Come posso combattere la solitudine?

Seabiscuit
00Wednesday, April 28, 2010 1:36 PM

È una bella giornata e non hai niente in programma. Tutti i tuoi amici sì, però. Sono in giro e si divertono. Ancora una volta ti hanno escluso! È già abbastanza brutto essere fra quelli che non sono stati invitati, ma è ancora peggio pensare a cosa potrebbe voler dire questo. ‘Forse c’è qualcosa che non va in me’, pensi. ‘Perché nessuno vuole stare con me?’
FORSE più di una volta ti sei trovato nella situazione descritta nella pagina accanto. Potresti sentirti come se fra te e i tuoi coetanei ci fosse un baratro. Ogni volta che tenti di iniziare una conversazione con loro riesci solo a balbettare qualcosa. Quando hai l’occasione di socializzare, la timidezza ha il sopravvento. Perché anche solo rompere il ghiaccio è tanto difficile?
Anziché stare sulle tue, puoi cercare di creare un ponte per comunicare. Vediamo come.
● Ostacolo n. 1: un concetto negativo di te stesso. Certi ragazzi si buttano continuamente giù. Sono convinti di non piacere a nessuno e di non avere nulla di interessante da dire. È questo che pensi di te? In tal caso, la tua scarsa autostima non farà che rendere più profondo il baratro che ti separa dai tuoi coetanei.

Soluzione: rifletti sulle tue qualità. (2 Corinti 11:6) Chiediti: ‘Quali sono i miei pregi?’ Pensa a certe tue capacità o qualità positive e scrivile qui.
…………………………
Senza dubbio hai dei difetti ed è giusto esserne consapevole. (1 Corinti 10:12) Ma hai anche molti pregi. Riconoscere le tue qualità ti darà la fiducia di cui hai bisogno per liberarti del concetto negativo che hai di te stesso.
● Ostacolo n. 2: la timidezza. Vorresti tanto iniziare la conversazione, ma quando ti si presenta l’opportunità quasi non riesci ad aprire bocca. “Sono così timida!”, dice dispiaciuta Elizabeth, che ha 19 anni. “Per me è estremamente difficile avvicinare qualcuno alle adunanze cristiane, e ammiro tanto quelli che ci riescono!” Se sei come Elizabeth, potresti pensare che questo sia un ostacolo impossibile da superare.

Soluzione: interessati sinceramente degli altri. Non aver paura: non devi diventare di colpo estroverso. Comincia interessandoti di una persona. “Per iniziare a conoscere qualcuno, basta chiedergli semplicemente come sta o come va il lavoro”, dice un ragazzo che si chiama Jorge.
Ecco un suggerimento: non limitarti a parlare con chi ha la tua stessa età. Alcune delle più belle amicizie di cui si parla nella Bibbia nacquero tra persone di età molto diversa, come Rut e Naomi, Davide e Gionatan o Timoteo e Paolo. (Rut 1:16, 17; 1 Samuele 18:1; 1 Corinti 4:17) Ricorda inoltre che una conversazione è un dialogo, non un monologo. Le persone apprezzano chi sa ascoltare. Perciò se sei timido tieni presente che non devi portare avanti tutta la conversazione da solo.
Scrivi il nome di due adulti che vorresti conoscere meglio.
…………………………

Perché non avvicini una delle persone che hai elencato e non provi a iniziare una conversazione? Più cercherai di stare con “l’intera associazione dei fratelli”, meno ti sentirai solo. — 1 Pietro 2:17.
● Ostacolo n. 3: comportamenti sgradevoli. C’è chi ha un atteggiamento saccente ed è sempre pronto a offendere, a fare un’osservazione sarcastica o una critica tagliente. C’è poi chi vuole solo polemizzare e imporre a tutti le sue opinioni. È fin “troppo giusto”, pronto a condannare chiunque non viva secondo i suoi canoni. (Ecclesiaste 7:16) Con tutta probabilità, fai molta fatica a stare in compagnia di persone del genere! Ma non potrebbe essere che si sia formata una barriera perché tu ti comporti in uno di questi modi? La Bibbia dice che “lo stolto pronuncia molte parole” e anche che “nell’abbondanza delle parole non manca la trasgressione”. — Ecclesiaste 10:14; Proverbi 10:19.

Soluzione: coltiva “i medesimi sentimenti”. (1 Pietro 3:8) Anche se non condividi l’opinione di una persona, sii paziente e lascia che dica la sua. Punta sugli aspetti sui quali siete d’accordo. Se ritieni di dover mostrare il tuo disaccordo su una certa questione, fallo con calma e usando tatto.
Parla agli altri nel modo in cui vorresti che gli altri parlassero a te. La Bibbia consiglia di ‘continuare a fare ogni cosa senza mormorii e discussioni’. (Filippesi 2:14) Inutili battibecchi o prese in giro, nonché parole offensive o un atteggiamento sprezzante sono tutte cose che contribuiscono solo a creare il gelo intorno a te. Piacerai molto di più se ‘la tua espressione sarà sempre con grazia’. — Colossesi 4:6.

Amici ad ogni costo?
Dopo queste brevi riflessioni su te stesso, forse ti rendi conto che con alcuni accorgimenti potresti superare il baratro che ti separa dagli altri. Naturalmente devi essere realista. Non puoi aspettarti di piacere a tutti. Gesù disse che alcuni avrebbero addirittura odiato chi fa ciò che è giusto. (Giovanni 15:19) Perciò non vale la pena cercare di diventare amici di qualcuno ad ogni costo.
Tuttavia, pur senza scendere a compromessi sulle norme della Bibbia, puoi fare il possibile per essere una persona affabile e gradevole. Secondo la Bibbia, Samuele era determinato a fare ciò che piace a Dio. Quale fu il risultato? Continuò a essere “sempre più gradito sia dal punto di vista di Geova che da quello degli uomini”. (1 Samuele 2:26) Con un piccolo sforzo anche tu avrai questi risultati.
SCOPRI DI PIÙ SU QUESTO ARGOMENTO NEL VOLUME 1, CAPITOLI 8 E 14
Per saperne di più, guarda il DVD dal titolo “I giovani chiedono... Come posso farmi veri amici?”, disponibile in oltre 40 lingue
NEL PROSSIMO CAPITOLO
Il tuo migliore amico si comporta di colpo come il tuo peggior nemico. Cosa puoi fare?
SCRITTURA CHIAVE“Chi innaffia liberalmente altri sarà anche lui liberalmente innaffiato”. — Proverbi 11:25.
UN SUGGERIMENTO
Tieni viva la conversazione. Per esempio, quando qualcuno ti chiede se il fine settimana è andato bene non limitarti a dire di sì. Spiegagli perché. Poi chiedi al tuo interlocutore come ha passato il suo fine settimana.
SAPEVI CHE... ?
Secondo la Bibbia, Mosè, Geremia e Timoteo potrebbero aver avuto il problema della timidezza. — Esodo 3:11, 13; 4:1, 10; Geremia 1:6-8; 1 Timoteo 4:12; 2 Timoteo 1:6-8.
I MIEI PROSSIMI OBIETTIVI
L’ostacolo più grosso che incontro è...
…………………………
Mi sforzerò di superarlo in questo modo:
…………………………
Ecco cosa vorrei chiedere ai miei genitori sull’argomento:
…………………………
CHE NE PENSI?
● Perché alcuni cristiani potrebbero sentirsi soli?
● Anziché logorarti con pensieri negativi, cosa puoi fare per avere un concetto equilibrato di te stesso?
● Cosa diresti per confortare un tuo fratello (o sorella) minore che sta lottando contro la solitudine?
[Testo in evidenza a pagina 88]
“Una sorella cristiana faceva di tutto per avvicinarmi ma io rimanevo sulle mie. Quando alla fine ho smesso di essere scostante, mi sono sentita così stupida! Si è rivelata una delle mie migliori amiche, anche se ha 25 anni più di me!” — Marie
HadesBloodyMoon
00Friday, April 30, 2010 9:09 AM
Io non so come funziona il meccanismo fisico della cosa...ma...la solitudine non è brutta.....i miei peruìiodi di solitudine sono sempre stati i più belli...ed anche quando questa si attanagliava dentro di me riuscivo a stare benissimo....forse una persona sola..che non sia misantropa..si sente moralmente come mi sento io quando sto in compagnia...in questo caso..per cercare di capire mi basterebbe ribaltare la situazione ecapire cosa provano.......conoscere se stessi..ti fa sentire la solitudine come amica e non come una nemica......
eliezell
00Friday, May 7, 2010 10:52 PM
Sea ....mi è piaciuto molto ....
Sea ... è vero i nostri giovani sono spesso soli e ... lo si vede alle assemblee dove gli adolescenti hanno comportamenti spesso timidi e riservati... si sggregano a fatica e ... li vedo darsi un contegno da adulti... pur essendo ragazzi... L'ADOLESCENZA è VERAMENTE UN MOMENTO TREMENDO...

Ma anche gli adulti sono diventati troppo casalinghi... si fa quello che si deve ma la sera ognuno a casa propria... e le feste con la propria famiglia... pochi accettano di avere incontri tra famiglie...troppo stanchi o forse troppo legati alle trasmissioni tv...

Quindi si esce poco e ....poco anche con i figli appresso.... sembra che il tempo sia diventato molto più corto...

Dopo una certa ora si ha paura dell'esterno... del buio delle rapine e di tutte quelle cose brutte che la tv ci propina ogni giorno... giri l'angolo e pensi che potresti essere rapinato o violentata...

Ci hanno talmente imbottito di nefandezze dalla tv che il male sembra essere ovunque.... e di qui la solitudine...


a presto..........
Questa è la versione 'lo-fi' del Forum Per visualizzare la versione completa click here
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 10:13 AM.
Copyright © 2000-2020 FFZ srl - www.freeforumzone.com