende conto di cosa scrive ?
Lei sta scrivendo che lei rompe i comuni rapporti sociali , con genitori e figli, nipotini compresi, per motivi religiosi.
Un figlio , un genitore, un fratello, non è vero che non vuole avere più a che fare con voi socialmente " questa è strategia...", semplicemente smette di seguire l'organizzazione.
Ora è la sua organizzazione che le detta di non frequentare i suddetti familiari.., per paura di perdere anche lei come ademta.
Non è scritto da nessuna parte di rompere i rapporti sociali con un figlio , un genitore, un fratello che non segue più l'organizzazione ; e non si dica che sono peccatori impenitenti
14/03/2018 21.02
 
Email
 
Scheda Utente
 
Modifica
 
Cancella
 
Quota
OFFLINE
Post: 28.567
Città: MILANO
Età: 48
TdG
Re:
verderame, 14/03/2018 19:57:

Ma se volontiariamente di dissocia è perchè non vuole avere più a che fare con noi, quindi a che pro noi dovremmo perdere tempo con chi volutamente non vuole avere più a che fare con noi?

Questa si chiama strategia teocratica.
Si rende conto di cosa scrive ?
Lei sta scrivendo che lei rompe i comuni rapporti sociali , con genitori e figli, nipotini compresi, per motivi religiosi.
Un figlio , un genitore, un fratello, non è vero che non vuole avere più a che fare con voi socialmente " questa è strategia...", semplicemente smette di seguire l'organizzazione.
Ora è la sua organizzazione che le detta di non frequentare i suddetti familiari.., per paura di perdere anche lei come ademta.
Non è scritto da nessuna parte di rompere i rapporti sociali con un figlio , un genitore, un fratello che non segue più l'organizzazione ; e non si dica che sono peccatori impenitenti



Volendo si, puo' essere vista come una "strategia teocratica".
Altri hanno già provato altre "strategie teocratiche", in base alle quali tutti possono fare tutto, e non succede nulla.

Il risultato è che poi non si vede piu' neanche la differenza tra cristiani e non.
Secondo noi tdG, invece, la differenza si deve vedere.
A lei non va bene?

Simon
14/03/2018 21.11
 
Email
 
Scheda Utente
 
Modifica
 
Cancella
 
Quota
OFFLINE
Post: 53.178
Moderatore
Caro Verderame,


Ma se volontiariamente di dissocia è perchè non vuole avere più a che fare con noi, quindi a che pro noi dovremmo perdere tempo con chi volutamente non vuole avere più a che fare con noi?



Appunto, non perdiamo tempo con lui. Non viene espulso, prendiamo atto del fatto che "non vuole avere più a che fare con noi" e lo accontentiamo: "non abbiamo più a che fare con lui", ovviamente per quel che riguarda questioni di svago o spirituali.


Un figlio , un genitore, un fratello, non è vero che non vuole avere più a che fare con voi socialmente " questa è strategia...", semplicemente smette di seguire l'organizzazione.



Frase incomprensibile. Ma di chi sta parlando? Chi smette di seguire l'organizzazione e non è più attivo nell'organizzazione non è scomunicato.


Ora è la sua organizzazione che le detta di non frequentare i suddetti familiari.., per paura di perdere anche lei come ademta



La mia organizzazione non "detta" nulla, come comportarsi con i famigliari scomunicati o inattivi è lasciato alla coscienza. Per il resto... "ademta"? Verderame... la vedo un po' confusa. Mi faccia la cortesia, guardi la realtà e la smetta di frequantare siti razzisti, le confondono le idee. Le quoto Simon:

"Altri hanno già provato altre "strategie teocratiche", in base alle quali tutti possono fare tutto, e non succede nulla. Il risultato è che poi non si vede piu' neanche la differenza tra cristiani e non. Secondo noi tdG, invece, la differenza si deve vedere. A lei non va bene?"

Shalom


[Modificato da barnabino 14/03/2018 23.11]
--------------------------------------------------------------------
Sijmadicandhapajiee, gente per cui le arti stan nei musei - Paolo Conte

FORUM TESTIMONI DI GEOVA
14/03/2018 22.22
 
Email
 
Scheda Utente
 
Modifica
 
Cancella
 
Quota
OFFLINE
Post: 26.357
Città: ANCONA
Età: 60
TdG
Re:
verderame, 14/03/2018 19.57:

Ma se volontiariamente di dissocia è perchè non vuole avere più a che fare con noi, quindi a che pro noi dovremmo perdere tempo con chi volutamente non vuole avere più a che fare con noi?

Questa si chiama strategia teocratica.




[SM=g27993]

verderame, 14/03/2018 19.57:


Si rende conto di cosa scrive ?
Lei sta scrivendo che lei rompe i comuni rapporti sociali , con genitori e figli, nipotini compresi, per motivi religiosi.





io non ho scritto nulla di tutto ciò!

Puoi segnalarmi dove l' avrei scritto?


verderame, 14/03/2018 19.57:


Un figlio , un genitore, un fratello, non è vero che non vuole avere più a che fare con voi socialmente " questa è strategia...", semplicemente smette di seguire l'organizzazione.




bene, basta che divenga inattivo ed è automaticamente fuori!
Dissociarsi è altra cosa...
Se io avessi un figlio dissociato che non vive con me?
IO- AQUILA-58, portando il mio carico (Galati 6:5), manterrei ogni contatto con mio figlio, perchè la mia coscienza mi porta a fare questo, mentre mi comporterei differentemente con chi si dissocia e non è mio parente.
Capisci che è una QUESTIONE DI COSCIENZA MENTRE TU, IN MANIERA DEL TUTTO TOTALITARIA, FAI DI OGNI ERBA UN FASCIO?
LO CAPISCI?
STAI APRENDO GLI OCCHI?



verderame, 14/03/2018 19.57:


Ora è la sua organizzazione che le detta di non frequentare i suddetti familiari.., per paura di perdere anche lei come ademta.
Non è scritto da nessuna parte di rompere i rapporti sociali con un figlio , un genitore, un fratello che non segue più l'organizzazione ; e non si dica che sono peccatori impenitenti




Guarda, quello che scrivi è ridicolo e dico ridicolo per non dire di peggio!
La mia organizzazione MI DETTA DI NON FREQUENTARE I SUDDETTI FAMILIARI?

Bene, allora questa bestialità che hai scritto ora la devi provare ed ESIGO CHE TU MI POSTI LA PUBBLICAZIONE IN CUI LO SFD DETTA, IMPONE DI NON FREQUENTARE I SUDDETTI FAMILIARI.

Attendo...

[SM=g27987]
[Modificato da Aquila-58 14/03/2018 22.27]
-------------------------
"Perciò, siccome abbiamo questo ministero secondo la misericordia che ci è stata mostrata, non veniamo meno; 2 ma abbiamo rinunciato alle cose subdole di cui c’è da vergognarsi, non camminando con astuzia, né adulterando la parola di Dio, ma rendendo la verità manifesta, raccomandandoci ad ogni coscienza umana dinanzi a Dio" (2 Cor. 4:1-2)

 TESTIMONI DI GEOVA ONLINE FORUM 
15/03/2018 10.58
 
Modifica
 
Cancella
 
Quota
VVRL
[Non Registrato]
Re: Re: Re: Re: Re:
Aquila-58, 14/03/2018 18.36:




e quindi?
La Scrittura dice che il cristiano non può praticare il peccato (1 Giovanni 3:9).
Quindi "esce dall' ovile" di sua spontanea volontà?


E' ovvio che chi pratica il peccato non può più chiamarsi cristiano, infatti di sua spontanea volontà esce dall'ovile.


Liberissimo di farlo, ovviamente, ma liberi anche noi di non voler avere nulla a che fare con questo "fratello" finchè non smetterà di praticare il peccato (cosa che il cristiano non può e non deve fare) e libera anche la Congregazione di proteggersi (1 Corinti 5:6).


Infatti voi praticate l'ostracismo verso chi deliberatamente commette qualsiasi peccato, concetto non biblico dato che continui ad applicare 1 Cor. 5:6 alle pecorelle smarrite che escono dall'ovile e non certo ai lupi rapaci che rimangono nell'ovile per mangiare le pecore. Ripeterò pure le stesse cose, ma per il semplice motivo che non capite l'errore che commettete nel mettere le pecore smarrite sullo stesso piano dei lupi rapaci.


Ovviamente se quel fratello dovesse cessare la pratica del peccato e tornare nella Congregazione Cristiana, ognuno di noi ne sarebbe pienamente lieto, ma quel fratello non farebbe un favore a noi, farebbe un favore a se stesso smettendo di vivere nella pratica del peccato...


Chissà come mai invece Gesù dice di lasciare le 99 pecore nell'ovile per andare alla ricerca di quella smarrita.
Il vero popolo di Dio deve andare alla ricerca di tutti gli ex fratelli per riportarli all'ovile e non certo come fate voi che li isolate socialmente qualsiasi sia il peccato commesso.




15/03/2018 11.42
 
Modifica
 
Cancella
 
Quota
verderame
[Non Registrato]

"ademta"? Verderame... la vedo un po' confusa.


Puerile, e vago, per un errore di tastiera.. ?[SM=g28001]


Il video non fornisce alcuna direttiva, ne abbiamo già discusso. Conosci forse qualcuno disciplinato per aver risposto al telefono ad un disassociato?



No ? E qual'è lo scopo del video, se non quello di insegnare con quella dimostrazione visiva, a non rispondere ad una madre che si è dissociata ? Perchè proporlo ?


Guarda, quello che scrivi è ridicolo e dico ridicolo per non dire di peggio!
La mia organizzazione MI DETTA DI NON FREQUENTARE I SUDDETTI FAMILIARI?

Bene, allora questa bestialità che hai scritto ora la devi provare ed ESIGO CHE TU MI POSTI LA PUBBLICAZIONE IN CUI LO SFD DETTA, IMPONE DI NON FREQUENTARE I SUDDETTI FAMILIARI.

Attendo...


Ma lai visionato il video edito jw.org ,dove la figlia non risponde al telefono alla madre , perchè si è dissociata, e quindi rompe i rapporti sociali ,per motivi religiosi, cui sopra ho scritto a barnabino ?
Tutta l'erba un fascio ,la fate voi, interrompendo i rapporti sociali , coi parenti stretti, come ne è un esempio nel video.
Questi insegnamenti e direttive, dividono le famiglie; altro che direttive amorevoli..



Ma se volontiariamente di dissocia è perchè non vuole avere più a che fare con noi, quindi a che pro noi dovremmo perdere tempo con chi volutamente non vuole avere più a che fare con noi?

Appunto, non perdiamo tempo con lui. Non viene espulso, prendiamo atto del fatto che "non vuole avere più a che fare con noi" e lo accontentiamo: "non abbiamo più a che fare con lui", ovviamente per quel che riguarda questioni di svago o spirituali.




Questa l'ha scritta il suo fratello in fede ,e io ho replicato.
Poi ,se con madre, padre, figli e nipotini compresi, non avete attività di svago "quindi non avete rapporti sociali", quali rapporti avete ? [SM=g27993] [SM=g27993]

Il Cristo Il Signore vi Ama, e vi chiama a SE, e non certo a seguire direttive e video ,che dividono le famiglie per motivi religiosi.
Ama il tuo prossimo e fagli del bene ,recita il Maestro E Signore.Mentre tali direttive ed azioni, mostrano chiara intolleranza, in nome di una organizzazione religiosa, che da tali Fatti "intolleranza" il Signore Dio, non vi conosce , non è con voi,
e inoltre come ho scritto: molte volte siete andati oltre ciò che è scritto.

Non rispondere a telefono ad una madre...,perchè si è dissociata, dicendole : << quando tornerai a Geova tutto sarà come prima tra noi >>, è aberrante ,asociale e non contepla certo lo spirito evangelico.
Ama il tuo prossimo e fagli del bene .
Mentre ciò che seguite ed operate verso il prossimo che si dissocia, è solo male ; quale disciplina secondo Ebrei 12..., deve ricevere chi smette di essere vostro fratello in fede ?
E voi rompete di Fatto con Genitori..nipotini.., ogni rapporto sociale ?
Beh, son contento che qualcuno tra voi , scrive che non li rompe i rapporti sociali, ma del resto, è solo atto disumano e intolleranza.
15/03/2018 13.38
 
Email
 
Scheda Utente
 
Modifica
 
Cancella
 
Quota
OFFLINE
Post: 53.178
Moderatore
Caro VVRL,


Infatti voi praticate l'ostracismo verso chi deliberatamente commette qualsiasi peccato, concetto non biblico dato che continui ad applicare 1 Cor. 5:6 alle pecorelle smarrite che escono dall'ovile e non certo ai lupi rapaci che rimangono nell'ovile per mangiare le pecore



Vorrei che mi facessi vedere dove le Scritture parlano di "pecorelle smarriti" a proposito di peccatori impenitenti.


Ripeterò pure le stesse cose, ma per il semplice motivo che non capite l'errore che commettete nel mettere le pecore smarrite sullo stesso piano dei lupi rapaci



Perdonami, ma sei tu a mettere le pecore smarrite sullo stesso piano di lupi rapaci e non noi, per questo nella tua chiesa, e non nella nostra, è pieno di assassini, stupratori, pedofili indisturbati... ripeto, se a te va bene così e pensi che sia questo il popolo di Dio, un popolo dove il pedofilo non deve subire alcuna disciplina religiosa, a noi va benissimo così, i nostri figli non frequantano le vostre chiese.


Chissà come mai invece Gesù dice di lasciare le 99 pecore nell'ovile per andare alla ricerca di quella smarrita



Ma non lascia certo le 99 pecore indifese per cercare il lupo, che nell'ovile mangerebbe le pecorelle di Dio.

Shalom
--------------------------------------------------------------------
Sijmadicandhapajiee, gente per cui le arti stan nei musei - Paolo Conte

FORUM TESTIMONI DI GEOVA
Nuova Discussione
Rispondi

Home Forum | Album | Utenti | Cerca | Login | Registrati | Amministra
Crea forum gratis, gestisci la tua comunità! Iscriviti a FreeForumZone
FreeForumZone [v.5.0.0] - Leggendo la pagina si accettano regolamento e privacy
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 23.29. Versione: Stampabile | Mobile
Copyright © 2000-2018 FFZ srl - www.freeforumzone.com