Perché vengo sempre paragonato a qualcuno?

admintdg2
00Sunday, December 20, 2009 7:46 PM
I giovani chiedono

A SCUOLA il tuo insegnante ti rimprovera perché non sei bravo in matematica come un certo tuo compagno. A casa tuo padre o tua madre ti sgrida perché non sei ordinato come tua sorella. Qualcuno ti guarda e dice: “Quando aveva la tua età tua madre era così graziosa!” Si tratta di un’osservazione pungente perché ti chiedi se per quella persona tu invece sei brutta. “Ma proprio non riescono ad accorgersi di me?”, vorresti urlare. “Perché vengo sempre paragonato a qualcun altro?”
Come mai i confronti sono così irritanti? Se ne può ricavare qualcosa di buono? Cosa puoi fare quando vieni paragonato a qualcuno?

Perché i paragoni fanno male?

Un motivo per cui i paragoni feriscono è che a volte pungono nel vivo. In realtà, quello che gli altri dicono ad alta voce forse è quello che spesso tu stesso pensi di te. Per esempio Becky ammette: “Guardavo i ragazzi più ammirati della scuola e pensavo: ‘Se solo fossi come loro, piacerei di più agli altri’”.
Che cosa genera questi sentimenti di insicurezza?
Pensa a quello che ti sta accadendo dal punto di vista fisico, emotivo e mentale. Può darsi che nel tuo corpo stiano avvenendo rapidi cambiamenti. Il rapporto con i tuoi genitori sta diventando più complesso. E con tutta probabilità il tuo atteggiamento verso le persone dell’altro sesso è cambiato notevolmente. Perciò potresti chiederti: ‘Sto crescendo in modo normale?’

Forse pensi che l’unico modo per scoprirlo sia confrontarti con altri ragazzi che stanno subendo gli stessi cambiamenti. Ed è qui che puoi cadere in errore! Se sembra che se la cavino meglio di te, ti senti insicuro. Quando poi qualche adulto ti chiede: ‘Ma perché non fai un po’ come lui, o lei?’ potrebbe sembrarti che le tue peggiori paure trovino conferma: non sei come gli altri!

April menziona un altro motivo per cui i paragoni possono ferire. “Quando vieni paragonata a qualcuno”, dice, “soprattutto a qualcuno a cui sei legata, possono affiorare gelosia e rancore”. Mia lo sa bene. Sembra che i suoi genitori e i suoi insegnanti non facciano altro che paragonarla alla sua sorella maggiore. “Mi dicono tutte le cose in cui lei riusciva bene quando aveva la mia età”, racconta. E con quale risultato? “Questo mi fa sentire come se fossi in competizione con mia sorella. A volte addirittura ce l’ho con lei”.
I paragoni possono davvero avere degli effetti negativi. Considera cosa accadde agli amici intimi di Gesù. La sera prima che egli morisse, sorse fra gli apostoli “un’accesa disputa”. Come mai? Stavano facendo paragoni fra loro e discutevano su chi “sembrava essere il più grande”. (Luca 22:24) Senza dubbio, in certi casi i paragoni possono essere dannosi. Ma sono sempre sbagliati?

Il lato positivo dei paragoni

Considera l’esempio del giovane Daniele e dei suoi tre compagni ebrei, di cui si parla nella Bibbia. Questi ragazzi non volevano mangiare i cibi prelibati del re di Babilonia vietati dalla legge di Dio. (Levitico 11:4-8) Per convincere il loro guardiano ad aiutarli, Daniele propose di fare una prova. Suggerì che, dopo aver seguito per dieci giorni un tipo di alimentazione che fosse in armonia con la legge di Dio, il guardiano mettesse a confronto i ragazzi ebrei con gli altri ragazzi che erano a corte.

Quale fu l’esito?
La Bibbia narra: “Alla fine di dieci giorni i . . . visi [degli ebrei] apparvero migliori e più in carne di tutti i fanciulli che mangiavano i cibi prelibati del re”. (Daniele 1:6-16) Nota che il buon esito della prova non dipese dal fatto che Daniele e i suoi compagni fossero in qualche modo superiori agli altri ragazzi. La cosa ebbe successo soprattutto perché quei ragazzi ebrei decisero di ubbidire alle leggi che Dio aveva dato al suo popolo.

Ti sembra di essere in una situazione simile a quella di questi giovani ebrei? Se segui i princìpi morali contenuti nella Bibbia, ti dimostri diverso dagli altri ragazzi. Notando queste differenze alcuni potrebbero restare perplessi e ‘parlare ingiuriosamente di te’. (1 Pietro 4:3, 4) Altri, però, vedranno i buoni risultati della tua condotta eccellente, e potrebbero addirittura essere indotti a saperne di più su Geova. (1 Pietro 2:12) In questo caso i paragoni hanno quindi un risvolto positivo.

I paragoni possono rivelarsi utili anche in un altro senso. Per esempio, per quanto riguarda le faccende domestiche tu potresti pensare che stai facendo la tua parte, perlomeno in confronto a tuo fratello o a tua sorella. I tuoi genitori, però, potrebbero pensarla diversamente. Per aiutarti a vederla in un altro modo potrebbero usare un esempio tratto dalla Bibbia e chiederti di confrontare il tuo atteggiamento e le tue azioni con quelli di un certo personaggio.

Forse potrebbero rammentarti che, benché fosse chiamato “Signore” e “Maestro”, Gesù fu lieto di lavare i piedi ai suoi discepoli. (Giovanni 13:12-15) Quindi potrebbero incoraggiarti a imitare l’atteggiamento umile e laborioso di Gesù. Anzi, la Bibbia esorta tutti i cristiani, giovani e vecchi, a confrontarsi sempre con Cristo e a cercare di ‘seguire attentamente le sue orme’. (1 Pietro 2:21) Un confronto di questo tipo ci mantiene umili e ci aiuta a coltivare una personalità che è più gradita a Geova.

Fonte SV 4/07
HadesBloodyMoon
00Sunday, December 20, 2009 9:40 PM
Mi complimento, sinceramente e non con ironia, per l'articolo, sopratutto per la seconda parte..siete riusciti a trovare un lato positivo di una cosa orrenda..non è facile ovviamente mettere in pratica il punto di vista però se qualche ragazzo che legge ci riesce è da ammirare!

dal canto mio...vissi un esperienza come quelle elencate quando ero piccola...bruttissima cosa! non solo m'incattiviva ma invece di spronarmi a fare meglio mi lasciava alzare le spalle e lasciare tutti nel loro brodo...credo questo dipenda dal carattere di ogni bimbo o adolescente..se ci si trova di fronte a qualcuno già chiuso di per sè...con particolare propensione a stare nel suo è ancora più difficile metterlo in pratica...

per quanto riguarda l'esempio di Gesù..ricordiamo però che era una persona umile e modesta ma a tempo debito sapeva farsi valere con decisione...
a volta bisogna dire quello che si pensa e mettere la parola "basta!" a chi continua imperterrito nell'errore del paragone....che siano compagni, proff o genitori...con serietà ed intelligenza ma bisogna farlo...
operman
00Monday, December 21, 2009 11:25 AM
Re:
HadesBloodyMoon, 20/12/2009 21.40:


Mi complimento, sinceramente e non con ironia, per l'articolo, sopratutto per la seconda parte..siete riusciti a trovare un lato positivo di una cosa orrenda..non è facile ovviamente mettere in pratica il punto di vista però se qualche ragazzo che legge ci riesce è da ammirare!



Essere paragonati agli altri può anche essere una cosa orribile, ma è una "orribile" realtà.
Avviene in ogni aspetto della nostra vita, a scuola, nel lavoro, in famiglia, nelle amicizie.
Questo perchè qualcuno sarà pronto a farci notare un aspetto, sempre migliore (chissà perchè) presente negli altri.
I paragoni non si fanno, ci ripetiamo, ma è una delle cose che più spesso facciamo.
Ecco perchè è necessario trovare il lato positivo di questa "orribile" realtà, perchè prima o poi qualcuno ci paragonerà ad un altro e lo stesso faremo noi.

[SM=g1944981]
HadesBloodyMoon
00Monday, December 21, 2009 1:48 PM
Io non lo faccio..probabilmente per esperienza dal lato opposto...
comunque hai preso il punto.."chissà perchè sempre il lato migliore"...ognuno ha le sue qualità ed i suoi difetti..è questo che ci rende diversi...ed è bello così...se non ti piaccio nessuno ti costringe a stare vicino a me o a chiedere il mio aiuto...
quando invece ero a scuola io personalmente alzavo le spalle..alla fine ne sono uscita comunque in piedi..e nei miei lavori ho sempre dato il massimo cercando di non assomigliare a nessuno...

però ripeto..è una grande cosa vedere in questo un lato positivo... [SM=g27987]
operman
00Tuesday, December 22, 2009 5:52 PM
Re:
HadesBloodyMoon, 21/12/2009 13.48:


Io non lo faccio..probabilmente per esperienza dal lato opposto...
comunque hai preso il punto.."chissà perchè sempre il lato migliore"...



Forse perchè chi ci paragona agli altri ci vorrebbe migliorare, il che è sempre possibile.
Essere paragonati perchè ci manca un lato "peggiore" sarebbe una cosa ancora più "orribile".


HadesBloodyMoon, 21/12/2009 13.48:


ognuno ha le sue qualità ed i suoi difetti..è questo che ci rende diversi...ed è bello così...



Anche la Bibbia ci ricorda questo.
Ai padri viene detto:
"Addestra il ragazzo secondo la via per lui; anche quando sarà invecchiato non se ne allontanerà.(Proverbi 22:6)
Secondo la via per lui e non in paragone ad un altro.

HadesBloodyMoon, 21/12/2009 13.48:


se non ti piaccio nessuno ti costringe a stare vicino a me o a chiedere il mio aiuto...
quando invece ero a scuola io personalmente alzavo le spalle..alla fine ne sono uscita comunque in piedi..e nei miei lavori ho sempre dato il massimo cercando di non assomigliare a nessuno...



La scuola è il primo luogo dove si viene paragonati ad altri.
Anche qui vale il "principio" che venga fatto per migliorarti.
Non sempre, però, produce quest'effetto.


HadesBloodyMoon, 21/12/2009 13.48:


però ripeto..è una grande cosa vedere in questo un lato positivo... [SM=g27987]



In ogni cosa, volendo, si può trovare il lato positivo. [SM=g1944981]
HadesBloodyMoon
00Tuesday, December 22, 2009 6:23 PM
vero..ma chi decide cosa è "migliore" e cosa no?...perchè una persona dovrebbe "migliorare" basandosi sul punto di vista di un'altra persona?...essere migliori in base ad altri non è possibile perchè si è diversi...in questo caso la parola "migliore" diviene soggettiva...

confa86@
00Saturday, April 17, 2010 6:17 PM
bisogna vedere xkè ci sono anche i paragoni positivi... per esempio sei bravo quanto e viene detto il nome di un personaggio importante che ha fatto grandi scoperte scientifico/matematiche o roba simile [SM=g27988]
Questa è la versione 'lo-fi' del Forum Per visualizzare la versione completa click here
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 9:17 PM.
Copyright © 2000-2020 FFZ srl - www.freeforumzone.com