printprint
New Thread
Reply
 

....: Scrittura del Giorno :....

Last Update: 11/24/2020 12:03 AM
Author
Print | Email Notification    
10/3/2020 12:07 AM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 4,045
TdG
Sabato 3 ottobre
L’uomo è diventato simile a uno di noi nel conoscere il bene e il male (Gen. 3:22)
Quando mangiarono il frutto dell’albero della conoscenza del bene e del male, Adamo ed Eva dimostrarono chiaramente che non avevano fiducia in Geova e nelle sue norme. Scelsero di stabilire da soli cosa è giusto e cosa è sbagliato. Ma rifletti sui risultati della loro scelta: persero l’amicizia di Geova e la possibilità di vivere per sempre. Inoltre trasmisero il peccato e la morte ai loro figli (Rom. 5:12). Vediamo la differenza tra il comportamento di Adamo ed Eva e quello di un eunuco etiope. Quando Filippo gli diede testimonianza, l’eunuco fu così grato per quello che Geova e Gesù avevano fatto per lui che si battezzò immediatamente (Atti 8:34-38). Quando ci dedichiamo a Dio e, come l’eunuco, ci battezziamo, dimostriamo chiaramente che siamo grati a Geova e Gesù per quello che hanno fatto per noi. Dimostriamo anche di avere fiducia in Geova e di riconoscere che deve essere lui a stabilire cosa è giusto e cosa è sbagliato. w19.03 2 parr. 1-2
____________________

forum Testimoni di Geova
10/4/2020 12:32 AM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 4,045
TdG
Domenica 4 ottobre
Non rinuncerò alla mia integrità! (Giob. 27:5)
Per i servitori di Dio essere integri significa amarlo con tutto il cuore ed essergli completamente devoti, così da prendere decisioni che tengano conto prima di tutto della sua volontà. Nella Bibbia la parola tradotta “integrità” si riferisce a qualcosa di completo, intero o sano. Ad esempio, gli animali sacrificati a Geova dovevano essere sani (Lev. 22:21, 22). I servitori di Dio non potevano offrire un animale a cui mancava una gamba, un orecchio o un occhio. Non potevano neppure offrire animali malati. Per Geova era importante che l’animale fosse sano e senza difetti (Mal. 1:6-9). Non è difficile capire perché. Infatti quando compriamo qualcosa, ad esempio un frutto, un attrezzo o un libro, vogliamo che sia completo e intatto. Non ne scegliamo uno rovinato o a cui manca qualche pezzo. Allo stesso modo, Geova vuole che il nostro amore e la nostra lealtà nei suoi confronti siano completi. w19.02 3 par. 3

____________________

forum Testimoni di Geova
10/5/2020 12:01 AM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 4,045
TdG
Lunedì 5 ottobre
Quanto amo la tua legge! Su di essa rifletto tutto il giorno (Sal. 119:97)
Per salvaguardare il nostro cuore, non basta respingere le influenze negative; dobbiamo anche far entrare quelle positive. Nelle antiche città circondate da mura il guardiano chiudeva le porte per fermare le invasioni nemiche, ma in altre occasioni le apriva per far portare all’interno cibo e altre provviste. Se non avesse mai aperto le porte, gli abitanti della città avrebbero sofferto la fame. In modo simile, dobbiamo aprire regolarmente le porte del nostro cuore per far entrare i pensieri di Dio. La Bibbia contiene i pensieri di Geova. Quindi ogni volta che la leggiamo lasciamo che questi influiscano sul nostro modo di pensare, sui nostri sentimenti e sulle nostre azioni. Inoltre per trarre il massimo dalla lettura della Bibbia è fondamentale pregare perché lui ci aiuti a ‘vedere chiaramente le meraviglie’ della sua Parola (Sal. 119:18). Dobbiamo anche meditare su quello che leggiamo. Quando preghiamo, leggiamo e meditiamo, la Parola di Dio agisce “nel profondo del [nostro] cuore”, e così impariamo ad amare il modo di pensare di Geova (Prov. 4:20-22). w19.01 18 parr. 14-15

____________________

forum Testimoni di Geova
10/6/2020 12:06 AM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 4,045
TdG
Martedì 6 ottobre
Offriamo sempre a Dio un sacrificio di lode (Ebr. 13:15)
Geova sa che capacità e circostanze variano da persona a persona. Quindi apprezza profondamente i sacrifici che siamo in grado di offrirgli. Pensiamo ai tipi di sacrifici che accettava dagli israeliti. Alcuni di loro potevano offrire un agnello o un capretto, ma i più poveri magari offrivano “due tortore o due piccoli di piccione”. Se non riuscivano a offrire nemmeno quello, allora Geova accettava “un decimo di efa di fior di farina” (Lev. 5:7, 11). La farina costava di meno, ma Geova apprezzava lo stesso quel sacrificio, a patto che si trattasse di “fior di farina”, cioè farina di ottima qualità. Dio la pensa allo stesso modo oggi. Non pretende che tutti, quando commentano, siano eloquenti come Apollo o convincenti come Paolo (Atti 18:24; 26:28). Geova vuole soltanto che commentiamo dandogli il meglio, in base a quello che riusciamo a fare. Per esempio, Geova considerò molto preziosa l’offerta della vedova, anche se fu solo di due monetine, perché gli aveva dato il meglio che poteva (Luca 21:1-4). w19.01 8-9 parr. 3-5

____________________

forum Testimoni di Geova
10/7/2020 12:05 AM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 4,045
TdG
Mercoledì 7 ottobre
Sarete odiati da tutti a causa del mio nome (Matt. 10:22)

Essendo seguaci di Cristo ci aspettiamo di essere odiati. Gesù infatti predisse che durante gli ultimi giorni i suoi discepoli sarebbero stati oggetto di violenta persecuzione (Matt. 24:9; Giov. 15:20). La profezia di Isaia dice che i nostri nemici non solo ci avrebbero odiato, ma avrebbero usato vari tipi di armi contro di noi. Tra le armi utilizzate ci sono subdoli inganni, sfacciate bugie e brutale persecuzione (Matt. 5:11). Geova non impedisce ai nemici di usare le loro armi per attaccarci (Efes. 6:12; Riv. 12:17). Ma non dobbiamo avere paura. Geova ha detto che “nessun’arma” utilizzata contro di noi “avrà successo” (Isa. 54:17). Come un muro che blocca gli effetti distruttivi di una pioggia violenta, Geova ci protegge dal “soffio dei tiranni” (Isa. 25:4, 5). I nostri nemici non riusciranno mai a danneggiarci in modo permanente (Isa. 65:17). Tutti i nemici dei servitori di Dio “saranno annientati, scompariranno” (Isa. 41:11, 12). w19.01 6-7 parr. 13-16

____________________

forum Testimoni di Geova
10/8/2020 12:06 AM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 4,045
TdG
Giovedì 8 ottobre
Dove c’è lo spirito di Geova c’è libertà (2 Cor. 3:17)
Se ti piace la libertà è perché è così che Geova ti ha creato. Lui infatti ama la libertà. Allo stesso tempo però desidera proteggerti, e per questo vuole che usi la libertà in modo responsabile. Forse conosci dei ragazzi che guardano materiale pornografico, hanno una condotta immorale in campo sessuale, praticano sport estremi, si drogano o esagerano con l’alcol. Cose come queste possono dare un momentaneo piacere o una scarica di adrenalina. Ma spesso si pagano a caro prezzo, con malattie, dipendenze o perfino la morte (Gal. 6:7, 8). È ovvio che la libertà che questi ragazzi pensano di avere è solo una crudele illusione (Tito 3:3). Ubbidire a Dio invece è per il tuo bene e ti rende davvero libero (Sal. 19:7-11). Inoltre, se usi saggiamente la tua libertà, cioè scegli di ubbidire alle leggi e ai princìpi di Dio, dimostri a lui e ai tuoi genitori che sei una persona affidabile. Così i tuoi genitori probabilmente ti concederanno più libertà (Rom. 8:21). w18.12 22-23 parr. 16-17

____________________

forum Testimoni di Geova
10/9/2020 12:06 AM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 4,045
TdG
Venerdì 9 ottobre
L’uomo lascerà suo padre e sua madre e si unirà a sua moglie, e i due saranno una sola carne (Gen. 2:24)
Con il peccato di Adamo cambiarono molte cose. Da quel momento subentrò la morte, e questa influì sul matrimonio. Infatti l’apostolo Paolo, spiegando che i cristiani non erano più sotto la Legge mosaica, scrisse che la morte mette fine al matrimonio e che il coniuge rimasto solo è libero di risposarsi (Rom. 7:1-3). La Legge che Dio diede alla nazione d’Israele conteneva molte norme sul matrimonio. Facciamo un esempio. Ancora prima che Dio desse la Legge, si era diffusa l’usanza della poligamia. La Legge fornì norme che la regolamentavano e che tutelavano donne e bambini in caso di maltrattamenti. Se un israelita sposava una schiava e poi prendeva una seconda moglie, doveva continuare a rispettare i suoi doveri verso la prima moglie senza toglierle niente. Dio richiedeva che la proteggesse, si prendesse cura di lei e le provvedesse tutto il necessario (Eso. 21:9, 10). Anche se oggi non osserviamo più la Legge mosaica, le sue norme ci aiutano a capire quanto Dio consideri prezioso il matrimonio. Vogliamo senz’altro considerarlo allo stesso modo. w18.12 10 par. 3; 11 parr. 5-6

____________________

forum Testimoni di Geova
10/10/2020 12:13 AM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 4,045
TdG
Sabato 10 ottobre
Non credereste nemmeno se ve lo raccontassero (Abac. 1:5)
Dopo avergli espresso le sue paure e preoccupazioni, Abacuc probabilmente si chiedeva come Geova avrebbe reagito. Proprio come un Padre, Geova fu comprensivo nei suoi confronti, perché gli voleva bene e sapeva quanto stesse soffrendo. Non lo rimproverò per essersi lamentato, ma gli disse cosa sarebbe presto successo agli ebrei ribelli. È possibile che Abacuc sia stata la prima persona a cui Geova rivelò che di lì a poco sarebbe stata fatta giustizia. Geova spiegò ad Abacuc che stava per intervenire. Con l’espressione “ai vostri giorni”, Geova fece capire che il giudizio sarebbe avvenuto durante la vita del profeta o dei suoi contemporanei. Avrebbe usato i caldei, cioè i babilonesi, per punire i violenti e malvagi abitanti di Giuda. Questa non era la risposta che Abacuc si aspettava, perché voleva dire che gli israeliti avrebbero sofferto ancora di più. w18.11 15 parr. 7-8
____________________

forum Testimoni di Geova
10/11/2020 12:03 AM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 4,045
TdG
Domenica 11 ottobre
Dio vuole che ogni tipo di persona sia salvata e giunga all’accurata conoscenza della verità (1 Tim. 2:4)
Che opinione abbiamo delle tante persone che non conoscono ancora la verità? L’apostolo Paolo non si limitò a predicare agli ebrei che conoscevano già qualcosa riguardo a Dio. Durante il suo primo viaggio missionario, ad esempio, gli abitanti di Listra scambiarono lui e Barnaba per delle divinità, l’incarnazione dei falsi dèi Zeus ed Hermes. Paolo e Barnaba approfittarono della situazione per godersi un po’ di popolarità? Pensarono forse che questa potesse essere una pausa meritata, dopo le persecuzioni subite nelle ultime due città in cui erano stati? Si convinsero che magari un po’ di pubblicità li avrebbe aiutati a promuovere la buona notizia? Niente affatto! Si strapparono immediatamente le vesti e si precipitarono in mezzo alla folla, gridando: “Perché fate questo? Anche noi siamo esseri umani e abbiamo le stesse fragilità che avete voi” (Atti 14:8-15). w18.09 5 parr. 8-9

____________________

forum Testimoni di Geova
10/12/2020 12:04 AM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 4,045
TdG
Lunedì 12 ottobre
Non sapete che gli ingiusti non erediteranno il Regno di Dio? E alcuni di voi erano persone del genere. Ma siete stati lavati, siete stati dichiarati giusti (1 Cor. 6:9, 11)
Per accettare la verità e vivere secondo le norme esposte nella Bibbia, dobbiamo essere pronti a cambiare il nostro modo di pensare e di agire. A questo proposito Pietro scrisse: “Come figli ubbidienti, smettete di farvi modellare dai desideri che avevate in passato, quando eravate nell’ignoranza, ma [...] diventate anche voi santi in tutta la vostra condotta” (1 Piet. 1:14, 15). Gli abitanti di Corinto erano persone moralmente corrotte, quindi per accettare la verità ed essere puri agli occhi di Geova dovevano fare grossi cambiamenti. Anche oggi molti hanno accettato la verità e smesso di praticare ciò che Dio odia. Pietro si riferiva a cambiamenti di questo tipo quando scrisse: “È già abbastanza il tempo che avete passato a fare la volontà delle nazioni, tempo in cui vi davate a comportamenti sfrontati, passioni incontrollate, ubriachezze, feste sfrenate, bevute di gruppo e illecite pratiche idolatriche” (1 Piet. 4:3). w18.11 6 par. 13
____________________

forum Testimoni di Geova
10/13/2020 12:08 AM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 4,045
TdG
Martedì 13 ottobre
Tutti quelli che avevano la giusta disposizione per ricevere la vita eterna diventarono credenti (Atti 13:48)
Come facciamo a trovare quelli che hanno “la giusta disposizione per ricevere la vita eterna”? Come per i cristiani del I secolo, l’unico modo è predicare. Gesù infatti disse: “In qualunque città o villaggio entriate, cercate chi è meritevole” (Matt. 10:11). Ovviamente non ci aspettiamo che una persona orgogliosa o non interessata alle cose spirituali ascolti la buona notizia. Siamo alla ricerca di persone umili che vogliono trovare la verità. Possiamo paragonare questa ricerca a quello che faceva Gesù quando era falegname. Per poter costruire un mobile, una porta, un giogo o altro, doveva prima di tutto trovare il legno adatto. Dopodiché poteva prendere i suoi attrezzi e usare le sue capacità per realizzare quell’oggetto. Anche noi oggi dobbiamo prima trovare “chi è meritevole” e poi possiamo usare i nostri strumenti e le nostre capacità per aiutarlo a diventare un discepolo (Matt. 28:19, 20). w18.10 12 parr. 3-4

____________________

forum Testimoni di Geova
10/14/2020 12:07 AM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 4,045
TdG
Mercoledì 14 ottobre
Filippo scese nella città di Samaria e si mise a predicare il Cristo (Atti 8:5)
Filippo l’evangelizzatore si concentrò sul suo ministero anche quando la sua vita subì dei cambiamenti, e per questo è un ottimo esempio da imitare. Filippo stava svolgendo un nuovo incarico di servizio a Gerusalemme (Atti 6:1-6). Poi tutto cambiò: Stefano fu assassinato e scoppiò una forte persecuzione, che costrinse i cristiani a fuggire dalla città. Filippo però voleva continuare a darsi da fare per Geova. Andò quindi a predicare a Samaria, una città in cui molti non conoscevano ancora la buona notizia (Matt. 10:5; Atti 8:1). Filippo era disposto ad andare ovunque lo spirito di Dio lo avesse portato, e così Geova lo usò per predicare in nuovi territori. A differenza di molti ebrei che disprezzavano i samaritani e li maltrattavano, Filippo non ebbe pregiudizi e parlò loro della buona notizia. Il risultato fu che “le folle, unanimi, [prestarono] attenzione a quello che Filippo diceva” (Atti 8:6-8). Filippo negli anni rimase concentrato sul suo ministero. Di conseguenza Geova continuò a benedire lui e la sua famiglia (Atti 21:8, 9). w18.10 30 parr. 14-16

____________________

forum Testimoni di Geova
10/15/2020 12:15 AM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 4,045
TdG
Giovedì 15 ottobre
Interessiamoci gli uni degli altri per spronarci all’amore e alle opere eccellenti (Ebr. 10:24)
Una volta, nella regione della Decapoli, alcune persone andarono da Gesù e “gli portarono un sordo che aveva difficoltà a parlare” (Mar. 7:31-35). Gesù non lo guarì davanti a tutti, ma “lo prese in disparte”. Questo perché, a causa dei suoi problemi fisici, l’uomo probabilmente si sentiva a disagio in mezzo a una folla. Forse percependo questo disagio Gesù decise di guarirlo in privato. Noi ovviamente non possiamo compiere miracoli, ma dovremmo tenere conto dei bisogni e dei sentimenti dei nostri fratelli. Gesù capì come si sentiva quell’uomo e fu premuroso con lui. Anche noi dovremmo mostrare considerazione a chi è anziano o malato. La caratteristica più importante della congregazione cristiana è l’amore, non l’efficienza (Giov. 13:34, 35). L’amore ci spinge a fare tutto il possibile per aiutare fratelli e sorelle avanti con gli anni o con disabilità a frequentare le adunanze e partecipare all’opera di predicazione. Li aiutiamo anche se ci costa uno sforzo in più o se quello che possono fare è limitato (Matt. 13:23). w18.09 29-30 parr. 7-8

____________________

forum Testimoni di Geova
10/16/2020 12:18 AM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 4,045
TdG
Venerdì 16 ottobre
Ciascuno di noi cerchi di far piacere al prossimo per il suo bene, per edificarlo (Rom. 15:2)
Geova considera ogni suo servitore estremamente prezioso. Gesù, che ha dato la sua vita come riscatto, prova gli stessi sentimenti (Gal. 2:20). Anche noi vogliamo molto bene ai nostri fratelli e alle nostre sorelle, quindi li trattiamo con tenerezza e amore. Se “cerchiamo quello che contribuisce alla pace e all’edificazione reciproca”, riusciremo a essere incoraggianti (Rom. 14:19). Non vediamo l’ora di vivere nel Paradiso, dove non avremo motivo di essere scoraggiati! Non ci saranno più malattie, guerre, morte, persecuzioni, problemi familiari né delusioni di nessun tipo. Una volta passati i 1.000 anni gli esseri umani avranno raggiunto la perfezione. Chi supererà la prova finale sarà adottato come figlio terreno di Geova Dio e avrà “la gloriosa libertà dei figli di Dio” (Rom. 8:21). Continuiamo quindi a rafforzare gli altri con il nostro amore e aiutiamoci a vicenda in modo da entrare nel meraviglioso nuovo mondo che Dio ci promette. w18.09 14 par. 10; 16 par. 18

____________________

forum Testimoni di Geova
10/17/2020 12:09 AM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 4,045
TdG
Sabato 17 ottobre
Quanto amo la tua legge! Su di essa rifletto tutto il giorno (Sal. 119:97)
Studiare la Parola di Dio non significa leggere in maniera superficiale o semplicemente sottolineare le risposte. Significa cercare di imparare qualcosa di nuovo su Geova, sul suo modo di pensare e di agire. Dovremmo capire perché Geova dice di fare o non fare qualcosa e riflettere sui cambiamenti che dobbiamo apportare al nostro modo di pensare o alla nostra vita. Anche se non riusciremo a soffermarci sempre su tutti questi punti, ogni volta che studiamo ci sarà comunque utile dedicare magari la metà del tempo alla meditazione (1 Tim. 4:15). Quando meditiamo regolarmente sulla Parola di Dio ‘ci accertiamo’ del fatto che il modo di ragionare di Geova è perfetto. Iniziamo così a vedere le cose dal suo punto di vista e ci sentiamo in sintonia con i suoi pensieri. La nostra mente viene ‘rinnovata’ e sviluppiamo un nuovo modo di pensare: il modo di pensare di Geova (Rom. 12:2). w18.11 24 parr. 5-6
https://wol.jw.org/it/wol/h/r6/lp-i
____________________

forum Testimoni di Geova
10/18/2020 12:08 AM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 4,045
TdG
Domenica 18 ottobre
Siamo collaboratori di Dio (1 Cor. 3:9)
Nel I secolo Paolo definì sé stesso e altri cristiani “collaboratori di Dio” perché svolgevano il compito di piantare e innaffiare i semi della verità del Regno (1 Cor. 3:6). Anche noi possiamo essere “collaboratori di Dio” usando generosamente tempo, risorse ed energie per svolgere l’opera di predicazione che ci ha affidato. Questo è davvero un grande onore per noi! Quando usiamo con generosità tempo ed energie per predicare e fare discepoli proviamo grande gioia. Come molti fratelli e sorelle possono confermare, poche cose danno più soddisfazione che studiare la Bibbia con persone che fanno progressi spirituali. Vedere i loro visi raggianti quando capiscono le verità bibliche, rafforzano la loro fede, fanno cambiamenti nella loro vita e iniziano a parlare ad altri della verità ci rende molto felici. Gesù provò la stessa felicità quando i 70 che aveva mandato a predicare “tornarono pieni di gioia” per i buoni risultati ottenuti (Luca 10:17-21). w18.08 20 parr. 11-12

____________________

forum Testimoni di Geova
10/19/2020 12:07 AM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 4,045
TdG
Lunedì 19 ottobre
Chi confida nel proprio cuore è stupido (Prov. 28:26)
Se facciamo troppo affidamento su noi stessi potremmo cominciare a pensare che non ci serve conoscere tutti i fatti per capire bene una situazione. Anche i contrasti con i fratelli della congregazione sono un motivo per cui potremmo far fatica a valutare le cose nel modo giusto. Se continuiamo a soffermarci su questi contrasti, potremmo iniziare a guardare il fratello o la sorella con un certo sospetto. Di conseguenza, se dovessimo sentire qualcosa di negativo sul suo conto potremmo crederci subito. Da questo capiamo che sentimenti negativi, come invidia e gelosia, possono portarci a dare giudizi che non si basano sui fatti (1 Tim. 6:4, 5). Perciò non dobbiamo permettere che in noi ci siano sentimenti negativi verso gli altri. Geova infatti ci chiede di amare i nostri fratelli e di perdonarli volentieri (Col. 3:12-14). w18.08 6 par. 15; 7 par. 18
____________________

forum Testimoni di Geova
10/20/2020 12:04 AM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 4,045
TdG
Martedì 20 ottobre
A Geova appartengono i cieli e la terra con tutto quello che contiene (Deut. 10:14)
Geova ha creato gli esseri umani, e per questo gli appartengono (Sal. 100:3; Riv. 4:11). Tuttavia, nel corso della storia Dio ha scelto gruppi di persone perché gli appartenessero in modo speciale. Il Salmo 135 si riferisce ai fedeli adoratori di Geova dell’antico Israele definendoli la “sua speciale proprietà” (Sal. 135:4). Inoltre, Osea predisse che alcuni non ebrei sarebbero diventati il popolo di Geova (Osea 2:23). La profezia di Osea si adempì quando Geova incluse dei non ebrei tra quelli che avrebbero regnato insieme a Cristo (Atti 10:45; Rom. 9:23-26). Questa “nazione santa” è la “speciale proprietà” di Geova, perché i suoi membri sono stati unti con lo spirito santo e sono stati scelti per vivere in cielo (1 Piet. 2:9, 10). Che dire della maggior parte dei cristiani fedeli dei nostri giorni che hanno la speranza terrena? Geova chiama anche loro il “mio popolo” e i “miei eletti” (Isa. 65:22). w18.07 22 parr. 1-2

____________________

forum Testimoni di Geova
10/21/2020 12:11 AM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 4,045
TdG
Mercoledì 21 ottobre
Abbiate lo stesso modo di pensare di Cristo Gesù, [il quale] svuotò sé stesso e assunse la forma di uno schiavo (Filip. 2:5, 7)
I veri cristiani imitano Gesù, l’esempio perfetto di come essere generosi (Matt. 20:28). Facciamo quindi bene a chiederci: “Posso imitare ancora meglio l’esempio di Gesù?” (1 Piet. 2:21). Avremo l’approvazione di Geova se, come lui e Gesù, ci preoccuperemo del benessere degli altri e faremo il possibile per aiutarli. Attraverso la parabola del buon samaritano Gesù fece capire che i suoi seguaci dovevano essere disposti a fare più del dovuto per aiutare gli altri, indipendentemente da chi fossero e da dove venissero (Luca 10:29-37). Ma perché Gesù raccontò questa parabola? Un ebreo gli aveva chiesto: “Chi è davvero il mio prossimo?” Dalla risposta di Gesù è chiaro che, come il samaritano, dobbiamo essere generosi se vogliamo avere l’approvazione di Dio. w18.08 19 parr. 5-6

____________________

forum Testimoni di Geova
10/22/2020 12:13 AM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 4,045
TdG
Giovedì 22 ottobre
L’angelo le disse: “Buongiorno, grandemente favorita! Geova è con te” (Luca 1:28)
Geova continuò a dare onore a Maria ricompensandola per la fedeltà con cui si era presa cura di Gesù. Infatti fece in modo che alcune delle cose che disse e fece venissero riportate nella Bibbia. A quanto pare Maria non poté viaggiare insieme a Gesù durante i tre anni e mezzo del suo ministero. Probabilmente, essendo vedova, per lei era meglio restare a Nazaret. Per questo non visse tante esperienze significative che ebbero altri. Al momento della morte di Gesù, però, lei era lì con lui (Giov. 19:26). In seguito si trovava a Gerusalemme insieme ai discepoli nei giorni che precedettero la Pentecoste, giorno in cui fu versato lo spirito santo (Atti 1:13, 14). Con tutta probabilità fu tra coloro che vennero unti. Questo significa che le fu data l’opportunità di vivere in cielo insieme a Gesù per l’eternità. Davvero una ricompensa meravigliosa per il suo fedele servizio! w18.07 9 par. 11; 10 par. 14

____________________

forum Testimoni di Geova
New Thread
Reply

Home Forum | Album | Users | Search | Log In | Register | Admin
Create your free community and forum! Register to FreeForumZone
FreeForumZone [v.5.2] - Leggendo la pagina si accettano regolamento e privacy
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 4:30 PM. : Printable | Mobile
Copyright © 2000-2020 FFZ srl - www.freeforumzone.com