printprint
New Thread
Reply
 
Previous page | 1 | Next page

Confutazione trasmissione radio Maria del GRIS di agosto 2018...

Last Update: 8/25/2018 6:22 PM
Author
Print | Email Notification    
8/18/2018 3:51 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 9,893
ViceAdmin
...su tdG e aderenza alla Costituzione!/ I cattolici devono odiare o amare i tdG?
Confutazione trasmissione radio Maria del GRIS di ottobre 2019...confutazione radio maria10/15/2019 1:07 PM by (SimonLeBon)
Fine del mondo - I Testimoni di Geova hanno sbagliato?35 pt.10/23/2019 10:08 PM by Aquila-58
Pensiero ebraico sulla condizione dei morti19 pt.10/23/2019 10:55 PM by barnabino
8/18/2018 3:53 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 9,893
ViceAdmin
...su tdG e aderenza alla Costituzione!

Dopo il preambolo di don Fiorino, prende la parola il prof. Brunetta, avvocato dell’associazione “Quo Vadis” (presieduta da Rocco Politi), che affronta il tema della presunta mancata aderenza da parte dei tdG ai principi fondamentali tutelati dalla costituzione italiana.

Secondo lui infatti i tdG non meriterebbero il riconoscimento giuridico per i diversi motivi.

I tdG violerebbero gli articoli della Costituzione italiana e in particolare i diritti fondamentali della persona in essa riconosciuti in particolare gli articoli 4, 8 e 19. Verrebbero violati quando ad esempio i vertici dei tdG impediscono di accettare una trasfusione di sangue anche nel momento in cui è in gioco la vita o similmente quando hanno vietato i trapianti d’organo.

E ancora quando vietano l’elettorato attivo e passivo, quindi è loro vietato occuparsi di politica, aspetti alla base di una democrazia. Per non parlare di altri divieti che limitano i diritti e le libertà fondamentali (vendita di sigarette, di gratta e vinci o di simboli religiosi e altro ancora…) e che mostrano l’incompatibilità di tale congregazione con la suprema legge italiana!

Lo stato dovrebbe quindi andare a verificare nel dettaglio i diritti e i doveri in essere nella Congregazione dei TdG e confrontarli con i diritti e i doveri riconosciuti dalla Costituzione italiana, ritenuti irrinunciabili e irrevocabili ma che vengono inesorabilmente da loro violati. Pensiamo ad es. alla mancata aderenza all’articolo 2 della costituzione che richiede la solidarietà sociale, aspetto questo nei quali i tdG sono negligenti, dal momento che si limitano ad un rapporto privilegiato fra di loro che si considerano i soli nella verità. Per non parlare poi di quando uno di loro viene disassociato e quindi privato di ogni forma di solidarietà sociale, che la Costituzione invece impone nei confronti di ogni persona. I disassociati vengono infatti esposti all’ostracismo. E nei casi in cui uno solo dei coniugi si converte ai tdG ecco che la famiglia scoppia, a causa dell’intransigenza del tdG, come è accaduto a molte famiglie che ho seguito di persona. Pensiamo anche alla violazione della libertà dei figli cui viene impedito ad es. di festeggiare i compleanni. O ancora non possono leggere letteratura di altre confessioni religiose, essendo rigidamente ancorati alla sola letteratura propinata loro dal Corpo Direttivo.

E’ un problema non indifferente anche perché al momento non esiste ancora una legislazione in materia di plagio, perciò diventa difficile dimostrare questo indottrinamento che subiscono i membri della Congregazione dei TdG!
[Edited by viceadmintdg1 8/18/2018 4:58 PM]
8/18/2018 4:42 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 11,183
Location: ACCIANO
Age: 85
TdG
Niente e' vietato [SM=g27987] ogni uno scieglie come adulti [SM=g27987]
8/18/2018 6:32 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 30,381
Location: ANCONA
Age: 61
TdG
Re: ...su tdG e aderenza alla Costituzione!
viceadmintdg1, 18/08/2018 15.53:


Dopo il preambolo di don Fiorino, prende la parola il prof. Brunetta, avvocato dell’associazione “Quo Vadis”

(presieduta da Rocco Politi)
,




ah ecco!
Di sicuro un' associazione del tutto imparziale.... [SM=g27985]


viceadmintdg1, 18/08/2018 15.53:


che affronta il tema della presunta mancata aderenza da parte dei tdG ai principi fondamentali tutelati dalla costituzione italiana.

Secondo lui infatti i tdG non meriterebbero il riconoscimento giuridico per i diversi motivi.




sentiamo....


viceadmintdg1, 18/08/2018 15.53:



I tdG violerebbero gli articoli della Costituzione italiana e in particolare i diritti fondamentali della persona in essa riconosciuti in particolare gli articoli 4, 8 e 19. Verrebbero violati quando ad esempio i vertici dei tdG impediscono di accettare una trasfusione di sangue anche nel momento in cui è in gioco la vita o similmente quando hanno vietato i trapianti d’organo.




"i vertici dei tdg" non vietano un bel nulla, se non nelle vostre elucubrazioni mentali.
Il cristiano testimone di Geova, quando si battezza (certamente non da neonato....), è già pienamente consapevole che la Bibbia stabilisce la santità del sangue, per cui scritturalmente è ammesso solo l' uso relativo al culto e ai sacrifici. Con il sacrificio perfetto e definitivo di Cristo nel vero Tempio, quello celeste (Ebrei 9:11-12 ; 10:10), non siamo tenuti a fare alcun uso profano del sangue.
I cristiani testimoni di Geova si attengono ai principi della Bibbia e sanno che contravvenirli non servirebbe a nulla: avere affetto per la propria vita ora, anche al di sopra del comandamento divino di astenersi dal sangue sancito sotto la guida dello spirito in Atti 15:29, porterebbe a questo:

"Chi ama la propria vita, la perde e chi odia la propria vita in questo mondo, la conserverà per la vita eterna" (Giovanni 12:25 CEI), dove "odiare" è da intendersi in senso biblico, ergo di non amare neppure la nostra vita più di Dio e dei suoi principi...


viceadmintdg1, 18/08/2018 15.53:


E ancora quando vietano l’elettorato attivo e passivo, quindi è loro vietato occuparsi di politica, aspetti alla base di una democrazia.




anche qui i cristiani testimoni di Geova si attengono alle parole di Gesù di non far parte di questo mondo (Giovanni 15:18,19 ; 17:14, 16) e quindi mantengono in politica una rigorosa neutralità.
Questa neutralità permette alla Congregazione Cristiana di mantenere l' unità interna (Giovanni 17:11), cosa che le rivalità politiche non permetterebbero, perchè finirebbero per essere un fattore divisivo fra cristiani, come accade nelle altre chiese...
Ma anche qui non vi è nessun divieto: forse voi avete scambiato la Congregazione Cristiana per la Questura, ma è così solo nelle vostre fantasie.
Il cristiano testimone di Geova è perfettamente consapevole di questi principi scritturali sin da quando decide consapevolmente di battezzarsi!


viceadmintdg1, 18/08/2018 15.53:


Per non parlare di altri divieti che limitano i diritti e le libertà fondamentali (vendita di sigarette, di gratta e vinci o di simboli religiosi e altro ancora…) e che mostrano l’incompatibilità di tale congregazione con la suprema legge italiana!




anche qui nessun divieto, ma principi scritturali che inducono il cristiano testimone di Geova ad agire di conseguenza rispetto ai temi da lei accennati..........non mi dirà poi che la "suprema" legge italiana imponga di fumare e di giocare al gratta e vinci?
[SM=g27985]

viceadmintdg1, 18/08/2018 15.53:


Lo stato dovrebbe quindi andare a verificare nel dettaglio i diritti e i doveri in essere nella Congregazione dei TdG e confrontarli con i diritti e i doveri riconosciuti dalla Costituzione italiana, ritenuti irrinunciabili e irrevocabili ma che vengono inesorabilmente da loro violati. Pensiamo ad es. alla mancata aderenza all’articolo 2 della costituzione che richiede la solidarietà sociale, aspetto questo nei quali i tdG sono negligenti, dal momento che si limitano ad un rapporto privilegiato fra di loro che si considerano i soli nella verità.




Lei sbaglia e di grosso!
Legga qui se i cristiani testimoni di Geova sono negligenti nella solidarità sociale

testimonidigeova.freeforumzone.com/d/10261567/-/discussi...

testimonidigeova.freeforumzone.com/d/9404510/-/discussi...

testimonidigeova.freeforumzone.com/d/10065047/-/discussi...


e potrei citare molti altri link, ma credo che basti.
I cristiani testimoni di Geova, al contrario di quello che Lei afferma, contribuiscono sin da ora a migliorare la società in cui viviamo!

Per mezzo dell' istruzione biblica che svolgono, i cristiani testimoni di Geova aiutano le persone a mettere in pratica i principi biblici contribuendo a eliminare alla radice piaghe sociali come alcolismo, droga, delinquenza, bullismo, crisi della famiglia, egoismo e avidità commerciale, razzismo e molto altro ancora


viceadmintdg1, 18/08/2018 15.53:


Per non parlare poi di quando uno di loro viene disassociato e quindi privato di ogni forma di solidarietà sociale, che la Costituzione invece impone nei confronti di ogni persona. I disassociati vengono infatti esposti all’ostracismo.




Falso!
I cristiani testimoni di Geova non praticano alcun "ostracismo"-

Il termine "ostracismo" peraltro è del tutto fuori luogo: ostracizzare, nel significa odierno, significa mettere al bando, tenere lontano qualcuno, isolarlo.

Ma questo ostracismo è differente dalla disassociazione perchè è fine a se stesso: si mette al bando ad esempio un partito politico, un' associazione, si isolano i suoi componenti, perchè la lotta è contro la loro ideologia o le loro idee e contro coloro che la perseguono e il fine ultimo e eliminarli, anche fisicamente e la storia è piena di questi "ostracismi"...

La disciplina divina espressa in Ebrei 12:5-11 è l' esatto contrario di ciò!

Lo scopo è quello di mettere al bando, isolare o tenere lontano il disassociato in modo fine a se stesso?
No, caro avvocato!

Lo scopo, nell' ambito di una disciplina scritturale indubbiamente dura (ma che produce il pacifico frutto della giustizia, come scritto in Ebrei 12:5-11...), è quello di salvare colui che, col peccato, ha momentaneamente interrotto la sua relazione con Dio (1 Corinti 5:5) e di proteggere la Congregazione, che ha il sacrosanto diritto di proteggersi e ciò vale anche per i dissociati o verso chi cerca di sovvertire la fede dall' interno (1 Corinti 5:6 : 2 Timoteo 2:17-18 ; 1 Timoteo 1:20 ; Tito 3:10-11).



viceadmintdg1, 18/08/2018 15.53:


E nei casi in cui uno solo dei coniugi si converte ai tdG ecco che la famiglia scoppia, a causa dell’intransigenza del tdG, come è accaduto a molte famiglie che ho seguito di persona.




falso!
Il cristiano testimone di Geova si attiene ai principi espressi in 1 Timoteo 5:8 ; 1 Corinti 7:12-16 ; 1 Pietro 3:1-2, tutti finalizzati alla salvaguardia della famiglia.

Vuole invece che le racconti cosa è successo a me, nella mia famiglia cattolica, quando - solo! - sono diventato un testimone di Geova e cosa è accaduto, analogamente, a molti altri fratelli nelle stesse mie circostanze?

Beh, evito di raccontarle quello che ho (che abbiamo) subito, per non rattristare eccessivamente i visitatori del forum...


viceadmintdg1, 18/08/2018 15.53:


Pensiamo anche alla violazione della libertà dei figli cui viene impedito ad es. di festeggiare i compleanni. O ancora non possono leggere letteratura di altre confessioni religiose, essendo rigidamente ancorati alla sola letteratura propinata loro dal Corpo Direttivo.




guardi, riguardo ai compleanni, il bambino testimone di Geova è molto più felice di tanti altri bambini, giacchè i regali li riceve in ogni circostanza, magari inaspettatamente (la cosa più bella!), piuttosto che in date fissate o alle feste comandate.

Soprattutto, il bambino testimone di Geova ha il dono più grande: l' amore e la vicinanza costante del papà e della mamma, perchè - si sa - per un bambino l' amore dei genitori e la loro costante attenzione e vicinanza è essenziale più del pane!



viceadmintdg1, 18/08/2018 15.53:


E’ un problema non indifferente anche perché al momento non esiste ancora una legislazione in materia di plagio, perciò diventa difficile dimostrare questo indottrinamento che subiscono i membri della Congregazione dei TdG!



guardi, per il "plagio" legga qui, caro avvocato.


tdgonline.altervista.org/gli-apostati-e-il-mito-del-plagio-mentale-testimoni-di-geova-subiscono-il-lavaggio-del-c...

Ormai ci siete rimasti solo voi a credere ancora alla barzelletta del "plagio".

Ma non attacca più: la gente legge questo forum, il forum a carattere religioso più seguito d' Italia!

La saluto e alla prossima






[Edited by Aquila-58 8/18/2018 7:02 PM]
-------------------------
"Perciò, siccome abbiamo questo ministero secondo la misericordia che ci è stata mostrata, non veniamo meno; 2 ma abbiamo rinunciato alle cose subdole di cui c’è da vergognarsi, non camminando con astuzia, né adulterando la parola di Dio, ma rendendo la verità manifesta, raccomandandoci ad ogni coscienza umana dinanzi a Dio" (2 Cor. 4:1-2)

 TESTIMONI DI GEOVA ONLINE FORUM 
8/18/2018 6:56 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
ONLINE
Post: 32,671
Location: PINEROLO
Age: 49
TdG
Re: ...su tdG e aderenza alla Costituzione!
viceadmintdg1, 18/08/2018 15:53:


Dopo il preambolo di don Fiorino, prende la parola il prof. Brunetta, avvocato dell’associazione “Quo Vadis” (presieduta da Rocco Politi), che affronta il tema della presunta mancata aderenza da parte dei tdG ai principi fondamentali tutelati dalla costituzione italiana.

Secondo lui infatti i tdG non meriterebbero il riconoscimento giuridico per i diversi motivi.

I tdG violerebbero gli articoli della Costituzione italiana e in particolare i diritti fondamentali della persona in essa riconosciuti in particolare gli articoli 4, 8 e 19. Verrebbero violati quando ad esempio i vertici dei tdG impediscono di accettare una trasfusione di sangue anche nel momento in cui è in gioco la vita o similmente quando hanno vietato i trapianti d’organo. ...



Un vero artista, questo avvocato.
Secondo le sue parole andrebbero tutti arrestati come fuorilegge, i 250'000 tdG italiani.

Simon
8/18/2018 7:15 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 30,381
Location: ANCONA
Age: 61
TdG
Re: Re: ...su tdG e aderenza alla Costituzione!
(SimonLeBon), 18/08/2018 18.56:




Secondo le sue parole andrebbero tutti arrestati come fuorilegge, i 250'000 tdG italiani.






in fondo è proprio quello che vorrebbero....considerarci "estremisti", stile Russia insomma.



[Edited by Aquila-58 8/18/2018 7:16 PM]
-------------------------
"Perciò, siccome abbiamo questo ministero secondo la misericordia che ci è stata mostrata, non veniamo meno; 2 ma abbiamo rinunciato alle cose subdole di cui c’è da vergognarsi, non camminando con astuzia, né adulterando la parola di Dio, ma rendendo la verità manifesta, raccomandandoci ad ogni coscienza umana dinanzi a Dio" (2 Cor. 4:1-2)

 TESTIMONI DI GEOVA ONLINE FORUM 
8/23/2018 3:23 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 9,893
ViceAdmin
Il successivo intervento è a cura di Rocco Politi. Circa l'attendilita' delle critiche dei fuoriusciti rimandiamo, come di consueto, al seguente articolo del nostro sito TdGOnline:

I FUORIUSCITI DEI TESTIMONI DI GEOVA: TRA FENOMENOLOGIA E STATISTICA – Cosa dicono gli esperti?
8/23/2018 3:25 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 9,893
ViceAdmin
Il successivo e ultimo intervento è a cura di don Battista Cadei che affronta il temda: TdG: NEMICI DA ODIARE O FRATELLI DA AMARE? dicendo:



Parecchi anni fa, tenni in una parrocchia una conferenza di confronto tra l'insegnamento dei tdG e la dottrina cattolica, e l'enorme distanza tra le due religioni, dalla traduzione e interpretazione della Bibbia, alla negazione della divinità di Gesù e della trinità divina, e conclusi che, pur con tutto il rispetto, non possiamo considerarli cristiani. Una signora del pubblico alzò la mano e mi chiese: «Allora cosa salva dei tdG?». Risposi: «Salvo sempre la buona fede, fino a dimostrazione del contrario». Col passare del tempo, oggi risponderei qualcosa di più: in base alla Scrittura i tdG non sono nemici da odiare ma fratelli da amare, indipendentemente da come essi trattano noi.

Secondo i tdG: chi non è con Geova, è con Satana. E concludono che per es. bisogna odiare gli apostati:
«Quando il male diventa così radicato da essere parte integrante della loro personalità, allora il cristiano deve odiare, nel senso biblico del termine, costoro che si sono inseparabilmente legati al male» (La Torre di Guardia, 1.10.93, p.19).

Quindi, divisione manichea: o con Geova o con Satana, non ci sono vie di mezzo. Una giovane signora, studiando per diventare tdG, quando le dissero che nella Chiesa Cattolica tutto è satanico, obiettò che Teresa di Calcutta, allora vivente, non le pareva satanica. Risposta: M. Teresa è peggio degli altri, perché sta scritto: «anche Satana si maschera da angelo di luce» (2Cor 11,14).

Secondo il NT: Se siamo infedeli, lui (il Signore) rimane fedele, perché non può rinnegare se stesso (2Tm 2,13). Bisogna amare i tdG come fratelli? Sì!(anche se non fratelli di fede).

Gesù disse: "Ma io vi dico: amate i vostri nemici e pregate per quelli che vi perseguitano, affinché siate figli del Padre vostro che è nei cieli; egli fa sorgere il suo sole sui cattivi e sui buoni, e fa piovere sui giusti e sugli ingiusti (Mt 5,44-47).
Tutti figli del Padre celeste, siam fratelli tra noi.

Giovanni XXIII, nel discorso Gaudet Mater Ecclesia, in apertura del Concilio Vaticano II (1962) disse:
«Sempre la Chiesa si è opposta a questi errori; spesso li ha anche condannati con la massima severità. Ora, tuttavia, la sposa di Cristo preferisce usare la medicina della misericordia piuttosto che della severità. Essa ritiene di venire incontro ai bisogni di oggi mostrando la validità della sua dottrina, piuttosto che rinnovando condanne...
Così stando le cose, la chiesa cattolica, innalzando, per mezzo di questo concilio ecumenico, la fiaccola della verità religiosa, vuol mostrarsi madre amorevole di tutti, benigna, paziente, piena di misericordia e di bontà, anche verso i figli da lei separati».

Ancora Giovanni XXIII, scrisse in Pacem in terris (1963, 57):

«Non si dovrà mai però confondere l'errore con l'errante, anche quando si tratta di errore o di conoscenza inadeguata della verità in campo morale religioso. L'errante è sempre ed anzitutto un essere umano e conserva, in ogni caso, la sua dignità di persona; e va sempre considerato e trattato come si conviene a tanta dignità. Inoltre in ogni essere umano non si spegne mai l'esigenza, congenita alla sua natura, di spezzare gli schemi dell'errore per aprirsi alla conoscenza della verità. E l'azione di Dio in lui non viene mai meno. Per cui chi in un particolare momento della sua vita non ha chiarezza di fede, o aderisce ad opinioni erronee, può essere domani illuminato e credere alla verità. Gli incontri e le intese, nei vari settori dell'ordine temporale, fra credenti e quanti non credono, o credono in modo non adeguato, perché aderiscono ad errori, possono essere occasione per scoprire la verità e per renderle omaggio».

Paolo VI, affermò in Ecclesiam suam(1964, 98) parlando della Chiesa:
«Nessuno è estraneo al suo cuore. Nessuno è indifferente per il suo ministero. Nessuno le è nemico, che non voglia egli stesso esserlo».

Trattarli con grande amore. Un amico mi disse: «Tu ce l'hai a morte coi tdG». Ma io penso di loro ciò che scrisse san Paolo riguardo agli ebrei: «Hanno zelo per Dio, ma non secondo una retta conoscenza» (Rm 10,2). Da anni mi batto perché i cattolici prendano sul serio i tdG e rispettino e difendano la loro libertà di coscienza. Gesù è morto anche per loro, e lo Spirito Santo agisce anche in essi. Perciò dovrebbe scomparire ogni espressione polemica o sprezzante o anche solo spiritosa: gli scherzi son belli quando ridono tutti. Dovrebbero scomparire anche storpiature spiritose, come cambiare Geova in Genova: è vero che quel nome è frutto di un errore, ma per i tdG è il nome santissimo di Dio e perciò da rispettare. Dobbiamo, per quello che dipende da noi e indipendentemente dal loro comportamento, fare sì che sentano che li amiamo e rispettiamo.
Dialogare nei rari casi in cui ciò è possibile e forse probabile? Lo vedremo il mese prossimo.



Lascio la parola a chi desidera rispondere...
8/25/2018 10:37 AM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
ONLINE
Post: 32,671
Location: PINEROLO
Age: 49
TdG
Re:
Cadei:

“Parecchi anni fa, tenni in una parrocchia una conferenza di confronto tra l'insegnamento dei tdG e la dottrina cattolica, e l'enorme distanza tra le due religioni, dalla traduzione e interpretazione della Bibbia, alla negazione della divinità di Gesù e della trinità divina, e conclusi che, pur con tutto il rispetto, non possiamo considerarli cristiani.

Una signora del pubblico alzò la mano e mi chiese: «Allora cosa salva dei tdG?».

Risposi: «Salvo sempre la buona fede, fino a dimostrazione del contrario».

Col passare del tempo, oggi risponderei qualcosa di più: in base alla Scrittura i tdG non sono nemici da odiare ma fratelli da amare, indipendentemente da come essi trattano noi.”




Commento solo questa porzione dell’intervento del “buon” Cadei, constatando che forse col tempo si diventa più comprensivi verso gli altri.

Infatti solo pochi anni prima dei pronunciamenti dei papi che lui cita, altri papi scrissero alcune pagine buie del lungo libro della chiesa cattolica romana.

Cito dal libro di Giorgio Spini “1.9 per mille. Anno XVI dell’era fascista” per ricordare che a quel tempo si contavano gli anni dalla “marcia su Roma” fascista.

Mussolini aveva firmato i patti lateranensi nel 1929, riconoscendo quella cattolica come religione di stato e discriminando tutte le altre. Nel 1938 lo stesso Mussolini varava le “Leggi razziali” di qui troviamo qui:

it.wikipedia.org/wiki/Leggi_razziali_fasciste

un riassunto e un commento. Erano anni in cui si agiva violentemente non solo contro gli ebrei, bersaglio dichiarato delle leggi razziali, ma anche verso tutte le altre religioni presenti nella penisola.

L’insieme dei gruppi protestanti era appunto stato stimato nel 1.9 per mille della popolazione italiana.

Anche i tdG vennero perseguitati ed imprigionati.
Tra questi, la moglie del famoso Remigio Cuminetti, Albina Protti-Cuminetti.
Allo scoppio della seconda guerra i tdG erano solo 150 ma tutti schedati dalle autorità e perseguitati per la loro fede. In molti casi il clero cattolico li denunciò alle autorità fasciste, causandone l’arresto e a volte la sparizione fisica, come spiegato con dovizia di particolari dal testo “Jehovah’s witnesses in Europe. Past and present.” di Besier e Stoklosa (Cambridge Scholars Publishing, 2016) alle pagine 14-29.

Le consiglio questa lettura, caro Cadei, per rinfrescarsi le idee sulla storia recente della sua chiesa e sul modo in cui ha mostrato "amore" in un recente passato.

Simon

8/25/2018 6:22 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 30,381
Location: ANCONA
Age: 61
TdG
Re:
Grazie Admin,


viceadmintdg1, 23/08/2018 15.25:



Parecchi anni fa, tenni in una parrocchia una conferenza di confronto tra l'insegnamento dei tdG e la dottrina cattolica.....e conclusi che, pur con tutto il rispetto, non possiamo considerarli cristiani.




Guardi, onestamente devo dirle una cosa: che per noi, non essere considerati cristiani da voi è un grandissimo onore.
Infatti noi non cerchiamo la gloria degli uomini (Giovanni 5:41).

Ci basta essere considerati cristiani da Dio e dal Figlio di Dio, che sanno molto bene che essere cristiani non c' entra nulla, ma proprio nulla con la divinità di Cristo.

Essere cristiani significa credere che Gesù è il Cristo, cioè a dire l' Unto, il Messia e come tale essere suoi discepoli.

Eppure ve lo abbiamo spiegato tantissime volte e sappiamo che ci leggete alla grande.....


viceadmintdg1, 23/08/2018 15.25:


Una signora del pubblico alzò la mano e mi chiese: «Allora cosa salva dei tdG?». Risposi: «Salvo sempre la buona fede, fino a dimostrazione del contrario». Col passare del tempo, oggi risponderei qualcosa di più: in base alla Scrittura i tdG non sono nemici da odiare ma fratelli da amare, indipendentemente da come essi trattano noi.




perchè noi trattiamo male i cattolici?
Svesta per una volta i panni dell' uomo di chiesa e venga con me a predicare, facendo finta di essere come me un testimone di Geova e vedrà con i suoi occhi come si comporta con noi una grande fetta dei suoi correligionari


viceadmintdg1, 23/08/2018 15.25:


Secondo i tdG: chi non è con Geova, è con Satana. E concludono che per es. bisogna odiare gli apostati:
«Quando il male diventa così radicato da essere parte integrante della loro personalità, allora il cristiano deve odiare, nel senso biblico del termine, costoro che si sono inseparabilmente legati al male» (La Torre di Guardia, 1.10.93, p.19).




Non è che per caso gli amici di Radio Maria stanno diventando un pochino ripetitivi?
Avevamo già risposta a questo nel giugno 2016, quando Cadei fece la stessa identica obiezione di oggi, citando la stessa Torre di Guardia.

testimonidigeova.freeforumzone.com/d/10892361/Confutazione-trasmissione-Radio-Maria-del-GRIS-di-giugno-2014-su-/discussi...

i visitatori del forum potranno leggere la risposta all’ obiezione del Cadei sull’ “odiare” gli apostati” nel post . 9, del giugno 2014!



viceadmintdg1, 23/08/2018 15.25:


Una giovane signora, studiando per diventare tdG, quando le dissero che nella Chiesa Cattolica tutto è satanico, obiettò che Teresa di Calcutta, allora vivente, non le pareva satanica. Risposta: M. Teresa è peggio degli altri, perché sta scritto: «anche Satana si maschera da angelo di luce» (2Cor 11,14).





purtroppo gli imbecilli non mancano in nessuna comunità e la nostra, ahimè, non fa eccezione....


viceadmintdg1, 23/08/2018 15.25:


Secondo il NT: Se siamo infedeli, lui (il Signore) rimane fedele, perché non può rinnegare se stesso (2Tm 2,13). Bisogna amare i tdG come fratelli? Sì!(anche se non fratelli di fede).

Gesù disse: "Ma io vi dico: amate i vostri nemici




quindi Lei ci paragona ai nemici che si devono amare?
Accidenti!


viceadmintdg1, 23/08/2018 15.25:



Trattarli con grande amore.




ripeto: venga una volta a predicare con me e vedrà quanto amore...
Ma l' astio dei suoi correligionari contro i cristiani testimoni di Geova non nasce certo dal nulla...piuttosto per una vostra precisa responsabilità e con "vostra" mi riferisco ovviamente a buona parte del clero cattolico...


viceadmintdg1, 23/08/2018 15.25:


Ma io penso di loro ciò che scrisse san Paolo riguardo agli ebrei: «Hanno zelo per Dio, ma non secondo una retta conoscenza» (Rm 10,2).




perchè "retta" conoscenza?
Mi scusi: Lei dice che "siamo in errore" e vuole impartirci una retta dottrina, ma non sa che nel testo greco non c'è scritto "retta conoscenza"?

Il Testo Sacro dice che avevano zelo per Dio, ma non "kat' epignosin ".
Il sostantivo epignosis è composto da epi ("su, sopra") e ginosko ("conoscere").
Si tratta quindi di un' accurata conoscenza, non retta conoscenza secondo il Magistero di chi si ritiene l' unico depositario della verità, come hanno scritto i papi che Lei ha citato.


viceadmintdg1, 23/08/2018 15.25:


Da anni mi batto perché i cattolici prendano sul serio i tdG e rispettino e difendano la loro libertà di coscienza. Gesù è morto anche per loro, e lo Spirito Santo agisce anche in essi.




bontà sua!


viceadmintdg1, 23/08/2018 15.25:


Perciò dovrebbe scomparire ogni espressione polemica o sprezzante o anche solo spiritosa: gli scherzi son belli quando ridono tutti.




perchè quindi non comincia Radio Maria a fare questa operazione?

Certo, ospitare l' avvocato dell' Associazione del signor R.P., che sostiene che i cristiani testimoni di Geova violino la Costituzione non mi sembra un buon inizio...



viceadmintdg1, 23/08/2018 15.25:


Dovrebbero scomparire anche storpiature spiritose, come cambiare Geova in Genova: è vero che quel nome è frutto di un errore,




Guardi: Sulla forma Geova, le abbiamo già brevemente risposto qui, senze che stiamo a ripetere


testimonidigeova.freeforumzone.com/d/11506775/-Confutazione-trasmissione-radio-Maria-del-GRIS-di-giugno-2018-/discussi...

i visitatori del forum potranno leggere la risposta all’ obiezione del Cadei circa “Geova frutto di un errore” nel post n. 8



viceadmintdg1, 23/08/2018 15.25:


ma per i tdG è il nome santissimo di Dio e perciò da rispettare.




non è che quel Nome sarà santissimo per Dio, visto che lo ha fatto riportare migliaia di volte nelle Sacre Scritture e che ci fa pregare per la sua santificazione?
Non le viene mai il sospetto?
A noi si...


viceadmintdg1, 23/08/2018 15.25:


Dobbiamo, per quello che dipende da noi e indipendentemente dal loro comportamento, fare sì che sentano che li amiamo e rispettiamo.
Dialogare nei rari casi in cui ciò è possibile e forse probabile? Lo vedremo il mese prossimo.

Lascio la parola a chi desidera rispondere...



Noi dialoghiamo tutti i giorni con gli amici cattolici che si comportano con educazione, quindi non abbiamo di questi problemi (salvo la maleducazione di alcuni).

Certo, mi rendo conto che, siccome la stragrande maggioranza dei suoi correligionari, ammesso che abbia una Bibbia in casa, al massimo la tiene a prendere polvere in qualche scaffale, Lei debba dare delle "istruzioni per l' uso" per il dialogo con noi.

Non si sa mai che diventassero testimoni di Geova, come in effetti è già avvenuto e avviene tutt' ora in moltissimi casi....

Alla prossima trasmissione di Radio Maria..




[Edited by Aquila-58 8/25/2018 6:35 PM]
-------------------------
"Perciò, siccome abbiamo questo ministero secondo la misericordia che ci è stata mostrata, non veniamo meno; 2 ma abbiamo rinunciato alle cose subdole di cui c’è da vergognarsi, non camminando con astuzia, né adulterando la parola di Dio, ma rendendo la verità manifesta, raccomandandoci ad ogni coscienza umana dinanzi a Dio" (2 Cor. 4:1-2)

 TESTIMONI DI GEOVA ONLINE FORUM 
Previous page | 1 | Next page
New Thread
Reply

Home Forum | Album | Users | Search | Log In | Register | Admin
Create your free community and forum! Register to FreeForumZone
FreeForumZone [v.5.0.0] - Leggendo la pagina si accettano regolamento e privacy
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 11:38 PM. : Printable | Mobile
Copyright © 2000-2019 FFZ srl - www.freeforumzone.com