printprint
New Thread
Reply
 
Previous page | « 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 | Next page

Pericope dell'adultera: autentica?

Last Update: 5/10/2019 11:21 AM
Author
Print | Email Notification    
5/10/2019 1:29 AM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 1,864
TdG
domingo7, 10/05/2019 00.12:

Codici autorevoli del II-III secolo non ci sono più neppure tra i codici greci...




A parte che avevo scritto "dei secoli dal II al IV". Inoltre vedo che come fonte lei menziona Wikipedia. Io invece le menzionavo illustri studiosi che lei disprezzava collettivamente.

Ma dopo quest'ultima enormità che ha scritto chiudo definitivamente la mia partecipazione alla presente discussione.
Ho molte cose di valore da fare nella vita.
Lei mi fa solo perdere tempo.
Non mi scriva più, nemmeno con un post in questo forum e nemmeno via mail tramite il forum o privatamente. Mai più per favore.



E' giusto adorare Gesù?64 pt.6/15/2019 10:44 PM by barnabino
La scienza degli errori38 pt.6/15/2019 10:35 PM by barnabino
L'invenzione degli Alieni28 pt.6/15/2019 7:52 PM by barnabino
L'importante è che se ne parli...23 pt.6/15/2019 4:45 PM by barnabino
Alessandra Viero (TgCom24)TELEGIORNALISTE FANS FORU...21 pt.6/15/2019 5:15 PM by Venal.90
5/10/2019 9:16 AM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 421
Location: GENOVA
Age: 60
Due ultime parole

Capisco che lei non condivida le mie perplessità sulla critica testuale. Le assicuro però che non disprezzo nessuno (né la vostra nuova traduzione, né i suoi fratelli, né tantomeno gli studiosi più seri e qualificati): ho solo delle perplessità sul fatto che codici, manoscritti e papiri greci, spesso incompleti e neppure tanto antichi, vengano assunti come verità assolute ed incontestabili, disprezzando (e qui di vero disprezzo si può davvero parlare) le testimonianze dei vecchi manoscritti della Vetus Latina, della Vulgata e dei cristiani dell'antichità.

Questi ultimi, è vero, sono tutti cattolici (e la cosa forse non le ispira troppa fiducia) ma nei primi secoli dell'Era Volgare la maggioranza dei cristiani apparteneva alla chiesa cattolica, in parte greca ed in parte occidentale e davvero troppi ricordano la pericope dell'adultera come giovannea, vera e genuina.

Quanto a wikipedia mi sono permesso di citarla, perché nonostante alcuni errori, presenta una veloce panoramica delle parti del Nuovo Testamento contenute realmente nei papiri, nei codici e nei manoscritti, così che ci si può rendere conto che, se qualcuno dice con sicurezza granitica (faccio un esempio molto grossolano) che nel papiro PX non c'è l'episodio dell'adultera, si può verificare velocemente che colà le parti del Vangelo di Giovanni contenute non contengono inevitabilmente l'episodio perché magari mancano alcuni fogli e si salta direttamente dal V al X capitolo.

Se mi chiede della bibliografia seria, non mi sono permesso di segnalarle nulla perché penso che lei possegga già dei buoni testi di critica testuale e abbia raggiunto un eccellente livello di preparazione.

Mi permetto solo di esprimerle qualche perplessità nei confronti della critica testuale, che non mi sembra una scienza matematicamente esatta e che andrebbe affrontata con consapevolezza e con un po' di spirito critico.

A me comunque piacciono tantissimo:

Bruce Metzger, The Text of the New Testament: Its Transmission, Corruption, And Restoration (1st ed.). Oxford: Clarendon Press, 1964.

Bruce Metzger, The Early Versions of the New Testament: Their Origin, Transmission, and Limitations. Oxford: Clarendon Press, 1977

Il primo è stato riveduto più volte e anche tradotto in italiano dalla Paideia, mentre del secondo (che è veramente apprezzabile) non conosco edizioni italiane.

Se poi è suo desiderio non continuare questa discussione, non voglio certo contendere e rispetto sinceramente la sua scelta, anche se mi dispiace che non sia possibile condurre un confronto pacato solo perché si hanno visioni diverse della critica testuale (che comunque non mi sembra fondamento della fede di nessuna confessione cristiana).

[Edited by domingo7 5/10/2019 9:27 AM]
5/10/2019 11:21 AM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 29,053
Location: ANCONA
Age: 60
TdG
Re: Due ultime parole
domingo7, 10/05/2019 09.16:


Capisco che lei non condivida le mie perplessità sulla critica testuale. Le assicuro però che non disprezzo nessuno (né la vostra nuova traduzione, né i suoi fratelli, né tantomeno gli studiosi più seri e qualificati): ho solo delle perplessità sul fatto che codici, manoscritti e papiri greci, spesso incompleti e neppure tanto antichi, vengano assunti come verità assolute ed incontestabili, disprezzando (e qui di vero disprezzo si può davvero parlare) le testimonianze dei vecchi manoscritti della Vetus Latina, della Vulgata e dei cristiani dell'antichità.

Questi ultimi, è vero, sono tutti cattolici (e la cosa forse non le ispira troppa fiducia) ma nei primi secoli dell'Era Volgare la maggioranza dei cristiani apparteneva alla chiesa cattolica, in parte greca ed in parte occidentale e davvero troppi ricordano la pericope dell'adultera come giovannea, vera e genuina.

Quanto a wikipedia mi sono permesso di citarla, perché nonostante alcuni errori, presenta una veloce panoramica delle parti del Nuovo Testamento contenute realmente nei papiri, nei codici e nei manoscritti, così che ci si può rendere conto che, se qualcuno dice con sicurezza granitica (faccio un esempio molto grossolano) che nel papiro PX non c'è l'episodio dell'adultera, si può verificare velocemente che colà le parti del Vangelo di Giovanni contenute non contengono inevitabilmente l'episodio perché magari mancano alcuni fogli e si salta direttamente dal V al X capitolo.

Se mi chiede della bibliografia seria, non mi sono permesso di segnalarle nulla perché penso che lei possegga già dei buoni testi di critica testuale e abbia raggiunto un eccellente livello di preparazione.

Mi permetto solo di esprimerle qualche perplessità nei confronti della critica testuale, che non mi sembra una scienza matematicamente esatta e che andrebbe affrontata con consapevolezza e con un po' di spirito critico.

A me comunque piacciono tantissimo:

Bruce Metzger, The Text of the New Testament: Its Transmission, Corruption, And Restoration (1st ed.). Oxford: Clarendon Press, 1964.

Bruce Metzger, The Early Versions of the New Testament: Their Origin, Transmission, and Limitations. Oxford: Clarendon Press, 1977

Il primo è stato riveduto più volte e anche tradotto in italiano dalla Paideia, mentre del secondo (che è veramente apprezzabile) non conosco edizioni italiane.

Se poi è suo desiderio non continuare questa discussione, non voglio certo contendere e rispetto sinceramente la sua scelta, anche se mi dispiace che non sia possibile condurre un confronto pacato solo perché si hanno visioni diverse della critica testuale (che comunque non mi sembra fondamento della fede di nessuna confessione cristiana).





vorrei, cari Domingo e TNM, che il dialogo e questa interessantissima discussione potessero continuare.
Continuare serenamente e in perfetta amicizia.
Sono convinto di non chiedervi troppo e - se devo essere sincero - l' idea che questa discussione si tronchi così bruscamente non mi piace per nulla...





-------------------------
"Perciò, siccome abbiamo questo ministero secondo la misericordia che ci è stata mostrata, non veniamo meno; 2 ma abbiamo rinunciato alle cose subdole di cui c’è da vergognarsi, non camminando con astuzia, né adulterando la parola di Dio, ma rendendo la verità manifesta, raccomandandoci ad ogni coscienza umana dinanzi a Dio" (2 Cor. 4:1-2)

 TESTIMONI DI GEOVA ONLINE FORUM 
Previous page | « 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 | Next page
New Thread
Reply

Home Forum | Album | Users | Search | Log In | Register | Admin
Create your free community and forum! Register to FreeForumZone
FreeForumZone [v.5.0.0] - Leggendo la pagina si accettano regolamento e privacy
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 12:54 AM. : Printable | Mobile
Copyright © 2000-2019 FFZ srl - www.freeforumzone.com