MATTEO 24:22

Close55
00Thursday, October 21, 2010 8:58 AM
W 97 15-2


“La Torre di Guardia” del 15 agosto 1996 diceva: “Nella parte finale della tribolazione, la ‘carne’ che sarà fuggita schierandosi dalla parte di Geova sarà salvata”. Si intende forse dire che, dopo la prima fase della grande tribolazione, molti nuovi si schiereranno dalla parte di Dio?
----------------------------------------------------------------------
Non era questo il punto.
------------------------
In futuro, le parole di Gesù riportate in Matteo 24:22 si adempiranno principalmente mediante la salvezza attraverso la prima parte della veniente grande tribolazione, l’attacco contro la religione. L’articolo diceva: “Ricordate che della ‘carne’, sia degli unti che della ‘grande folla’, sarà già stata salvata in occasione del rapido e totale annientamento di Babilonia la Grande nella prima parte della tribolazione”.
Quei fedeli non saranno in pericolo quando Gesù e il suo esercito celeste agiranno nella parte finale della tribolazione. Ma chi supererà quest’ultima fase della tribolazione? Rivelazione (Apocalisse) 7:9, 14 mostra che sopravvivrà una grande folla che nutre la speranza terrena. Che dire dei cristiani unti con lo spirito? La rubrica “Domande dai lettori” della Torre di Guardia del 15 agosto 1990 spiegava perché non possiamo essere dogmatici sul tempo in cui il rimanente degli unti sarà portato in cielo. Per questo il recente articolo della Torre di Guardia (15 agosto 1996) lasciava aperta la questione, dicendo in maniera generica: “Similmente, nella parte finale della tribolazione, la ‘carne’ che sarà fuggita schierandosi dalla parte di Geova sarà salvata”.
In quanto alla possibilità che dei nuovi siano in grado di apprendere la verità e schierarsi dalla parte di Dio dopo l’inizio della grande tribolazione, si notino le parole di Gesù riportate in Matteo 24:29-31. Dopo lo scoppio della tribolazione, apparirà il segno del Figlio dell’uomo. Gesù disse che tutte le tribù della terra si sarebbero percosse con lamenti. Non parlò affatto di persone che, vista la situazione, si sarebbero pentite, si sarebbero schierate dalla parte di Dio e sarebbero divenute veri discepoli.
Similmente, nella parabola delle pecore e dei capri, il Figlio dell’uomo appare e separa in qualità di giudice le persone in base a ciò che hanno fatto o non hanno fatto nel passato. Gesù non disse nulla che lasciasse intendere che persone le quali per tanto tempo avevano manifestato le caratteristiche dei capri si sarebbero improvvisamente convertite diventando simili a pecore. Egli viene per giudicare sulla base di ciò che le persone hanno già dimostrato di essere. — Matteo 25:31-46.
Tuttavia non c’è motivo di essere dogmatici nemmeno su questo punto. I servitori di Dio, sia unti che appartenenti alla grande folla, sanno quello che devono fare adesso: predicare e fare discepoli. (Matteo 28:19, 20; Marco 13:10) Ora è il tempo di seguire l’esortazione: “Operando insieme a lui, vi supplichiamo anche di non accettare l’immeritata benignità di Dio venendo meno al suo scopo. Poiché egli dice: ‘In un tempo accettevole ti ho udito, e in un giorno di salvezza ti ho aiutato’. Ecco, ora è il tempo particolarmente accettevole. Ecco, ora è il giorno della salvezza”. — 2 Corinti 6:1, 2.
speculator
00Friday, April 13, 2018 10:43 AM
Gesu' separera' individualmente all'interno di un gregge di ovini le pecore dai capri.
Non andra' nel mondo a cercare delle pecore in mezzo ai vermi o
Serpenti o leoni o altri.
Si batteranno il petto in segno di dolore e pentimento quelli che capiranno, perche' gli sara' detto, che Gesu' sta per venire dietro le nubi del cieli (invusibilita').
Ci batteremo il petto per tutto un millennio.
Seabiscuit
00Friday, April 13, 2018 12:17 PM
Re:
speculator, 13.04.2018 10:43:

Gesu' separera' individualmente all'interno di un gregge di ovini le pecore dai capri.




Non so te, ma io non mi sento ovino
verderame.1958
00Friday, April 13, 2018 9:36 PM
Re: Re:
Seabiscuit, 13/04/2018 12.17:




Non so te, ma io non mi sento ovino




Sappiamo tutti che hai un'anima equina... [SM=g27987]
claudio2018
00Monday, April 16, 2018 3:16 PM
Un segno deve avere un senso uno scopo e un significato . Un segno e come un disegno trasmette un significato. Le persone capiranno esattamente e con chiarezza provenienza e significato del segno celeste. Geova lo manda o trasmette loro per uno scopo. Ora conoscendo Geova e sapendo che non è un Dio che si diverte a dire : Cucu' sono qua , mi vedi ? Adesso ti distruggero' , per te non c'è più niente da fare , dovevi pentirti prima , quando predicavano i miei testimoni , ora è troppo tardi quindi ti faccio vedere il segno e poi ...addio !

No non credo proprio che lo scopo del segno sia questo .

Geova è un Dio che ha sempre cercato di salvare fino all'ultimo e dare un opportunità anche in extremis e penso che in questo aspetto della sua personalità si debba vedere il senso del segno del figlio dell'uomo.

Questo non significa che si possa aspettare fino ad allora . Non aspetto che il terremoto mi faccia cadere la casa in testa per poi tendere un braccio al soccorritore quando sarò sepolto sotto le macerie . È meglio fuggire prima.

Ma vedo nel segno del figlio dell'uomo più un ultimatum dettato dalla misericordia divina più che un inutile avviso a persone che dovranno comunque essere distrutte.

Correggetemi se e dove sbaglio

Saluti
speculator
00Tuesday, April 17, 2018 11:29 AM
Gia' ora e' tempo di pentirsi.

Il segno del figlio dell'uomo apparira' nel cielo, quindi in cielo invisibile e per quelli del cielo.

Dopo di conseguenza un annuncio fara' in modo che quelli che odono in terra potranno "vedere-capire" che Gesu' Sta per venire con potenza e Grande Gloria.

Gesu' dice chiaramente in tutto Matteo 24 che di fronte ai segni e al segno non dovremmo sviarci cioe' mangiare cibo sano che
viene da lui tramite le aquile o corpo direttivo.

Il segno e' questo: Geova chiamera'le aquile spirituali che han occhio in cielo e in terra che si riuniranno intorno a Cristo che fornira' cibi-istruzioni loro e per i piccoli nel nido.
claudio2018
00Tuesday, April 17, 2018 6:41 PM
L' espressione profetica "Dovunque sia il cadavere là si raduneranno le acquile" segue nel contesto la descrizione della falsa aspettativa umana di localizzare Cristo e l' adorazione in un luogo specifico ""ecco il Cristo e QUI o LÀ"
L' uomo ha la tendenza a centralizzare e localizzare ...Vaticano...la mecca ....ecc ...Cristo invece dice "Dovunque"
Un chiaro riferimento profetico a come è organizzata la pura adorazione oggi. Dovunque ci sia del cibo spirituale ( il cadavere ) considerato anche solo da due o tre persone radunate ( acquile spirituali ) Gesù è lì
speculator
00Monday, April 23, 2018 11:14 AM
Il cibo spirituale per le aquile spirituali e' Gesu'. Le aquile si radunano-raduneranno per avere cibo da Gesu'.
claudio2018
00Monday, April 23, 2018 11:26 AM
Cosa intendi con : "il cibo spirituale è Gesù" ?
(SimonLeBon)
00Monday, April 23, 2018 11:52 AM
Re:
Onestamente, la vedo molto complicata all'atto pratico.
Ci sono molte persone su questa terra che non hanno proprio idea di chi sia stato Gesu'.

Simon
speculator
00Monday, April 23, 2018 12:45 PM
Il cibo e' Gesu' nel senso che da Gesu'
Verranno informazioni per le aquile da distribuire agli aquilotti.
speculator
00Monday, April 23, 2018 12:50 PM
Alcune persone ora possono
e convertirsi.
Ma difficilmente serpi e vermi vedranno Gesu' dietro le nubi del cielo, anche perche' alcuni sono morti e moltissimi sono ciechi.
claudio2018
00Monday, April 23, 2018 12:56 PM
In effetti Gesù fin da quando venne sulla terra diede risalto a parabole e concetti che sottolineavano la sua dispensazione di cibo spirituale e il nesso con la vita che questa dispensazione aveva. Il suo ruolo fu prefigurato da Giuseppe . Questo cibo spirituale sarebbe divenuto abbondante nel tempo della fine come dice Daniele ma è solo nel nuovo mondo che , come dice Isaia la terra sara PIENA della conoscenza di Geova
speculator
00Thursday, June 21, 2018 11:23 AM
"si batteranno con dolore" non siu riferisce ad un pentimento tardivodelle persone lontane da Dio che piuttosto batteranno le nostre teste con dolore (nostro).
barnabino
00Thursday, June 21, 2018 12:58 PM
Speculator, però non mi pare proprio quello che dice il testo... al di là di un tardivo pentimento.

Shalom
speculator
00Friday, June 22, 2018 9:41 PM
I riferimenti a margine sono al lamento deu fedeli per la morte di Giosia (Gesu') e dei fedeli, non certo di Faraone. Ci batteremo il petto per mille anni circa.
speculator
00Friday, July 13, 2018 11:41 AM
Circa che ci batteranno con dolore nostro la storia delle persecuzioni ci puo' insegnare.
Questa è la versione 'lo-fi' del Forum Per visualizzare la versione completa click here
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 10:17 PM.
Copyright © 2000-2019 FFZ srl - www.freeforumzone.com