printprint
New Thread
Reply
 
Previous page | 1 | Next page

Lettera sul caso Piccioni

Last Update: 3/11/2008 1:18 PM
Author
Print | Email Notification    
3/10/2008 9:32 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
ONLINE
Post: 39,217
Location: PINEROLO
Age: 50
TdG
Riceviamo e pubblichiamo.
Nessun membro dello staff di questo Forum ha mai conosciuto nè conosce qualche componente della famiglia Piccioni.
Anche se questa storia non ci lascia indifferenti, ribadiamo la nostra completa estraneità alla vicenda.

Simon
Moderatore



"Questo post è una doverosa risposta al 3d in un forum dove l'oggetto della discussione non è autorizzato ad intervenire.

Quello che segue è una dichiarazione della famiglia Piccioni, in particolare di Cinzia Piccioni e Enza Piccioni.

Non è un intervento di Marco Piccioni che ha sempre rispettato la vostra scelta di non permettergli di scrivere nel forum.

CI VEDIAMO COSTRETTE AD INTERVENIRE, NOSTRO MALGRADO, PER FARE ALCUNE PRECISAZIONI CIRCA LA TRASMISSIONE "CHI L'HA VISTO?" E LA TANTO DISCUSSA INTERVISTA AL SIG. PIERO VILLAVERDE.

TUTTA LA FAMIGLIA E NON SOLO MARCO PICCIONI ERA AL CORRENTE DELL'INTERVISTA E NON HA POSTO NESSUNA OBIEZIONE.
PRECISIAMO CHE NON ERAVAMO A CONOSCENZA DEL CONTENUTO MA CONOSCEVAMO LA STORIA DEL SIG. VILLAVERDE.
LE SCELTE EDITORIALI DELLA REDAZIONE SONO STATE FATTE IN MANIERA AUTONOMA E SENZA NESSUN INTERVENTO DA PARTE NOSTRA.
CI TENIAMO A PRECISARE CHE L'IPOTESI PRESA IN CONSIDERAZIONE, CIOE' LA VENDETTA DA PARTE DI UN EX-TESTIMONE DI GEOVA CHE POTEVA AVER MATURATO ODIO NEI CONFRONTI DEI TESTIMONI E' STATA CONCORDEMENTE RIFERITA DA TUTTI I FAMILIARI.

FRANCAMENTE TROVIAMO ASSURDO E SCIOCCANTE CHE QUALCUNO POSSA CONSIDERARE UNA SIMILE IPOTESI DA SCARTARE E CHE POSSANO INCOLPARE IL FIGLIO DI STRUMENTALIZZARE UN SEQUESTRO DI CHIARI CONNOTATI RELIGIOSI.

MIO MARITO E IL PADRE DEI MIEI FIGLI E' STATO SEQUESTRATO IN QUANTO TESTIMONE DI GEOVA.
QUESTA NON E' UN'IPOTESI MA, GRAZIE ALLE INDAGINI, HA ASSUNTO ORMAI IL GRADO DI CERTEZZA.
L'INTENTO EVIDENTE DEI GIORNALISTI CON L'INTERVISTA A PIERO VILLAVERDE ERA DI METTERE IN EVIDENZA ALCUNE SITUAZIONI CHE POTEVANO FORNIRE UN MOVENTE AD UN ATTO ALTRIMENTI INSPIEGABILE.

NON SPETTA A NOI GIUDICARE L'OPERATO DEI GIORNALISTI MA COME MADRE DESIDERO RIBADIRE IL TOTALE APPOGGIO DI TUTTA LA FAMIGLIA ALLE SCELTE CHE MIO FIGLIO A FATTO IN MERITO ALLA SCOMPARSA DI MIO MARITO.

MIO FIGLIO SI E' SEMPRE PREVENTIVAMENTE CONSULTATO CON NOI E LE DECISIONI SONO STATE PRESE DA TUTTI.

NON E' MIA INTENZIONE USARE QUESTA OCCASIONE PER PRECISARE CHE TIPO DI AIUTO HA AVUTO LA FAMIGLIA PICCIONI DA PARTE DEI FRATELLI E DELLE SORELLE SPIRITUALI.

LE SCELTE CHE MIO FIGLIO HA FATTO E CHE ESULANO DAL CASO DI MIO MARITO NON HANNO A CHE FARE CON LE INDAGINI.
NEGARE PERO' CHE SIANO UNA CONSEGUENZA DI QUESTO DELITTO E' UNA BUGIA E IO E SUA SORELLA CI OPPONIAMO CON FORZA ALLE CONDANNE CHE ALCUNI, PUR NON VIVENDO LA NOSTRA ESPERIENZA, SI SENTONO LIBERI DI ESPRIMERE.

RIBADIAMO CHE NON CI STIAMO ARRENDENDO.
LA MAGISTRATURA HA GIA' CERCATO DI ARCHIVIARE IL CASO E NOI CI SIAMO OPPOSTI.
LO FAREMO ANCHE ADESSO.
E IN CASO DI ARCHIVIAZIONE SPENDEREMO TUTTE LE NOSTRE RISORSE PER RITROVARE EMO.

SPERIAMO DI AVER CHIARITO UNA VOLTA PER TUTTE LA NOSTRA POSIZIONE, RAPPRESENTATA DA MIO FIGLIO MARCO CHE HA DOVUTO E VOLUTO SOPPORTARE INSULTI VERGOGNOSI PER LASCIARE TRANQUILLI I SUOI FAMILIARI.

MIO FIGLIO E' CONVINTO CHE BEN DIFFICILMENTE PUBBLICHERETE QUESTO SCRITTO.
IO INVECE VOGLIO SPERARE CHE COMPRENDIATE LA SITUAZIONE E POSSIATE MOSTRARE LE QUALITA' CHE GEOVA DIO HA SEMPRE MOSTRATO.

VI SALUTO FRATERNAMENTE

ENZA PICCIONI, CINZIA PICCIONI, TUTTA LA FAMIGLIA PICCIONI"

3/10/2008 11:52 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 5,704
TdG
Nonostante la redazione di "Testimoni di Geova: tra Giudizio e Pregiudizio" abbia deciso di pubblicare il comunicato pervenuto dalla famiglia Piccioni, triste a dirsi, qualcuno ha comunque trovato uno spunto per polemizzare.

Ecco quanto il signor Pino Lupo ha scritto nel forum SO.SPI:


Ho notato, con vero disappunto, che il comunicato della famiglia Piccioni è stato cancellato dalla discussione (irriverente, che esula dalla provocazione) aperta da "r@ffstef@n "hahahahhahahaha".
Il "comunicato" è stato spostato in un altro Tread "Lettere alla redazione".
L'introduzione del sig. "Simon Le Bon" (moderatore):

"Riceviamo e pubblichiamo.
Nessun membro dello staff di questo Forum ha mai conosciuto né conosce qualche componente della famiglia Piccioni.
Anche se questa storia non ci lascia indifferenti, ribadiamo la nostra completa estraneità alla vicenda.
Simon
Moderatore"

Introduzione asciutta e distaccata, che alza un enorme barriera, la stessa freddezza di Pilato, quando si lavò le mani e disse ";...Ve la dovete vedere voi".
Questo è il messaggio che passa. Questo "moderatore" si è lavato le mani nella stessa bacinella di Pilato.
Vergognati!
Pino Lupo



Non capisco che senso abbia questo voler polemizzare a tutti i costi.
Quel "vergognati" rivolto a Simon lo rimando al mittente.
3/11/2008 12:30 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 67,472
Moderatore
Mah... purtroppo questo testimonia la levatura morale di tanti nostri detrattori, non esitano a speculare sulle tragedie altrui pur di fare della sterile polemica.

[SM=x67]
--------------------------------------------------------------------
Sijmadicandhapajiee, gente per cui le arti stan nei musei - Paolo Conte

FORUM TESTIMONI DI GEOVA
3/11/2008 1:18 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
ONLINE
Post: 39,217
Location: PINEROLO
Age: 50
TdG
Re:
Per prassi, direi di limitare al minimo indispensabile i commenti alle lettere ricevute.

Grazie

Simon
Moderatore
Previous page | 1 | Next page
New Thread
Reply

Home Forum | Album | Users | Search | Log In | Register | Admin
Create your free community and forum! Register to FreeForumZone
FreeForumZone [v.5.2] - Leggendo la pagina si accettano regolamento e privacy
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 8:16 PM. : Printable | Mobile
Copyright © 2000-2020 FFZ srl - www.freeforumzone.com