printprint
New Thread
Reply
 

Apostasia

Last Update: 11/1/2018 8:34 AM
Author
Print | Email Notification    
1/26/2008 9:32 AM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 67,472
Moderatore
Come scrive Staff, l'allontanamento non è una novità, Cristo lo aveva profetizzato, o meglio, in questo caso, immaginato, conoscendo la potenza dirompente del suo messaggio.

Fa parte del DNA del vero cristianesimo, non esiste un cristianesimo che sia indolore, insapore ed incolore. Quella si chiama(va) demoscrazia cristiana! Il cristienesimo è diverso e dunque diversi dalla società in cui vivono sono coloro che lo professano.

Come diceva Makoto di solito non è il cristiano che si allontana, ma sono gli altri che si allontanano da lui, perchè non festeggia come gli altri, perchè non parla come gli altri, non ha gli stessi miti e obiettivi degli altri, non ha la stessa fede, la stessa scala di valori!

Ma qusto non ha a che fare con l'apostasia in genere, ma con la conversione, in particolare al vero cristianesimo, cioè quello dirompente e primitivo di Gesù e non quello addomesticato dalle chiese postcostantiniane, fatto su misura alla politica.

Shalom

--------------------------------------------------------------------
Sijmadicandhapajiee, gente per cui le arti stan nei musei - Paolo Conte

FORUM TESTIMONI DI GEOVA
5/2/2012 12:04 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 30,982
Moderatore
Re:
(SimonLeBon), 21.01.2008 14:00:

Da Wikipedia riporto una definizione di "apostasia":

"Il termine apostasia (dal greco απο, apo, "lontano, distaccato", στασις, stasis, "restare") definisce l'abbandono formale della propria religione (in tale contesto si parlerà più propriamente di apostata della religione). In questo senso è irrilevante se a seguito di tale abbandono vi sia l'adesione a un'altra religione (conversione) oppure la scelta areligiosa o atea. In senso stretto, il termine è riferito alla rinuncia e alla critica della propria precedente religione. Una vecchia e più ristretta definizione di questo termine si riferiva ai cristiani battezzati che abbandonavano la loro fede.

Si definisce apostata colui o colei che pratica l'apostasia; è tuttavia raro il caso di ex-credenti che si autodefiniscano apostati, in quanto nella vulgata tale termine comporta una connotazione spregiativa; rispetto alla nuova religione è invalso l'uso del termine "convertito" laddove, per l'abbandono in generale della religione si usa "deconvertito": a entrambi i termini si tende a dare un significato positivo rispetto ad apostasia.

Molte religioni considerano l'apostasia un vizio, una degenerazione della virtù della pietà nel senso che quando viene a mancare la pietà, l'apostasia ne è la conseguenza; spesso l'apostata viene fatto bersaglio di condanne spirituali (ad esempio la scomunica) o materiali ed è rifuggito dai membri del suo precedente gruppo religioso.

Anche al di fuori dell'uso religioso apostata ha significato negativo con sinonimi: fedifrago, infedele, traditore, eretico."



riprendo questo vecchio 3D perchè noto che alcuni detrattori non hanno le idee chiare in merito.

Alcuni di questi asseriscono che la parola "apostata" non può essere applicata a coloro che abbandonano la fede dei TdG.
Quali argomenti portano a loro presunto favore?

Affermano che la TNM traduce erroneamente laddove in italiano compare la parola "apostata" facendo notare che tutte le altre bibbie, ad esempio " La Sacra Bibbia" non usano "apostata" ma parole come "allontanano", "empio", "perverso", "profani buffoni"

Da notare come prima si parla di TUTTE le altre bibbie, ma poi si prendono gli esempi da una sola. Forse Felix ci saprà dare più informazioni al riguardo se TUTTE traducono diversamente dalla TNM.

Insomma la conclusione di questa "ellevatissima" ricerca è che loro non possono esser definiti apostati, perchè a loro dire, nelle scritture è inserita la parola apostasia per definire la nazione che non segue il patto con Dio, chi si innalza sopra Dio colui che si contrappone a Dio e chi non segue Gesù.

Quindi ancora secondo questi, chi non si oppone a Gesù e non si innalza sopra Dio, e non è una nazione, non dovrebbe esser definito come apostata.

Arrivano i compagni di merenda ad applaudire questa "elevatissima e profonda" ricerca, ringraziando...ahhhhhh finalmente uno che ha capito tutto!

Adesso arriva la parte bella. Sapete benissimo ormai che quando si tratta di criticare i TdG allora questi hanno il prosciutto davanti gli occhi e tutto fa gola. Un esempio lampante.

Una persona si complimenta per la "profonda ricerca" e commenta:


Bravo XXXXX per questa tua ricerca... -Conosciamo benissimo com'è nato questo culto religioso: il suo fondatore Charles Taze Russell era un avventista cristiano e a 25 anni si separò dal suo maestro Nelson Barbour e divenne un apostata avventista con i suoi seguaci "russelliti". Poi ce da considerare che un cattolico che diventa tdg abbandona la Chiesa e ne diviene apostata, quindi i testimoni sono a loro volta apostati del cattolicesimo secondo il loro criterio di giudizio. Facciamo bene a considerare loro apostati.



mi sto sbellicando dal ridere. Questo commento dimostra quanto siano ignoranti ed accecati tali persone. La ricerca è stupenda! Ha dimostrato che loro non possono essere definiti apostati, mentre invece i TdG si perchè hanno abbandonato la CCR.

Cioè, questo principio è valido solo per quelli che hanno lasciato la CCR, mentre per quelli che lasciano i TdG non vale

Forse erano più contenti se li definivamo "perversi" oppure "profani buffoni" dato che compare nella Sacra Bbbia al posto di "apostata"

[SM=g7405] [SM=g7405]


[Edited by Seabiscuit 5/2/2012 12:31 PM]



Testimoni di Geova Online Forum
"Perché il male trionfi è sufficiente che i buoni rinuncino all'azione" - Edmund Burke
5/2/2012 12:42 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 109
Age: 39
Non vorrei ripetere gia quanto scritto da altri foristi ma quello che si evince dalle "tristissime e sofferte" [SM=g7364] esperienze degli Ex TDG che ora sono accaniti verso di noi è che alla base della loro dipartita non c'è stato uno studio profondo che casualmente li ha portati a dubitare di alcuni insegnamenti.
Spesso alla base c'è un torto presunto, o una disciplina (giusta ma non accettata) e cosi via.

L'orgoglio di tale persone le ha portate a dover cercare ostinatamente qualcosa di poco chiaro o dubbioso nelle cosiddete dottrine dei TDG per giustificare la loro condotta evidentemente errata o contraria ai principi biblici.



5/2/2012 2:12 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 10,002
Moderatore

Come capirebbe anche un bambino di quarta elementare, la definizione di apostata non è assoluta, ma relativa e confinata all'ideologia di chi un tempo la condivideva e ora la contesta apertamente. Anche volendo ammettere che i testimoni di Geova siano 'apostati' in qualche strano senso, come costoro vorrebbero dimostrare, ciò non toglie che un fuoriuscito dei testimoni di Geova rimanga a sua volta un 'apostata' rispetto alla propria precedente confessione di fede, giacchè l'ha rinnegata.
[Edited by EverLastingLife 5/2/2012 2:13 PM]

______________________________________________________

ELL - forum testimoni di Geova online

Un fuoriuscito dissidente: 'sono una persona gentile, educata e civile'. Lo stesso personaggio (tre volte): i testimoni di Geova sono uno schifo di 'religione' . link.
5/2/2012 2:34 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 30,982
Moderatore
i dizionari parlano chiaro

apostasia
Sillabazione/Fonetica:[a-po-sta-Sì-a]
Etimologia: Dal gr. tardo apostasía 'ribellione'

Definiziones. f.
1 ripudio pubblico e solenne della propria religione
2 (estens.) ripudio delle proprie opinioni, abbandono del proprio partito e sim.

Sinonimo di apostasia:
rinnegamento, abiura, ritrattazione; tradimento, abbandono.

Fonte: Dizionario Garzanti Linguistica



Testimoni di Geova Online Forum
"Perché il male trionfi è sufficiente che i buoni rinuncino all'azione" - Edmund Burke
8/7/2018 9:03 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 3,102
Location: BOCA
Age: 49
Brother81, 02/05/2012 12.42:

Non vorrei ripetere gia quanto scritto da altri foristi ma quello che si evince dalle "tristissime e sofferte" [SM=g7364] esperienze degli Ex TDG che ora sono accaniti verso di noi è che alla base della loro dipartita non c'è stato uno studio profondo che casualmente li ha portati a dubitare di alcuni insegnamenti.
Spesso alla base c'è un torto presunto, o una disciplina (giusta ma non accettata) e cosi via.

L'orgoglio di tale persone le ha portate a dover cercare ostinatamente qualcosa di poco chiaro o dubbioso nelle cosiddete dottrine dei TDG per giustificare la loro condotta evidentemente errata o contraria ai principi biblici.






Sicuramente l'orgoglio e la mancanza di studio o mancanza della giusta condizione di cuore nello studio sono stati una miscela che ha avuto solo bisogno della miccia per incendiarsi. Ricordiamo che anche Satana conosceva molto bene Geova e le scritture ma il suo orgoglio ha distorto consapevolmente questa conoscenza nel momento in cui ha ritenuto di aver subito un torto o di essere stato privato di qualcosa o nel momento in cui il suo cuore ha desiderato ardentemente qualcosa
[Edited by claudio2018 8/7/2018 9:12 PM]
8/7/2018 10:03 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 39,204
Location: PINEROLO
Age: 50
TdG
Re:
claudio2018, 07/08/2018 21:03:



Sicuramente l'orgoglio e la mancanza di studio o mancanza della giusta condizione di cuore nello studio sono stati una miscela che ha avuto solo bisogno della miccia per incendiarsi. Ricordiamo che anche Satana conosceva molto bene Geova e le scritture ma il suo orgoglio ha distorto consapevolmente questa conoscenza nel momento in cui ha ritenuto di aver subito un torto o di essere stato privato di qualcosa o nel momento in cui il suo cuore ha desiderato ardentemente qualcosa



Beh anche per trovare la tua spiegazione l'utente ha dovuto mostrare qualche anno di ... pazienza. [SM=g7350]

Simon
8/7/2018 10:08 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 3,102
Location: BOCA
Age: 49
Re: Re:
(SimonLeBon), 07/08/2018 22.03:

claudio2018, 07/08/2018 21:03:



Sicuramente l'orgoglio e la mancanza di studio o mancanza della giusta condizione di cuore nello studio sono stati una miscela che ha avuto solo bisogno della miccia per incendiarsi. Ricordiamo che anche Satana conosceva molto bene Geova e le scritture ma il suo orgoglio ha distorto consapevolmente questa conoscenza nel momento in cui ha ritenuto di aver subito un torto o di essere stato privato di qualcosa o nel momento in cui il suo cuore ha desiderato ardentemente qualcosa



Beh anche per trovare la tua spiegazione l'utente ha dovuto mostrare qualche anno di ... pazienza. [SM=g7350]

Simon



Già ... Speriamo sia ancora vivo!!!

[SM=g7405]
10/28/2018 12:42 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
La mia sarà anche una voce fuori dal coro, credo comunque (per esperienza personale) che questo argomento necessità di maggiore “sensibilità” e “tatto” rispetto a quanto si legge in molti commenti dei foristi attivi qui registrati. Non è mia intestazione fare del sentimentalismo inopportuno, non di meno andrebbero precisate alcune questioni.
L’apostasia non nasce da un capriccio infante, ne tantomeno da un episodio di ingiustizia più o meno assunta. Essa è il risultato di un profondo ed esasperato malessere interiore, intimo e personale, coltivato nel tempo spesso in solitudine è nella più profonda segretezza. La mancanza di risposte alle intime inquietudini genera sfiducia in se stessi è verso il mondo esteriore fin quando il dubbio si impossessa di tutte le certezze o presunte tali. Sostanzialmente il problema quindi nel caso di una persona religiosa e di tipo spirituale, poi si trasforma in un esigenza emotiva ancora più deleteria. La reazione a questo stato di cose è molto soggettiva mentre il denominatore comune traendo forza dal proprio subconscio sembra essere comune a tutti. Quanto in questo processo vi sia associato il “cuore simbolico” e molto incerto come anche le motivazioni stesse. Smettiamola quindi di apostrofare come “malvagio” coloro che esprimono idee diverse dalle nostre. Ho qualcheduno a facoltà di leggere i cuori della gente? A me pare che tra le tante esperienze riportate nelle scritture vi sono persone identificate, badate bene da Geova stesso e non da qualche uomo, come profondamente malvagie. Eppure, come nel caso di Manasse, furono oggetto di misericordia da parte di Geova stesso. Io non sono nessuno, credo però di saper leggere dai vari commenti che pochi hanno esperienza diretta con questo problema. Facciamo quindi attenzione prima di emettere sentenze o giudizi su cose di cui non conosciamo bene i fatti.
La soluzione sta nelle risposte, non nelle domande.

Gratias
10/28/2018 1:12 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 67,472
Moderatore

Smettiamola quindi di apostrofare come “malvagio” coloro che esprimono idee diverse dalle nostre. Ho qualcheduno a facoltà di leggere i cuori della gente?



Hai pienamente ragione, ma mi sento di fare un distinguo, chi esprime idee diverse dalle nostre non è un apostata, lo diventa nel momento in cui l'espressione diventa un tentativo di minare la fede altrui e creare divisioni nella congregazione. E' questo che rende apostati, il cominciare a propagandare idee eterodosse, come se fossero migliori di quelle a cui aderisce la congregazione. In linea di principio ciascuno può avere idee differenti, ma fintantoché decido di restare nella congregazione devo lealtà ad essa, se queste idee diventano così differenti da indurmi a ritenere la congregazione parte di Babilonia la Grande allora è altrettanto leale uscirne.


Io non sono nessuno, credo però di saper leggere dai vari commenti che pochi hanno esperienza diretta con questo problema. Facciamo quindi attenzione prima di emettere sentenze o giudizi su cose di cui non conosciamo bene i fatti



Una maggior moderazone sarebbe auspicabile, anche se qui non ci sono apostati ma spesso persone che sembrano usare argomenti controversi per discreditare l'organizzazione (in primo luogo il corpo direttivo) e a volte anche le Scritture o Dio stesso. Questo inevitabilmente su web scatena il flaming. Certo, a volte leggo commenti o espressioni pungenti da parte nostra che non sono certo appropriate, neppure con chi provoca. La migliore risposta sarebbe opporre degli argomenti e non reazioni piccate, anche se ti confesso non è facile rispetto a provocazioni deliberate.

Shalom
--------------------------------------------------------------------
Sijmadicandhapajiee, gente per cui le arti stan nei musei - Paolo Conte

FORUM TESTIMONI DI GEOVA
10/28/2018 1:44 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
Sono d'accordo, chiaramente se non sei in linea con quanto la tua religione insegna, libero di cercare altrove. Se non lo fai, gli anziani hanno tutto il diritto di ravvisarti. E nel caso in cui questo atteggiamento dovesse persistere dove la congregazione ne venisse danneggiata è non si ravvisa pentimento il soggetto dovrà essere disciplinato. In quanto alla prassi nessun problema, e giusta. Ma questo nessuno detrattore, nemmeno la Australian Commission, giusto per citare qualcosa la mette in discussione. Io mi riferisco all'atteggiamento che spesso anche qualche nominato ha nell'affrontare alcune tematiche "scottanti". Prudenza è discernimento sono in questo caso da preferire ha qualsiasi giudizio ho opinione personale. Spesso coloro che soffrono sono vittime di se stesse è capire questo non sempre è facile. Quindi usiamo la giustizia per disciplinare è per correggere ma sempre con mitezza e profondo rispetto. Ho trovato in questo forum molte risposte alle mie domande è di questo vi sono debitore. Vorrei che approfondissimo nondimeno alcune questioni che altrove difficilmente possono essere discusse con più discernimento lasciando i giudizi è i pregiudizi nel nostro io attenendoci il più possibile hai fatti. Poi è chiaro ognuno è libero di esprimere il proprio punto di vista.

Gratias
10/28/2018 2:12 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 11,647
Location: ACCIANO
Age: 86
TdG
Re:
Gratias, 10/28/2018 12:42 PM:

La mia sarà anche una voce fuori dal coro, credo comunque (per esperienza personale) che questo argomento necessità di maggiore “sensibilità” e “tatto” rispetto a quanto si legge in molti commenti dei foristi attivi qui registrati. Non è mia intestazione fare del sentimentalismo inopportuno, non di meno andrebbero precisate alcune questioni.
L’apostasia non nasce da un capriccio infante, ne tantomeno da un episodio di ingiustizia più o meno assunta. Essa è il risultato di un profondo ed esasperato malessere interiore, intimo e personale, coltivato nel tempo spesso in solitudine è nella più profonda segretezza. La mancanza di risposte alle intime inquietudini genera sfiducia in se stessi è verso il mondo esteriore fin quando il dubbio si impossessa di tutte le certezze o presunte tali. Sostanzialmente il problema quindi nel caso di una persona religiosa e di tipo spirituale, poi si trasforma in un esigenza emotiva ancora più deleteria. La reazione a questo stato di cose è molto soggettiva mentre il denominatore comune traendo forza dal proprio subconscio sembra essere comune a tutti. Quanto in questo processo vi sia associato il “cuore simbolico” e molto incerto come anche le motivazioni stesse. Smettiamola quindi di apostrofare come “malvagio” coloro che esprimono idee diverse dalle nostre. Ho qualcheduno a facoltà di leggere i cuori della gente? A me pare che tra le tante esperienze riportate nelle scritture vi sono persone identificate, badate bene da Geova stesso e non da qualche uomo, come profondamente malvagie. Eppure, come nel caso di Manasse, furono oggetto di misericordia da parte di Geova stesso. Io non sono nessuno, credo però di saper leggere dai vari commenti che pochi hanno esperienza diretta con questo problema. Facciamo quindi attenzione prima di emettere sentenze o giudizi su cose di cui non conosciamo bene i fatti.
La soluzione sta nelle risposte, non nelle domande.

Gratias



Facciamo quindi attenzione prima di emettere sentenze o giudizi su cose di cui non conosciamo bene i fatti.
La soluzione sta nelle risposte, non nelle domande.

Dom Viagiando su YouTube ho Notato costi cavolo Super Telefoni . Ognuno "Dichiara per iscritto, Quello che realmende sei ! Ad Armaghedom l' Angelo che passa. Sa che chi sei . Chi sei Lai SCRITTO tu .

10/28/2018 2:40 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 67,472
Moderatore
Caro Gratias,


Io mi riferisco all'atteggiamento che spesso anche qualche nominato ha nell'affrontare alcune tematiche "scottanti". Prudenza è discernimento sono in questo caso da preferire ha qualsiasi giudizio ho opinione personale



Proprio perché scottanti, come tu stesso osservi, vale a dire spesso controverse o scomode possono generare una reazione emotiva più che razionale, soprattutto sul web che più che terreno di discussione fin dagli esordi dei forum è stato spazio di critica belluina e talvolta, se non sempre, fondata su falsità o esagerazione, ma basta vedere quello che avviene su social anche in altri ambiti di discussione per capire che forse che la difficoltà di dibattere pacatamente idee differenti dalle proprio per dedurre un certo scadimento generale del dibattito.


Spesso coloro che soffrono sono vittime di se stesse è capire questo non sempre è facile. Quindi usiamo la giustizia per disciplinare è per correggere ma sempre con mitezza e profondo rispetto. Ho trovato in questo forum molte risposte alle mie domande è di questo vi sono debitore



Si, è vero, ma il mezzo lascia a volte poco spazio all'aspetto umano, se non altro per la distanza fisica del soggetto che magari nutre dubbi sinceri.


Vorrei che approfondissimo nondimeno alcune questioni che altrove difficilmente possono essere discusse con più discernimento lasciando i giudizi è i pregiudizi nel nostro io attenendoci il più possibile hai fatti. Poi è chiaro ognuno è libero di esprimere il proprio punto di vista



Qui per la verità abbiamo credo dibattito di tutto, anche gli argomenti spinosi, ma ovviamente non abbiamo esaurito ogni questione e molte inevitabilmente, a mio parere, sono destinate a rimanere aperte fino a quando non verrà il Regno... dunque sei il benvenuto.

Shalom
--------------------------------------------------------------------
Sijmadicandhapajiee, gente per cui le arti stan nei musei - Paolo Conte

FORUM TESTIMONI DI GEOVA
10/28/2018 3:05 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 39,204
Location: PINEROLO
Age: 50
TdG
Re:
Gratias, 28/10/2018 12:42:

La mia sarà anche una voce fuori dal coro, credo comunque (per esperienza personale) che questo argomento necessità di maggiore “sensibilità” e “tatto” rispetto a quanto si legge in molti commenti dei foristi attivi qui registrati. Non è mia intestazione fare del sentimentalismo inopportuno, non di meno andrebbero precisate alcune questioni.
L’apostasia non nasce da un capriccio infante, ne tantomeno da un episodio di ingiustizia più o meno assunta. Essa è il risultato di un profondo ed esasperato malessere interiore, intimo e personale, coltivato nel tempo spesso in solitudine è nella più profonda segretezza. La mancanza di risposte alle intime inquietudini genera sfiducia in se stessi è verso il mondo esteriore fin quando il dubbio si impossessa di tutte le certezze o presunte tali.

...
La soluzione sta nelle risposte, non nelle domande.

Gratias



Caro Gratias,

Ti do ragione, pur non conoscendo i casi specifici, che sono certamente molto variegati e non banalizzabili.

D'altra parte il fenomeno di chi diventa "apostata" è stigmatizzato anche dai ricercatori, che mettono in dubbio il valore assoluto delle singole esperienze.
Questo vale anche per le "esperienze" in senso opposto, di chi racconto di vivere già in paradiso mentre purtroppo stiamo ancora su questa terra polverosa...

Simon
10/28/2018 3:18 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 67,472
Moderatore

Questo vale anche per le "esperienze" in senso opposto, di chi racconto di vivere già in paradiso mentre purtroppo stiamo ancora su questa terra polverosa...



Infatti, non meno pericolosa dell'apostasia è la tendenza all'idealizzazione a tutti i costi, negando l'esistenza di oggettivi problemi... chi ha questa tendenza spesso alla fine diventa apostata e semplicemente deluso da aspettative irrealistiche per degli uomini pur di buona volontà.

Shalom
[Edited by barnabino 10/28/2018 3:50 PM]
--------------------------------------------------------------------
Sijmadicandhapajiee, gente per cui le arti stan nei musei - Paolo Conte

FORUM TESTIMONI DI GEOVA
10/28/2018 9:02 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
D'altra parte il fenomeno di chi diventa "apostata" è stigmatizzato anche dai ricercatori, che mettono in dubbio il valore assoluto delle singole esperienze.
Questo vale anche per le "esperienze" in senso opposto, di chi racconto di vivere già in paradiso mentre purtroppo stiamo ancora su questa terra polverosa...

Aggiungo anche di parecchia disinformazione spesso contraddittoria e fallace nella logica e nei contenuti.
10/28/2018 9:11 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
Re: Re:
dom@, 28/10/2018 14.12:



Facciamo quindi attenzione prima di emettere sentenze o giudizi su cose di cui non conosciamo bene i fatti.
La soluzione sta nelle risposte, non nelle domande.

Dom Viagiando su YouTube ho Notato costi cavolo Super Telefoni . Ognuno "Dichiara per iscritto, Quello che realmende sei ! Ad Armaghedom l' Angelo che passa. Sa che chi sei . Chi sei Lai SCRITTO tu .


Scusa Dom non ho capito. Se vuoi sapere se quella frase l’abbia scritta io, la risposta è no.

Gratias
10/29/2018 9:39 AM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 67,472
Moderatore

Aggiungo anche di parecchia disinformazione spesso contraddittoria e fallace nella logica e nei contenuti



Forse è quello che caratterizza l'apostasia e la differenzia da un semplice discorso critico ma che resta nell'alveo di un confronto dentro la congregazione, perché introdurre elementi di informazione errata, critica, illogici e contraddittori con l'apparente fine di delegittimare l'autorità sposta la discussione su un terreno accidentato e infine poco produttivo, spesso fine a se stesso o alla propaganda.

Shalom
--------------------------------------------------------------------
Sijmadicandhapajiee, gente per cui le arti stan nei musei - Paolo Conte

FORUM TESTIMONI DI GEOVA
10/30/2018 9:54 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 366
Age: 22

Bernardi o:

Hai pienamente ragione, ma mi sento di fare un distinguo, chi esprime idee diverse dalle nostre non è un apostata, lo diventa nel momento in cui l'espressione diventa un tentativo di minare la fede altrui e creare divisioni nella congregazione. E' questo che rende apostati, il cominciare a propagandare idee eterodosse, come se fossero migliori di quelle a cui aderisce la congregazione. In linea di principio ciascuno può avere idee differenti, ma fintantoché decido di restare nella congregazione devo lealtà ad essa, se queste idee diventano così differenti da indurmi a ritenere la congregazione parte di Babilonia la Grande allora è altrettanto leale uscirne.




C'è una contraddizione in questo ragionamento, che chi esprime ragionamenti diversi di quelli a cui aderisce la congregazione mina la fede altrui e se dedicò di restare nella congregazione devo mostrare lealtà.
Se un intendimento basato sulla bibbia è corretto, ha valore indipendentemente da chi lo esprime.
Non si capisce come un intendimento diverso possa minare la fede.
A chi si deve la lealtà, prima alla parola di Dio o alla congregazione?
10/30/2018 10:07 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 39,204
Location: PINEROLO
Age: 50
TdG
Re:
Roberto 62,5, 30/10/2018 21:54:


Bernardi o: ...

C'è una contraddizione in questo ragionamento, che chi esprime ragionamenti diversi di quelli a cui aderisce la congregazione mina la fede altrui e se dedicò di restare nella congregazione devo mostrare lealtà.
Se un intendimento basato sulla bibbia è corretto, ha valore indipendentemente da chi lo esprime.
Non si capisce come un intendimento diverso possa minare la fede.
A chi si deve la lealtà, prima alla parola di Dio o alla congregazione?



Il tuo non è un quesito banale e naturalmente non sei il primo a porlo.
Di solito noi tdG, come anche altri gruppi religiosi cristiani, siamo abituati a riconoscere che abbiamo studiato e compreso le Scritture grazie agli insegnamenti della congregazione.

Questa ovviamente non sarà oggetto nè di dedicazione nè di culto, ma rappresenta un mezzo che consente di arrivare ad un fine.
Galileo fu confrontato con un problema molto simile, perchè la sua "congregazione", la chiesa cattolica, pretendeva l'abiura dalle sue idee ritenendole in contrasto con la Bibbia.

Simon
New Thread
Reply

Home Forum | Album | Users | Search | Log In | Register | Admin
Create your free community and forum! Register to FreeForumZone
FreeForumZone [v.5.2] - Leggendo la pagina si accettano regolamento e privacy
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 3:43 AM. : Printable | Mobile
Copyright © 2000-2020 FFZ srl - www.freeforumzone.com