Il "VAT 4956" non può essere usato contro il 1914

Pagine: [1], 2, 3, 4, 5
monseppe
00venerdì 14 agosto 2009 11.15
Informazioni, risposta di monseppe a domande.
Intorno agli anni '50 fu ritrovata la copia di un importante diario astronomico del periodo neobabilonese in discreto stato di conservazione. Fu catalogata con la sigla: V.A.T. 4956.

Tale diario fu poi analizzato, traslitterato e tradotto da A. Sachs e da H. Hunger. Da tali ricercatori, in accordo ad altri reperti del periodo, a tale diario fu attribuita la data di osservazione del 568bc (-0567 astronomico), diversamente dalla più probabile data di osservazione alternativa del 587bc (-0586 astronomico) suggerita dalle informazioni storiche della Bibbia.



Da allora, e specialmente di recente, si sono moltiplicati in rete siti che avvalendosi della datazione di tale reperto archeologico stimata da Sachs, usano come uno stendardo tale diario astronomico, il vat 4956, principalmente per smentire il credo di una minoranza religiosa (noti come "Studenti biblici" e come "Testimoni di Geova"). Essi, sin dal lontano 1887 circa, mediante informazioni bibliche e basandosi sulla datazione del 523bc (-0522 astronomico) attribuita all'allora recentemente ritrovato e pubblicato "Strassmaier Cambyse n° 400", avevano identificato con l'anno 607bc (-0606 astronomico) l'anno secolare nel quale Gerusalemme e il suo tempio furono distrutti da Nabucodonosor II°, il figlio di Nabopolassar.



L'identificazione dell'anno della distruzione di Gerusalemme (il 607bc), permise di comprendere a tale minoranza religiosa che i biblici 7 tempi o "Tempi dei Gentili" (un periodo di 2520 anni), si sarebbero conclusi durante l'anno 1914 della nostra era volgare (d.c.). Cambiamenti epocali da quell'anno in poi ricalcano ciò che Gesù stesso profetizzò come segnale per il genere umano per identificare la fine di suddetto periodo di tempo.

Alla conclusione di tale periodo, è profetizzato nella bibbia, sarebbe seguito il ristabilimento del regno di Dio nelle mani di colui che ne aveva il diritto legale (Ezechiele 21:26-27), ovvero Gesù Cristo, che appunto dal 1914 ha posto fine all'incontrastato (da parte di Dio) dominio riguardo ai regni umani che durante tale tempo governarono sulla terra, divenendone re di tutta la terra per disposizione divina. Tale governo divino nelle mani di Gesù, che tuttora dal cielo regna "in mezzo ai suoi nemici" mentre è compiuta una mondiale opera di annuncio di tale regale evento, dovrà presto rivendicare l'indiscussa autorità regale del solo che potrà e saprà governare tutta la terra e l'intero universo in giustizia e Pace; Geova Dio. Gli attuali governi umani sono esortati tutt'ora a prendere atto di tale prossimo inevitabile cambiamento, se realmente desiderano un mondo nel quale regnino giustizia e pace per sempre. (Salmo 2).



Usando suddetto diario astronomico taluni, in rete, vorrebbero smentire con "prove" archeologiche l'evento distruttivo dell'anno 607bc spostando in avanti di 20 anni (al 587bc) tale avvenimento storico grazie alla stima di datazione al 568bc attribuita in buona fede da Sachs a tale diario. Questa breve relazione "informativa" vuole far conoscere importanti informazioni trascurate od omesse, mediante le quali è possibile comprendere che:





IL VAT 4956 non può essere usato contro il 1914!

( Il diario Astronomico fu osservato nel 587bc ed è stato originariamente redatto durante il 38° anno di Nabucodonosor II° ).
[SM=g7413]
barnabino
00venerdì 14 agosto 2009 11.26
Mi permetto di aggiungere questo link al tuo sito

digilander.libero.it/perveritante/index.htm

monseppe
00venerdì 14 agosto 2009 11.39
Dimenticanza :-(
[SM=g10765] perdonate il "vecchietto" [SM=g11399]

Ho dimenticato di inserire il link dove fornisco alcune informazioni preliminari (ma molto importanti) sulla base delle quali è motivato il tema di quessta discussione. Le trovate al link:

digilander.libero.it/perveritante/index.htm

Se non riuscite a capire qualcosa, potete postare qui le vostre domande (possibilmente mirate ad uno specifico argomento, e alle quali possa dare una risposta ragionevole). grazie.

Mi firmo come "monseppe" o "perveritante1"

Il mio nome personale è Giuseppe, sono del 1947 [SM=g10765] perciò spero che mi si rispettino i capelli grigi [SM=g1861207]

monseppe
barnabino
00venerdì 14 agosto 2009 11.53
Uno studio molto interessante che non avevo mai avuto modo di vedere, complimenti.

Shalom
AdminUnico-tdG
00venerdì 14 agosto 2009 12.13
Adesso mandi in crisi i bunkaroli [SM=x1408399]
Complimenti per lo studio che, come ho letto, ti è costato molto tempo e fatica. Appena ho un po' di tempo cerco di leggerlo in maniera più attenta e approfondita [SM=g8335]
admintdg2
00venerdì 14 agosto 2009 17.10
Re: Dimenticanza :-(
monseppe, 14/08/2009 11.39:

[SM=g10765] perdonate il "vecchietto" [SM=g11399]




Dicci qualcosa di te, presentandoti nell'apposita sezione.


dom@
00venerdì 14 agosto 2009 17.50
Re: Dimenticanza :-(
monseppe, 8/14/2009 11:39 AM:

[SM=g10765] perdonate il "vecchietto" [SM=g11399]

Ho dimenticato di inserire il link dove fornisco alcune informazioni preliminari (ma molto importanti) sulla base delle quali è motivato il tema di quessta discussione. Le trovate al link:

digilander.libero.it/perveritante/index.htm

Se non riuscite a capire qualcosa, potete postare qui le vostre domande (possibilmente mirate ad uno specifico argomento, e alle quali possa dare una risposta ragionevole). grazie.

Mi firmo come "monseppe" o "perveritante1"

Il mio nome personale è Giuseppe, sono del 1947 [SM=g10765] perciò spero che mi si rispettino i capelli grigi [SM=g1861207]

monseppe



Bada Giuseppe, che il rispetto non viene con L'anzianita'! E te lo dice uno ,,,,, 1933
Il rispetto, si a tutti [SM=g7255]


monseppe
00venerdì 14 agosto 2009 18.12
Referenze per le informazioni della ricerca.
In rete, come se fossero versetti della bibbia, contano molto sulle "referenze" o sulle "fonti" dalle quali le informazioni che vengono date sono prese. In questo modo, per me, si arrampicano sugli specchi [SM=g11685] confidando sui lavori e sulle fatiche di ricerca fatte da altri, i "cattedrati", senza preoccuparsi di "verificarle" personalmente prima di usarle contro di noi.

Ciò è giusto (fornire le referenze), ma può pure divenire dispersivo e limitare l'aspetto "bereano" che dovrebbe essere in ogniuno di noi.

Personalmente, riconosco come massima autorità una specifica referenza, [SM=g6276] la Bibbia. Se non è "cattedrato" il nostro creatore [SM=g11663] , chi lo può essere meglio di lui?

Sappino i frequentatori di questa discussione che riferirò fonti o referenze solo dove esse si ritengono necessarie. Concedetemelo come un risparmio di lavoro (ho poca memoria), quello di scartabellare ogni volta le centinaia di reperti archeologici e documenti che ho dovuto ricercarmi da solo in rete e analaizzare traducendomeli spesso da l'inglese che neppure conosco se non nel liguaggio web.


I risultati elaborati astronomicamente sono effettuati mediante un programma di astronomia. Iniziai con RedShift3 e ho concluso la mia ricerca con RedShift6, ma i dati ottenuti (eclissi ed effemeredi) sono sempre stati anche confrontati con riferimenti astronomici ricercati anche nel sito della NASA.
Inoltre, tutti i dati astronomici sono pure stati verificati in confronto con la data alternativa attualmente accreditata da quasi tutti gli studiosi attuali, ovvero con l'anno 568bc (qui non uso a.e.v, in quanto spesso queste informazioni devono essere lette da persone che non condividono il nostro modo di pensare).

Nel sito di appoggio dovreste capire cosa intendo dire. Se citavo tutte le referenze analizzate, la pagina web diverrebbe grande tre o quattro volte quella publicata.

Questo intanto vi dico: Per il significato dei segni cuneiformi (che non conoscevo per nulla inizialmente) ho usato vocabolari trovati in rete presso diverse università, e ne uso uno che ha circa 6000 lemmi traslati dalle migliaia di tavolette trovate fino ad ora.

Ii principali documenti che usò l'archeologo-Astronomo A. Sachs li ho analizzati dal suo sito: www.caeno.org Molti documenti storici e reperti li ho analizzati dal sito storico di "Livius". I documenti che non conoscevo, me li hanno fatti conoscere proprio gli oppositori, col loro "citare" questo e quel reperto storico ed archelogico; [SM=x1408442]

Inoltre vi risparmio la faticosa ricerca a tappeto che ho dovuto fare in rete per le atre informazioni.
I cuneiformi diari "astronomici" da me analizzati, sono quattro.

Il BM 32312, il diario più vecchio, databile al 653/652bc

Questo Vat 4956 che metto in discussione in questo forum,

L'ormai noto "Strassmayer Cambyse n° 400" (BM 33066),

e il diario di Antiochio figlio di Antiochio del 198bc.

(Ovviamente non ho trascurato quelli che parlano di Saturno, di Venere, Le Lbat (elenchi di eclissi di Luna), il canone di Tolomeo, le cronache dei re, il famosissimo BM 29456 (che parla della cattura i Ioiachin) ecc. ecc se no divento lungo pure qui!) [SM=g7566]

Ma la cosa più importante, davvero, è che il risultato c'è stato solo perché nel consultare tutte le documentazioni sopra citate ho seguito con attenzione bereana le informazioni della bibbia, specialmente in riferimento a Daniele e a Geremia. E' infatti la archeologicaemnte trascurata bibbia quella che mi ha dato le risposte chiave o "prove" che hanno permesso di smascherare un antico inganno storico perpretato dalla regina Adda, la madre di Nabonedo, durante i 17 anni del loro regno.

Una raccomandazione vorrei fare a tutti i lettori di questo forum.
Siate "intelligenti" ed evitate inutili diatribe [SM=g1871110] che non servono a nulla. Ognuno decida per se stesso l'utilità che possono avere le informazioni che posso dare in rete al riguardo. Tali informazioni che posso ora dare, sono ancora incomplete, in quanto le prove più evidenti ed importanti al presente devo ragionevolmente riservarmele.

Le informazioni che però posso attualmente publicare, spero che siano un aiuto per coloro che sono frastornati dalle incomplete e tendenziose informazioni che vengono sempre più divulgate in rete contro la data del 1914, ma con la sola unica mira di minare la forte fede nel "Regno di Dio" che coraggiosamente l'unto ha contrapposto fermamente anche di fronte a "prove" apparentemente incontestabili e di carattere certamente scientifico che "sembrerebbero" indicare un tempo sfasato di 20 anni. Se si ignora completamente la bibbia, infatti, tali argomentazioni sembrano assolutamente incontestabili.

Perciò vi prego caldamente di NON usare queste informazioni per denigrare, per prevalere, o per fini di versi da quelli di fare una "ferma difesa" contro ogni falso insegnamento che è contro la "Verità!"
[SM=g8925] Grazie! [SM=g8925]

monseppe.


monseppe
00venerdì 14 agosto 2009 18.22
Dove la trovo?
monseppe, 14/08/2009 11.39:

--------------------------------------------------------------------------------

perdonate il "vecchietto"



--------------------------------------------------------------------------------



Dicci qualcosa di te, presentandoti nell'apposita sezione.

Scusa, è la prima volta che posto nel forum. Per cortesia mi dici dove devo mettere le informazioni richieste? in queste cose sono avvero imbranato :-( [SM=g11399]
Seabiscuit
00venerdì 14 agosto 2009 18.22
caro monseppe,

quello che porti alla nostra attenzione è davvero molto interessante.

Manca solo la tua presentazione che, secondo regolamento del forum, dovresti fare nella specifica sezione delle presentazioni, affinche tutti possano anche darti il loro benvenuto.

grazie

Seabisuit/Moderatore
admintdg2
00venerdì 14 agosto 2009 18.32
Re: Dove la trovo?
monseppe, 14/08/2009 18.22:


Scusa, è la prima volta che posto nel forum. Per cortesia mi dici dove devo mettere le informazioni richieste? in queste cose sono avvero imbranato :-( [SM=g11399]




Apri una nuova discussione qui:

testimonidigeova.freeforumzone.leonardo.it/cartella.aspx?id...
monseppe
00venerdì 14 agosto 2009 19.03
Promosso?
Ciao amministratori (i nomi di solito li metto con copia incolla, se no li storpio), :-(.

Spero di aver adempiuto la "presentazione".

Adesso spetta ai lettori del forum valutarmi.

"io, speriamo che me la cavo"!

Ma sopratutto, si la verità a trionfare, sempre.
La luce è bianca, è vero. Ma il saggio ne analizza tutti i colori che la compongono. (non fermiamoci mai solo alle "apparenze").

ciao atutti per ora.

Giuseppe
monseppe
00sabato 15 agosto 2009 00.26
:-) ci sono riuscito!
[SM=g1871116] giusto per ridere.

(Ecclesiaste 9:11) ...non è dei veloci la corsa, né dei potenti la battaglia, i saggi neanche hanno cibo, quelli che hanno intendimento neanche hanno ricchezze, neppure quelli che hanno conoscenza hanno favore; perché il tempo e l’avvenimento imprevisto capitano a tutti loro...

.... e gli imbranati o smemorati ( [SM=g10765] come me)facciano pure doppia fatica! :-)

Quello che è semplice per altri è per me "complesso" e quello che per altri è "complesso" è forse per me, semplice.

Solo ora sono riuscito ad inserire l'aviatar e a corregere la località. [SM=x1408403]

buonanotte a tutti, Giuseppe.
monseppe
00domenica 30 agosto 2009 00.06
Informazioni sul Vat 4956
Dal momento che questo reperto archeologico è praticamente alla base, dal punto di vista astronomico, della datazione al 587bc della distruzione di Gerusalemme, che sposterebbe avanti di 20 anni la data del 1914 portandola all'anno 1934, ritengo che sia interessante poterlo conoscere bene.

Dopo lunga ricerca, in un sito russo (io non conosco il russo, tramite che quando dormo [SM=x1408403] ) riuscii a trovare una buona rappresentazione fotografica di tale reperto.

Il sito russo dal quale le foto migliori del VAT 4956 sono state prese: (attenzione, sostiene il 587bc contro il 607bc).

www.vremena.nm.ru/chapter_4.html#

Sotto allego prima la foto che quasi subito trovai nel sito di Sachs e Hunger, www.caeno.org; di seguito, la foto trovata nel sito Russo.
(spero che non ci sino problemi admn).



Capirete che per un profano come me era come leggere la scritta di un dottore! era praticamente indecifrabile. Confrontate con quella russa.


Questa è la parte detta "frontale" o "Obverse"



Questa è la parte detta "Retro" o "Reverse"



Questo è il bordo basso del reperto VAT 4956.

Per meglio capire i segni incisi con il sistema di scrittura cuneiforme, i ricercatori hanno messo a punto una tecnica di presentazione detta "LineArt", che risalta il segno mediante dei tratti nitidi; sotto la foto.



Immaginatevi la differenza quando iniziai diversi anni fa a verificare il Vat 4956. La rappresentazione "lineart" che trovai inizialemnte in un sito di oppositori era la seguente:



[SM=x1408442] [SM=x1408433]

Se desiderate, possiamo discutere di questo reperto archeologico che fu datato da Abraham Sachs per l'anno 37° di Nabucodonosor II, ovvero il 568bc (-0567 astronomico), invece di valutarlo per la data che consigliava la bibbia, ovvero per l'anno 38° di Nabucodonosor II, il 587bc (-0586 astronomico).

Notate che è facile fare confusioni, in quanto datando il diario per l'anno 568bc, si sposta la distruzione di Gerusalemme al 587bc, che, quarda caso, è invece proprio la data durante la quale suddetto diario fu originalemnte osservato a Babilonia.

Con ordine, e con domande specifiche, sono disposto a rispondere alle vostre domande in merito. Potrebbe servire essere informati su queste cose.

monseppe
TANO65
00lunedì 31 agosto 2009 03.05
[SM=g7413] ho istruzione limitata ma faro il possibile di seguire il consiglio

//Potrebbe servire essere informati su queste cose.//
Seabiscuit
00lunedì 31 agosto 2009 07.15
Re: Informazioni sul Vat 4956
monseppe, 30.08.2009 00:06:


Dal momento che questo reperto archeologico è praticamente alla base, dal punto di vista astronomico, della datazione al 587bc della distruzione di Gerusalemme, che sposterebbe avanti di 20 anni la data del 1914 portandola all'anno 1934, ritengo che sia interessante poterlo conoscere bene.

monseppe



non mi sono mai soffermato molto sulle date, perchè la mia fede non basa su di essa e anche se queste fossero errate, non si smuoverebbe di una virgola la mia fede.
Ma visto che l'argomento 607 a.E.V è trattato dai nostri detrattori con molto interesse, mi domando, cosa comporterebbero i 20 anni di differenza per i TdG o per i nostri detrattori?
nevio63
00lunedì 31 agosto 2009 08.43
Re: Re: Informazioni sul Vat 4956
Seabiscuit, 31.08.2009 07:15:

non mi sono mai soffermato molto sulle date, perchè la mia fede non basa su di essa e anche se queste fossero errate, non si smuoverebbe di una virgola la mia fede. Ma visto che l'argomento 607 a.E.V è trattato dai nostri detrattori con molto interesse, mi domando, cosa comporterebbero i 20 anni di differenza per i TdG o per i nostri detrattori?




Stimatissimo Sea, anch'io, come te rifiuto di fondare una intera scelta di fede, su delle date, ma se il 1914 diventasse il 1934 (cosi' da mettere d'accordo la profezia dei 2520 anni con la datazione storica, quasi unanimemente accettata, nel mondo accademico, allora dovremmo anche dire che Cristo e' stato intronizzto nei cieli nel 1934 e che anche per il "vecchio" concetto di generazione che "non passera' prima che venga la fine" saremmo ancora in tempo, visto che i nati nel "34 oggi hanno 75 anni, o no?Ti saluto calorosamente, Sergio
TANO65
00lunedì 31 agosto 2009 19.23
Seabiscuit
ai ragione

anche se dovesse tardare , attendila perce si avvererà immancabilmente
ciao
monseppe
00lunedì 31 agosto 2009 19.25
Regno 1914 o 1934 - fede

Giusto, seabiscuit.

Infatti, quando io iniziai la mia ricerca, la iniziai col presupposto che fosse assolutamente impossibile definire una data diversa da quella attualmente stimata. I reperti archeologici e storici citati erano troppi e troppo importanti.

Ciò non di meno, dal momento che è mia abitudine, quando mi si contesti qualcosa che credo o conosco, di approfondire la contestazione per verificare se essa sia fondata o meno, feci comunque questa ricerca, appunto forte delle fede basata sulla conoscenza della parola di Dio e sull'esperienza vissuta nell'apprenderla e nel cercare di metterla in pratica nella mia vita.

Lo scopo, sopratutto, era quello di verificare se l'uso dei reperti archeologici era appropriato da parte degli oppositori contestualmente alle accuse che ci facevano. Dio non può mentire. La sua parola, come egli ce l'ha fatta pervenire, riporta il suo volere e ci dice chi siamo, perché siamo e cosa saremo.

Potevo pertanto ignorare il tutto e risparmiarmi qualcosa come 18.000 ore impiegate in tale ricerca. C'era e c'è una cosa che però, per la mia persona, che non riesco a sopportare. Lo spirito di Golia.

Che archeologi, storici, ed astronomi dimostrino che stiamo sbagliando (a dare la fiducia alla Bibbia) lo posso accettare come ragionevole risultato del frutto dei loro studi e della logica scentifica che se è dimostrata è pure stolto ignorare. Avrei quindi cercato di "capire", mentre mantengo la mia fede, in quanto, in ultima analisi, venga o non venga il regno, o "Harmaghedon" durante la mia vita, quando mi dedicai lo feci per il fatto che accettai nel mio cuore il mio creatore e decisi diubbidire alle sue leggi, pur nelle limitazioni della mia/nostra carne imperfetta.

Pertanto, lo feci consapevole di doverlo fare fino alla mia morte naturale, pur restando ferma una diversa speranza, quando mi dedicai.

Sentire però continuare a citare l'onesto lavoro di ricercatori, scenziati e professionisti come se fossero "loro" a contestare ciò che gli oppositori ci contestano, proprio per la mia passione verso le cose scentifiche, e per la mia stessa fede, davvero non riuscivo a sopportarlo.

Iniziai quindi cira 6 anni fa la mia difficile ricerca. Con sorpresa, appunto perché in tale ricerca mi stavo facendo guidare dalle informazioni della Bibbia, comninciai a notare delle strane discrepanze nei vari reperti storici e archeologici che andavo via via analizzando.

Infine, in Agosto di questo anno, ho concluso la mia ricerca trovando tutte le risposte necessarie a dimostrare che l'attuale datazione del 587bc per la distruzione di Gerusalemme non aveva un riscontro scentifico coerente. Non fu un errore dei competenti addetti ai lavori, certo; importanti documenti portavano a ciò che dedussero.

La bibbia mi fornì indicazioni necessarie per "smascherare" quello che fu un antico inganno, un'alterazione delle informazioni storiche registrate in alcuni preperti archeologici e poi avvalorata da altri storici di quei tempi, compiuta proprio verso la fine del periodo Neobabilonese da parte di una anziana donna assira, la "signora Adda-Gruppi" La madre di Nabonedo. Suo figlio, ovviamente sostenne con il suo potere regale il progetto di sua madre di ripristinare almeno l'adorazione della deità lunare, alla quale tale donna era devotissima, in tutto il reame di Babilonia, essendo ormai l'Assiria definitivamente sconfitta da molto tempo. Assieme a questo golp religioso, tale signora potè sfogare tutto il suo astio accumulato in oltre 30 anni nei confronti del figlio di Nabucodonosor, Evil-Merodac.

Per quanto il ricercatore A. Sachs ritenne utopistica una tale "antica" concertata manipolazione di documenti, in una sua intervista fa capire che il "sospetto" di tale antica alterazione era comunque la sola alternativa al riconoscimento di una diversa datazione del 587bc.

Dice il salmo 2:

(Salmo 2:1-6) 2 Perché sono state in tumulto le nazioni E gli stessi gruppi nazionali borbottavano una cosa vuota? 2 I re della terra prendono posizione E gli stessi alti funzionari si sono ammassati come un sol uomo Contro Geova e contro il suo unto, 3 [Dicendo:] “Strappiamo i loro legami E gettiamo via da noi le loro funi!” 4 Il Medesimo che siede nei cieli riderà; Geova stesso si farà beffe di loro. 5 In quel tempo parlerà loro nella sua ira E acceso di sdegno li turberà, 6 [Dicendo:] “Io, sì, io ho insediato il mio re Sopra Sion, mio monte santo”.

Il riferimento del versetto 2 è più che ragionevolmente applicabile all'ora neonata "Lega delle Nazioni" dell'immediato dopoguerra (1920).

Vent'anni dopo il 1914 (nel 1934) si stavano soltanto ponendo le basi per lo scoppio della "seconda guerra mondiale", alla quale seguì una apparentemente più forte ONU (che poi, come dissero le scritture, si mostrò falsa nella sua potenza, essendo incapace di evitare conflitti in vari luoghi della terra).

Pertanto, mentre per me, e per i Testimoni di Geova, è inifluente ciò che eventuali reperti scentifici possano dire contro i "tempi e le stagioni" stabiliti da Geova, è "PER ME" inaccettabile ed insostenibile il biasimo che gli oppositori, mediante l'uso di tali risultati "scentifici" riversa, speciamente mediante il WEB (la rete)
sul fedele popolo di Dio che continua "fermo" a confidare nel suo Dio e nella sua scritta parola.

Se tale "golia" (le accuse scentifiche rivolte a noi) fosse stato imbattibile, incontestabile, per noi umani, restava e resta sempre per me la forte certezza cha a rispondergli sarebbe stato il nostro stesso creatore, magari... [SM=x1408443] .

Ma se con almeno una pietra liscia (ora ce ne sono almeno cinque), l'unto (non io), pensavo, potesse colpire tale Golia scentifico, il biasimo al nome di Geova e al suo regno poteva essere tolto.

Per me, c'è in gioco la rivendicazione del Regno nelle mani di Gesù, il figlio di Dio. Non è quindi una cosa (almeno per me) di sola fede. Il mio RE è biasimato, ignorato, e mi si vuol dire che egli ancora al 1934 non stesse regnando. "io", "non ci stò".

Feci quindi questa ricerca. Le risposte ora ci sono. L'uso di queste risposte, però, non è compito mio. Odio lo spirito di Uzza.

Io posso ora solo dire: Ci sono più che ragionevoli evidenze che Gerusalemme fu distrutta nel 607bc (il 9 agosto del 607bc, calcolato astronomicamente col computer e secondo il calendario babilonese).

In ogni caso, ho pensato, è giusto che pure il popolo di Dio possa fare una sua propria difesa personale, almeno "conoscendo" le evidenze che pure i reperti archeologici che anticamente registrarono in modo veritiero la storia Neobabilonese oggi ci fanno conoscere.

Pertanto è la bibbia che ha smascherato l'antico inganno del quale non si sono resi conto i moderni studiosi i quali, purtroppo, spesso ne ignorano le informazioni in essa registrate.

Lodevole è per me la fede di tutti i fratelli che si sono mantenuti fedeli anche di fronte a evidenze per le quali fino ad oggi non vi era logica e ragionevole risposta.

Triste è per me la stoltezza di coloro che, riponendo fede o considerando di valore maggiore delle scriture, le ricerche scentifiche, sono venuti meno o stanno venendo meno nella loro aspettativa che presto, mediante il Regno di Dio stabilito nel 1914 nei cieli, la malvagità e le sofferenze che oggi ci affliggono devono finire.

Ancorpiù ritengo l'unto rimanente eccezionalmente lodevole per il suo saper stare fermo pur di fronte a tali reiterate e dolorose accuse fatte riguardo al regno di Dio... specialmente sino almeno (con un crescendo esponenziale) dal 1950, ma realmente, sin dal 1914.

Chiedo scusa per l'ennesimo lungo post. desideravo esternare i motivi della mia ricerca a "difesa" del regno di Dio stabilito nei cieli sin dal 1914.

monseppe.
barnabino
00lunedì 31 agosto 2009 19.30
Si, lo credo anch'io. La fede non si basa certo su documenti storici che sono affetti da errori e interpretazioni. Io ho francamente dato sempre poco peso a questa cosa seppure credo che le profezie non a caso di abbiamo condotto al secolo passato, perché è quello in cui i presupposti di un cambiamento globale sono più realistici.

Poi i concetti di generazioni possono cambiare, Gesù volutamente non fu preciso, perché conosceva meglio di noi la psicologia umana...

[SM=g7566]
descubridor
00martedì 1 settembre 2009 10.56
Per Monseppe
Cito questo tuo passaggio perche' e' un aspetto che mi preoccupa molto.

+++Triste è per me la stoltezza di coloro che, riponendo fede o considerando di valore maggiore delle scriture, le ricerche scentifiche, sono venuti meno o stanno venendo meno nella loro aspettativa che presto, mediante il Regno di Dio stabilito nel 1914 nei cieli, la malvagità e le sofferenze che oggi ci affliggono devono finire.

Come ho gia' sostenuto in altro post sento a volte fratelli che dicono:Be' si la fine prima o poi verra'.
Questo e' un atteggiamento assai pericoloso. Si avvicina molto agli atteggiamenti gnostici . Lo SFD non ci sta dicendo che la fine prima o poi verra'. Ci dice che la fine e' vicinissima( parole dello Schiavo e non mie) La differenza non e' di poco conto.
Siamo ad un punto tale della storia umana ed abbiamo visto talmente tante evidenze che non si tratta piu' di vedere la generazione con questa o quella sfumatura ( cambiante in base all'intendimento) . Lo SFD ha gia' variato l'intendimento in base agli avvenimenti che si sono succeduti. Siamo al dunque. O la fine viene o vi e' qualcosa di errato nell intendimento ma di errato nella sostanza proprio perche' il concetto di generazione e' stato esaminato in tutti i risvolti possibili.
Spero di non indurre alcuni all'inciampo perche' il mio intento e' invece proprio quello di difendere cio' che dice lo Schiavo e che ribadisco. Lo Schiavo non ci sta dicendo : Si dai prima o poi ci azzecchiamo e la fine viene . Ci dice che la Fine e' ad un passo.
O non ho capito bene l'assemblea internazionale ( sarebbe strano perche' e' passata solo da alcuni giorni). [SM=x69]
Ciao Monseppe Ti ringrazio per le tue ricerche e i tuoi interventi che mi inducono sempre alla riflessione
porporato
00martedì 1 settembre 2009 14.27
ciao Monseppe..
ti faccio i miei complimenti per l'imponente ricerca che da solo hai fatto; mi ricordo che già un p'ò di anni fa mi dicesti che stavi cominciando una simile ricerca..grande davvero Monseppe sei da lodare assai!!!
mi permetto di dire che comunque non sono alcuni che si permettono di postdatare l'evento dal 607 al 587, ma siamo noi che si anticipa dal 587 al 607; questo semplicemente perché i cosiddetti detrattori non fanno altro che citare la maggioranza delle fonti secolari oggi a noi disponibili che assentono a tale data come distr. di gerus.
siamo solo noi che cerchiamo prove storiche che confermino il contrario.
vorrei fare una prima domanda:
invalidando il vat 4956, non mi sembra che basti per demolire le prove a favore del 587 aev.
si fa anche riferimento a prove circostanziali come le liste mortuarie dei re saitici come parallela alla stessa, le tavolette commerciali che confermano anno per anno la durata dei regnanti, le iscrizioni regie e roba che te conosci insomma..
mi pare che la tua linea sia quella della grande cospirazione sotto adda guppi al fine di fare cosa?
poi non capisco perché discutere sul 37 o 38° anno di nabu quando le osservazioni astronomiche rivelano che la combinazione pianeti-stelle osservata nel vat ha avuto solo luogo nel 568-567 aev..?
per stabilire la crono biblica quindi noi ci affidiamo solo allo strassmaier? le accuse fatte però dalle nostre pubblicazioni per cercare di inficiare il valore di canoni tolemaici diario vat e simili, non si potrebbero sare anche contro lo strm. 400?
ma forse sono io che non ci ho capito nulla; però visto che è stato fatto dietro tanto lavoro di ricerca mi piacerebbe avere qualche documento che in modo diciamo analitico possa rispondere una ad una alle accuse rivolte contro la nostra cronologia.. voglio dire: non una nuova cronologia di oslo ma una risposta chiara ad ogni obiezione..
vorrei dire tante ma stò facendo un calderone; farò domande via via.. [SM=g7422]
monseppe
00martedì 1 settembre 2009 16.30
Archeologia contestuale
Barvo porporato.. una domanda alla volta e specifica il "vecchietto" forse riesce a soddisfarala.

Prima vorrei però replicare a Descubridor.

Se leggi un mio recente post (non mi ricordo dove,,...) Ho detto:
Il giorno è passato la notte sta completamente finendo, siamo pertanto "vigilanti".

Ti sembra che dica di prendersela comoda?
Il giorno e l'ora non la conosciamo, sappiamo che siamo nella parte finale degli ultimi giorni. Le mie riflessioni sulla "generazione" non indicano un "procrastinare" del tempo. Se leggi con attenzione, scoprirai che solo per gli Unti il margine di tempo potrebbe essere procrastinato, nel senso che nuovi unti che si sono presentati prendendo gli emblemi anni addietro, potrebbero essere facenti parte della generale Generazione (in senso composito) di unti de va dai tempi apostolici ai nostri giorni. Questi, ovviamente, non rientrano nella generazione del "genere umano" o "altre pecore" forse viventi nel 1914 che potrebbero essere fra i "sopravvisuti" che supereranno Harmaghedon.

-------------------------

Tornando a Porpotato

Ciò che mi fai presente è perfettamente giusto.
Ci sono "migliaia" di tavolette che daterebbero gli anni di Nabucodonosor o specialmente del fantomatico "Kandalanu" in modo da suggerire la cronologia del 568bc per il diario e del 587b per la distruzione di Gerusalemme.

Prima cosa da chiedersi è: "quando furono scritte"? Se facessero parte dell'archivio del periodo seleucide (molte Lbat), sappi che era ormai già assodato (accreditato), proprio come per i nostri giorni, che il primo anno di Nabucodonosor fosse il 605/604bc e di conseguenza, adeguandosi o allineandosi a tale "cronologia accreditata" laddove anche ci fossero state tavolette con datazioni incerte, le avranno certamente adeguate nel ricopiarle.

Ovvio, NON posso analizzarle tutte; e sarebbe del tutto inutile, contestualmente a basilari informazioni sia bibliche che archeologiche, che al presente non posso divulgare tutte, (forse solo dopo che sarà stato scritto un eventuale libro in merito.. forse) in quanto devo ancora superare la prova del "fuoco".

Il "confronto diretto" con persone competenti e serie che possano confrontare il loro lavoro con il mio. Questo non è ancora stato fatto, e non sono io che lo posso fare, dovresti comprenderlo.

Riguardo alla "precedenza"... ebbene, forse dimentichi o non hai letto nella parte introduttiva, che nel 1887 della nostra era volgare, furono gli allora studenti biblici a comprendere che i tempi dei gentili terminarono nel 607bc, appunto mediante le necessaarie informazioni del BM 33066 che oggi stanno cercando già di discreditare definendolo "zeppo di errori" (gurda caso, fu decifrato giusto nel tempo necessario per preannunciare il regno di Dio nel 1914.. un caso?).
Io lo ho verificato, sulla base del cubito a 4° e sulla base di come i babilonesi osservavano iil cielo e gli astri, come indicato nel Vat 4956, e ti posso assicurtare che gli errori, se c'erano, erano dovuti alla misura erronea di 2 gradi per cubito stimata da Sachs.

Le poche diverse corrispondenze che ho trovato, sono marginali al contestuale risultato astronomico che identifica la data del diario, e sono in parte dovute alla "difficile" interpretazione" del linguaggio dei "logogrammi" che i babilonesi del periodo Neobabilonese usavano per descrivere le osservazioni astronomiche; spesso era anche un linguaggio di tipo astrologico.

Ti ricordo che io NON ho seguito gli archeologi o gli astronomi nel cercare di capire il tempo reale del diario, HO seguito la Bibbia. Sono le informazioni della bibbia che mi hanno indicato che "da osservare" fosse il 587bc. NON ho dovuto fare l'errore (dando cieca fiducia agli archeologi) di sottrarre semplicemente 20 anni dal 568bc.

La differenza di un solo anno (da 37 a 38° anno di Nabucodonosor) non è "marginale" ma è "Abissale".
Lo dimostra la posizione di Marte, che compiendo una orbita ogni circa due anni, in una delle due osservazioni avrebbe dovuto allora essere (se si contassero 37° o 38° anno di Nabucodonosor), sfasato di quasi 180°. Mentre fra le due osservazione (587bc e 568bc), lo sfasamento di marte è inferiore ai 30 gradi (si ho tenuto conto anche della apparente retrogradazione del pianeta).

Cosa significa? Che una delle due date di osservazione è assolutamente certo che è "Falsa".

Ora ti chiedo: Nel la mia verifica, praticamente tutte le line del diario (circa 40 righe) corrispono con una buona precisione alle misure indicate nel Vat 4956 verificato per il 38° anno di Nabucodonsor e per l'anno 587bc.
Per l'anno 568bc o 37° di Nabucodonosor si riscontrano invece astronomicamente diverse discrepanze di misura; almeno tre occasioni di almeno tre giorni di ritardo nelle osservazioni e una eclisse (del 587bc) che fa parte di una famiglia osservata per oltre 400 anni, che era ovviamente attesa,... ma che poi (nel 568bc) non si verificò, non essendo appunto più di tale famiglia (Saros).

Inoltre, per scrupolo di ricercatore, ho "personalmente" anche verificato, con le misure suggerite dal Vat 4956 (ovvero con il CUBITO A 4°) pure il diario BM 32312 (il più vecchi diario astronomico attuialemnte conosciuto) trovando molte concordanze in luogo del dubbio report che ne fece Sachs.
Il BM 33066 già te ne ho accennato. Poi, giusto per verificare che nel periodo successivo a Beroso non avessro cambiato la stima del cubito portandolo dai 4 gradi del 587bc ai 2 gradi stimati da Sachs, ho pure analizzato il lungo diario astronomico di antioco figlio di Antioco del 168/169bc, trovando molte più concordanze con il cubito a 4° che non con il cubito a 2°.

Certo, devo spiegare ancora moltissime cose: Eclissi di luna, di sole, erodoto, senofonte, giuseppe flavio, tolomeo beroso Bibbia, stele di Harran, cronaca di Nabonedo, caduta di Ninive, battaglia di Hiritu, elenco dei re (diverso da quello di Tolomeo).
Dovrei spiegare come probabilmente molte delle registrazioni che Assurbanipal aveva catalogato in Ninive potrebbero essere state distrutte dalla stessa Adda-Gruppi per perorare la sua arorazione della luna in contrasto con quella di Giove (Marduk) che prevaleva in Babilonia.

Dovrei spiegare che il fantomatico "Kandalanu" altri non era che lo stesso Assurbanipal (cosa già sospettata da diversi archeologi), ecc ecc.

Per questo chiedo "una domanda alla volta" e "specifica" se no devo dare solo risposte estremamente generiche che lasciano il tempo che trovano.

Abbiate pietà di un povero [SM=g10765] la mia memoria sta cominciando a funzionare a sprazzi.. Ma fintanto che funziona, sono disposto a rispondere dove ne posso dare una ragionevole evidenza.

monseppe
Seabiscuit
00martedì 1 settembre 2009 16.47
caro Giuseppe è davvero interessante e costruttivo leggere i tuoi interventi che, dimostrano la tua preparazione e studio sul'argomento.

Per me posso dire che è un vero piacere averti in questo forum!
[SM=g7255] [SM=g1871116]
descubridor
00martedì 1 settembre 2009 17.50
Re: Archeologia contestuale
monseppe, 01/09/2009 16.30:

Barvo porporato.. una domanda alla volta e specifica il "vecchietto" forse riesce a soddisfarala.

Prima vorrei però replicare a Descubridor.

Se leggi un mio recente post (non mi ricordo dove,,...) Ho detto:
Il giorno è passato la notte sta completamente finendo, siamo pertanto "vigilanti".

Ti sembra che dica di prendersela comoda?
Il giorno e l'ora non la conosciamo, sappiamo che siamo nella parte finale degli ultimi giorni. Le mie riflessioni sulla "generazione" non indicano un "procrastinare" del tempo. Se leggi con attenzione, scoprirai che solo per gli Unti il margine di tempo potrebbe essere procrastinato, nel senso che nuovi unti che si sono presentati prendendo gli emblemi anni addietro, potrebbero essere facenti parte della generale Generazione (in senso composito) di unti de va dai tempi apostolici ai nostri giorni. Questi, ovviamente, non rientrano nella generazione del "genere umano" o "altre pecore" forse viventi nel 1914 che potrebbero essere fra i "sopravvisuti" che supereranno Harmaghedon.

-------------------------

Tornando a Porpotato

Ciò che mi fai presente è perfettamente giusto.
Ci sono "migliaia" di tavolette che daterebbero gli anni di Nabucodonosor o specialmente del fantomatico "Kandalanu" in modo da suggerire la cronologia del 568bc per il diario e del 587b per la distruzione di Gerusalemme.

Prima cosa da chiedersi è: "quando furono scritte"? Se facessero parte dell'archivio del periodo seleucide (molte Lbat), sappi che era ormai già assodato (accreditato), proprio come per i nostri giorni, che il primo anno di Nabucodonosor fosse il 605/604bc e di conseguenza, adeguandosi o allineandosi a tale "cronologia accreditata" laddove anche ci fossero state tavolette con datazioni incerte, le avranno certamente adeguate nel ricopiarle.

Ovvio, NON posso analizzarle tutte; e sarebbe del tutto inutile, contestualmente a basilari informazioni sia bibliche che archeologiche, che al presente non posso divulgare tutte, (forse solo dopo che sarà stato scritto un eventuale libro in merito.. forse) in quanto devo ancora superare la prova del "fuoco".

Il "confronto diretto" con persone competenti e serie che possano confrontare il loro lavoro con il mio. Questo non è ancora stato fatto, e non sono io che lo posso fare, dovresti comprenderlo.

Riguardo alla "precedenza"... ebbene, forse dimentichi o non hai letto nella parte introduttiva, che nel 1887 della nostra era volgare, furono gli allora studenti biblici a comprendere che i tempi dei gentili terminarono nel 607bc, appunto mediante le necessaarie informazioni del BM 33066 che oggi stanno cercando già di discreditare definendolo "zeppo di errori" (gurda caso, fu decifrato giusto nel tempo necessario per preannunciare il regno di Dio nel 1914.. un caso?).
Io lo ho verificato, sulla base del cubito a 4° e sulla base di come i babilonesi osservavano iil cielo e gli astri, come indicato nel Vat 4956, e ti posso assicurtare che gli errori, se c'erano, erano dovuti alla misura erronea di 2 gradi per cubito stimata da Sachs.

Le poche diverse corrispondenze che ho trovato, sono marginali al contestuale risultato astronomico che identifica la data del diario, e sono in parte dovute alla "difficile" interpretazione" del linguaggio dei "logogrammi" che i babilonesi del periodo Neobabilonese usavano per descrivere le osservazioni astronomiche; spesso era anche un linguaggio di tipo astrologico.

Ti ricordo che io NON ho seguito gli archeologi o gli astronomi nel cercare di capire il tempo reale del diario, HO seguito la Bibbia. Sono le informazioni della bibbia che mi hanno indicato che "da osservare" fosse il 587bc. NON ho dovuto fare l'errore (dando cieca fiducia agli archeologi) di sottrarre semplicemente 20 anni dal 568bc.

La differenza di un solo anno (da 37 a 38° anno di Nabucodonosor) non è "marginale" ma è "Abissale".
Lo dimostra la posizione di Marte, che compiendo una orbita ogni circa due anni, in una delle due osservazioni avrebbe dovuto allora essere (se si contassero 37° o 38° anno di Nabucodonosor), sfasato di quasi 180°. Mentre fra le due osservazione (587bc e 568bc), lo sfasamento di marte è inferiore ai 30 gradi (si ho tenuto conto anche della apparente retrogradazione del pianeta).

Cosa significa? Che una delle due date di osservazione è assolutamente certo che è "Falsa".

Ora ti chiedo: Nel la mia verifica, praticamente tutte le line del diario (circa 40 righe) corrispono con una buona precisione alle misure indicate nel Vat 4956 verificato per il 38° anno di Nabucodonsor e per l'anno 587bc.
Per l'anno 568bc o 37° di Nabucodonosor si riscontrano invece astronomicamente diverse discrepanze di misura; almeno tre occasioni di almeno tre giorni di ritardo nelle osservazioni e una eclisse (del 587bc) che fa parte di una famiglia osservata per oltre 400 anni, che era ovviamente attesa,... ma che poi (nel 568bc) non si verificò, non essendo appunto più di tale famiglia (Saros).

Inoltre, per scrupolo di ricercatore, ho "personalmente" anche verificato, con le misure suggerite dal Vat 4956 (ovvero con il CUBITO A 4°) pure il diario BM 32312 (il più vecchi diario astronomico attuialemnte conosciuto) trovando molte concordanze in luogo del dubbio report che ne fece Sachs.
Il BM 33066 già te ne ho accennato. Poi, giusto per verificare che nel periodo successivo a Beroso non avessro cambiato la stima del cubito portandolo dai 4 gradi del 587bc ai 2 gradi stimati da Sachs, ho pure analizzato il lungo diario astronomico di antioco figlio di Antioco del 168/169bc, trovando molte più concordanze con il cubito a 4° che non con il cubito a 2°.

Certo, devo spiegare ancora moltissime cose: Eclissi di luna, di sole, erodoto, senofonte, giuseppe flavio, tolomeo beroso Bibbia, stele di Harran, cronaca di Nabonedo, caduta di Ninive, battaglia di Hiritu, elenco dei re (diverso da quello di Tolomeo).
Dovrei spiegare come probabilmente molte delle registrazioni che Assurbanipal aveva catalogato in Ninive potrebbero essere state distrutte dalla stessa Adda-Gruppi per perorare la sua arorazione della luna in contrasto con quella di Giove (Marduk) che prevaleva in Babilonia.

Dovrei spiegare che il fantomatico "Kandalanu" altri non era che lo stesso Assurbanipal (cosa già sospettata da diversi archeologi), ecc ecc.

Per questo chiedo "una domanda alla volta" e "specifica" se no devo dare solo risposte estremamente generiche che lasciano il tempo che trovano.

Abbiate pietà di un povero [SM=g10765] la mia memoria sta cominciando a funzionare a sprazzi.. Ma fintanto che funziona, sono disposto a rispondere dove ne posso dare una ragionevole evidenza.

monseppe



Caro Giuseppe
c e' stato evidentemente un equivoco. Quando parlo di fratelli che dicono certe cose non mi riferivo certo a te ne' ai tuoi scritti.
Anzi, e' proprio il contrario. Mi scuso se ho dato questa impressione e rinnovo la mia stima per le tue interessanti ricerche e il mio affetto fraterno
P.S : Parli di vecchietto . Be' forse un po' piu' di me ma non di molto.
Ciao


monseppe
00martedì 1 settembre 2009 18.12
Errare umanum est - e noi "umani" siamo!

Tranquillo descubidor.. credo che l'equivoco sia più facilmente stato mio.

Infatti, "separando" il mio commento da te riportato e comprendendolo come soggetto introduttivo, mi sono accorto che il tuo commento era positivo.

A capire male sono stato io.. [SM=g8269]

Se non altro, è stato ribadito il punto.

Cercherò di fare una maggiore attenzione le prossime volte.

Grazie.

monseppe

monseppe
00martedì 1 settembre 2009 18.21
recidivo :-(

Mi accorgo ora che ho battuto il nick di "porporato" in modo sbagliato.

Purtroppo, anche se ricontrollo i testi, "vecchio" in senso di malandat) sognU!

Ho scritto:

Tornando a Porpotato spero che ci rida sopra! [SM=x1408403]
intanto chiedo perdono! [SM=x1408433]

[SM=g8238] Hei! Uno alla volta, per favore! [SM=x1408399]

monseppe.
porporato
00martedì 1 settembre 2009 18.55
porpotato quasi mi piace di più... [SM=x1408403]
confermo anche io davvero la lodedi seabiscuit al tuo lavoro monseppe..
appena ho un p'ò di tempo leggerò meglio la tua risposta monseppe; ci vorrebbe davvero un tuo doc da tenere sottomano in modo da leggerlo accuratamente perché leggere così a tronconi è un p'ò poco scorrevole e per chi non ha una conoscenza forte di tali argomenti è un p'ò difficile far quadrare tutto.
comunque libri che potrebbero spingerti a publicare almeno in toto o quasi la tua ricerca ce ne sono; basta considerare il testo di olof dell 86' o di quello aggiornato del 04'..
per quanto concerne il vat se nella prima riga riporta il 38° anno 1 nisan alla fine non dice la stessa identica cosa?
la tavoletta andrebbe dal 1 nisan del 37° anno al 1 del 38° giusto?
monseppe
00mercoledì 2 settembre 2009 04.19
37° o 38° è diverso da 587bc 0 568bc

Ciao porporato, come vedi, la materia è ormai divenuta così complessa che anche cercando di ripondere ad una semplice domanda.. divento "necessariamente" logorroico.

Ciò che ha reso anche difficile la comprensione della data effettiva del VAT 4956 è appunto l'intreccio che si viene a verificare quando ad anno 587bc, secondo le informazioni bibliche, si attribuisce il 38° anno di regno di Nabucodonosor, mentre, in alternativa, è stato assegnato all'anno 568bc il 37° anno di Nabucodonosor.

Se si riflette bene, le differenze sono abissali.
Nel caso dell'anno di regno del re, si viene a contestare un arco di tempo di un anno; il 37° o il 38°. 365,25 giorni, per intenderci.

Nel caso invece della datazione secolare del diario, tra il 587bc e il 568bc intercorrono ben 19 anni, non uno solo.

Dal punto di vista archeologico è importante comprendere a quale anno dei 43 anni di regno di Nabucodonosor debba essere effettivamente assegnata la stesura del reperto. Dal punto di vista astronomico, invece, è vitale identificare l'esatto anno secolare fra quelli del periodo Neobabilonese al quale evidentemente il reperto si riferisce secondo le "osservazioni" fatte e che vi sono registrate.

Se analizzi le foto dei reperti che ho inserito, vedresti bene che per quanto riguarda l'anno del re Nabucodonosor, e quindi archeologicamente, il dubbio verterebbe solo fra 37° e 38° anno, anche se, come spero avrai letto nel sito di appoggio dove spiego appunto il problema, ci sono fortissime evidenze che fanno propendere per interpretare il segno come "Trentottesimo" (38°) anno di Nabucodonosor.

Pertanto, quale che sia la verifica astronomica che si faccia, essa "dovrebbe" stare a distanza di un solo anno secolare per identificare se il reperto archeologico si riferisce effettivamente al 37° o 38° anno di regno del re.

A causa del ciclo di Metone, come ho già spiegato in un altro post, se la verifica astronomica si fa "slittare" di 19 anni dalla data originaria, lo "slittamento" viene favorito dalla concordanza delle fasi lunari e dalla posizione della luna nell'osservazione ottica del cielo visto da Babilonia.
Mentre è altrettanto vero che questa circostanza è "palindrome", ovvero se io parto da anno 568bc "considerandolo" l'effettivo anno del diario, una verifica all'anno alternativo 587bc (rispetto alla base presa come riferimento, ovvero il 568bc) sarebbe favorita appunto dal ciclo di Metone di 19 anni.

"Palindrome" significa in due sensi, ovvero se dico "otto" leggendolo da sinistra a destra, dico "otto" anche leggendolo da destra a sinistra. In una situazione ambigua come questa, la confusione, l'incertezza o il dubbio regnano sovrani, e purtroppo, possono essere facilmente "manipolati" per far sembrare corretta una propria tesi.

L'unico modo di definire se la parola "Palindrome" debba essere letta come "otto" da destra o da sinistra, è l'uso della regola grammaticale per i nomi. Se io scrivo in lettere il numero 8 da solo, o dopo un punto, lo scrivo come "Otto".
Tentare di scriverlo nella sua versione palindreme, ma seguendo le regole grammaticali, risulterebbe diventare un "ottO" ma sarebbe, almeno grammaticalmente, scorretto.

Nella natura universale, il tempo scorre inesorabilmente in un senso. Dal passato al "futuro". Quindi, anche già logicamente, si dovrebbe leggere "Otto". NON sto filosofando.
Sto cercando di spiegare uno dei motivi per i quali è stato difficilissimo capire la verità sulla datazione del diario e pure il motivo per il quale esperti ricercatori, in parte sviati anche da alcune non veritiere informazioni registrate anticamente, non si siano accorti che la datazione al 568bc era fallace.

Certamente subito mi si dirà allora che: "essendo ormai ufficialmente accreditata da tutti i "cattedrati" la datazione del 568bc, giocoforza è chi cerca una data alternativa che si sposta di 19 anni "benefiaciando" dei risultati accettabili derivanti dal fenomeno del ciclo di Metone".

[SM=x1408399] Io posso dimostrare che la "lettaura" (O tto) del diario deve essere fatta nel 587bc, appunto identificando l'anno di partenza del regno di Nabucodonosor nel 625bc contando dalla sua ascesa (ovvvero dopo la morte di Nabopolassar). Mentre coloro che sostengono il 568bc, l'inizio del regno di Nabucodonosor II lo desumono retrocalcolandolo dalla data del BM 33066 e dalle informazioni di reperti archeologici come la stele di Harran, beroso (citato da Giuseppe falvio) e Tolomeo (che poi riporta pure lui i tempi dei re di Beroso), ovviamente ignorando la bibbia.
Le famose tavolette dette "Lbat" da sole, identificano avvenimenti astronomici (eclissi di luna) ai quali "FU assegnato" un anno di regno "quando" furono incise; NON sono delle "Osservazioni dirette" dei fenomeni ivi registrati. NON possono avere la rilevanza di un "diario astronomico" contestualmente alla verifica confrontata con ben altri TRE diari astronomici.. Pertanto non mi sto inventando nulla.

Non posso dire qui in rete come posso provarlo, sarei stolto al presente. La fatica l'ho fatta io..... non la "regalo". Posso solo dirvi che è scritto nel famoso reperto archeologico noto come BM 21946 (che parla della cattura di Gerusalemme al tempo di Daniele e di Ioiachim/Ioiachin) ed è avvalorato dallo stesso Giuseppe Flavio. Lo dirò, come "archeologicamente e astronomicamente" si identifica il primo anno di regno di Nabucodonosor II, solo dopo aver superato la prova del confronto con persone sinceramente motivate e competenti in materia, o potrò metterlo protetto in un eventuale libro.

In sunto la risposta alla tua domanda è la stessa che ho già publicato in rete.

Il diario astronomico "Vat 4956" fu osservato durante l'anno che iniziava con il 22 Aprile del 587bc e che corriponde al 38° anno di regno (appunto appena iniziato) di Nabucodonosor II°.
Mentre fu nel suo 18/19° anno che Nabucodonosor distrusse Gerusalemme e il suo tempio nel 607/606bc.

Perciò ribadisco: il "vat 4956" non può essere usato contro il 1914!

monseppe.
porporato
00mercoledì 2 settembre 2009 08.53
grazie monseppone..
vedendo la fatica capisco anche il riserbo per le tue ricerche..
a questo punto considero più probabile la tua teoria che quella scritta da furuli sul suo volume che personalmente la trovo un p'ò "bizzarra" :=)
una curiosità: l'ho letto ma non trovo più dove dici i programmi astronomici che hai usato per le tue ricerche.
mi potresti dire come si chiamano?
grazie mille davvero
Questa è la versione 'lo-fi' del Forum Per visualizzare la versione completa clicca qui
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 11.25.
Copyright © 2000-2018 FFZ srl - www.freeforumzone.com