Testimoni di Geova Online Forum Questo forum nasce con lo scopo primario di analizzare e confutare le critiche rivolte ai cristiani testimoni di Geova e ristabilire la verità relativamente a luoghi comuni e disinformazione varia, diffusi in ambienti pubblici

La Trinità e il Credo Niceno, QUANDO LA POLITICA è a DECIDERE.

  • Posts
  • OFFLINE
    (Gladio)
    Post: 5,897
    TdG
    00 3/9/2017 11:44 PM

    Nel periodo in cui si accese e si sviluppò la controversia ariana, TRA LA FINE DEL II e la metà del III secolo l’impero romano era soggetto a degli scossoni che ne avrebbero minato le fondamenta fino a causarne il crollo.

    Qualche secolo dopo questo periodo che spazia dal II al III secolo D.C, invasioni barbariche, bassa natalità, povertà diffusa,inflazione alle stelle, epidemie, carestie,incertezza politica con l’alternarsi di uno o più imperatori o usurpatori sul trono imperiale alimentano questo caos prolungato facendo si a un certo punto che la chiesa primitiva emergesse in questo marasma generale, come unica istituzione locale stabile che in qualche modo si prendesse cura dei bisognosi ,dei più poveri e dei deboli, mantenendo in funzione , nonostante tutto una struttura di riferimento che continuava a funzionare indipendentemente da ciò che accadeva intorno a lei

    Certo a quel tempo la chiesa cristiana non è predominante, il paganesimo è ancora molto forte ,ma già scricchiola ,i più pensano che gli dei abbiano abbandonato l’impero.


    In questo caos generale emerge la figura di Costantino, figlio di un tetrarca,Costanzo, che dopo aver eliminato i “colleghi” diviene l’unico imperatore riconosciuto in tutto l’impero romano dalla Britannia alla Mesopotamia.

    E' UN uomo è molto risoluto, nel suo agire prende i problemi di petto, ristabilisce l’ordine, respinge i barbari e tenta di dare un nuovo assetto organizzativo a un impero che trova malconcio ma che lascerà alla sua morte stabile e forte.

    Come tutti gli imperatori romani è ricoperto di titoli e gloria tra questi titoli vi è quello di Pontefice Massimo , TITOLO che ha ereditato il papa romano.

    Ma cosa voleva dire essere Pontefice massimo sotto l’impero romano?
    Voleva dire essere il capo supremo o il riferimento di tutti i collegi sacerdotali di tutte le divinità adorate sotto l’impero ,che ricordiamo era tollerante verso ogni culto ,l’importante e che si rendesse omaggio all’imperatore o alle insegne romane che ne rappresentavano il governo.

    Era il capo del collegio di sacerdoti, i pontefici, che presiedevano alla sorveglianza e al governo del culto religioso.

    Essere quindi Pontefice significava presiedere e all’occorrenza pilotare le decisioni dei collegi sacerdotali nell’esercizio delle loro funzioni.

    Costantino capisce che in Oriente questa nuova religione ,come in occidente fiorisce e benchè una certa storiografia ha tentato di dipingerlo come un imperatore “cristiano” sin dai suoi arbori studi accurati hanno dimostrato che ,come molti altri del suo tempo il cristianesimo personale di Costantino ha una certa accuratezza in vecchiaia ma da fine uomo politico garantì la libertà religiosa per tutti i culti, tra cui il cristianesimo. Di fatto però il cristianesimo fu per Costantino la religione da “sostenere” come fattore di unità per il suo Impero ,visto la diffusione capillare nel suo impero.

    Sia Costantino, sia i suoi consiglieri, erano giunti alla conclusione che in una società profondamente frammentata, soltanto i cristiani possedevano , con la loro religione , un'organizzazione efficiente e coerente. Questa alla lunga avrebbe potuto saldare insieme i vari elementi conflittuali del popolo, per trasformarli nella solidarietà nazionale tanto necessaria per portare avanti la politica dell'Impero.

    Quella di Costantino fu una vera e propria operazione politica in grande stile, che determinò la presa di possesso dell'intero apparato ecclesiastico da parte dello Stato.
    A conforto di queste opinioni, narra Eusebio che l'imperatore avrebbe detto a commento del suo editto: «Io speravo che, se fossi riuscito a stabilire un accordo generale religioso, l'amministrazione degli affari pubblici se ne sarebbe avvantaggiata» [Cit. da Campolieti G., Le sante bugie, Bari, 1993, p. 117].

    A quel tempo i vescovi erano dipendenti statali, ricevevano dall’imperatore uno stipendium.

    I vescovi ovviamente osannano questo imperatore così prodigo di elargizioni per la chiesa con tutta una serie di benefici che ne derivavano.

    L’atteggiamento di Costantino è tollerante verso le varie correnti cristiane, lui non è un teologo , è piuttosto un uomo che tende ad appianare le divergenze come mediatore tra le parti invitando al dialogo e a un accordo , difatti sotto il suo regno convoca lui stesso il Concilio di NICEA per derimere la questione ariana sulla divinità di Cristo , precedentemente era intervenuto per regolare la controversa donatista in Africa. A quel tempo egli esercita potere assoluto su tutto e tutti, chiesa compresa , e spetta all’imperatore l’ultima parola su tutto.

    Una testimonianza di come a quel tempo la chiesa fosse “sottomessa” al volere imperiale ce la fornisce Costanzo II figlio di Costantino che scrivendo una lettera a più di 400 vescovi riuniti a Rimini in concilio ricorda loro : “sui vescovi e le questioni della Chiesa orientale non avete assolutamente nulla da decidere a Rimini», poiché «nessuna decisione infatti può avere alcuna forza giuridica, se ad essa fin d'ora la Nostra volontà nega ogni importanza e ogni carattere d'obbligatorietà» [Cit. Rahner H., Chiesa e struttura politica nel Cristianesimo primitivo, Milano, 1990, pp. 78.]

    Come vediamo chiaramente a quel tempo la chiesa tutta è sottomessa all’autorità politica .
    Ma come fa la chiesa cattolica o la parte di essa che si definiva catholikos a imporsi sulle altre correnti cristiane appena 30 anni dopo?

    Diciamo subito che il concilio di NICEA DOVE VERRà accolta la tesi della consustanzialità del Figlio rispetto al Padre , tenuto sotto Costantino, pur adottando un credo comune lascia parecchi scontenti e tali dispute si trascineranno per molti anni ancora con altri concili che cercheranno di trovare nuove formule di compromesso per accontentare un po tutti ,date le divisioni permanenti,ricordando che la visione ariana era particolarmente forte in oriente , mentre le chiese occidentali e la diocesi Alessandrina tendevano ad avere una visione comune sulla consustanzialità Padre-Figlio.

    Sotto il figlio di Costantino, Costanzo II L’ARIANESIMO TROVA NUOVA LINFA essendo lo stesso imperatore un ariano convinto e questo fa si che l’imperatore promuova e convochi concili per venire a smussare ulteriormente le differenze e per trasformare il credo niceano e portarlo su posizioni più vicine all'arianesimo


    A parte la breve parentesi dell’imperatore Giuliano che tenta in qualche modo di restaurare il paganesimo tutti i suoi successori saranno imperatori “cristiani”che sostenevano questo o quella corrente cristiana in cui erano stati educati oppure con cui avevano rapporti di reciproco interesse , continuando a fare donativi alle chiese ,esentandole dalle tasse e dando una serie di ulteriori vantaggi al clero.

    La svolta significativa e che mette definitivamente a tacere ogni dissenso religioso in seno alle chiese primitive ,non avviene per guida dello spirito santo che spande amore e comprensione tra le parti, ma è ancora una volta il bracco secolare o l’imperatore del tempo che determina definitivamente quale sia il credo ortodosso da seguire.

    Questo imperatore è Teodosio, uomo tutto d’un pezzo , militare di carriera, nato in Spagna, dunque un occidentale chiamato a raddrizzare la situazione in oriente dopo il disastro di Adrianopoli dove l’esercito romano d’oriente con il suo imperatore Valente , ARIANO PURE LUI,viene annientato dai Goti che adesso sciamamo in Mesia , L’ODIERNA Bulgaria minacciando la stessa capitale d’Oriente Costantinopoli.

    Teodosio che è un cristiano occidentale giunto al potere e rientrato a Costantinopoli dopo aver arginato l’orda barbarica si affretta a porre definitivamente fine a queste controversie religiose fra teologi grecizzati promulgando il famoso editto di Tessalonica del 380 D.C con il quale il Credo Niceno diveniva la forma unica di intendere la divinità e la chiesa diviene Chiesa di stato .

    La nuova legge riconosceva esplicitamente il primato delle sedi episcopali di Roma e di Alessandria in materia di teologia; grande influenza avevano inoltre i teologi di Costantinopoli, i quali, essendo sotto la diretta giurisdizione dell'imperatore, erano a volte destituiti e reintegrati in base al loro maggiore o minore grado di acquiescenza ai voleri imperiali.

    Teodosio impone per decreto che da quel momento in poi tutti si dovevano adeguare a diventare"Christianorum catholicorum nomen" NEL LORO CREDO CRISTIANO, PENA, L’IRA IMPERIALE E UNA SERIE DI SANZIONI CHE POTEVANO PORTARE ALLA MORTE STESSA., pene specificate nei successivi decreti che attuavano e spiegavano l'editto.

    Come spiega il Prof Filoramo l'editto di Tessalonica è ritenuto importante dagli storici in quanto diede inizio a un processo in base al quale «per la prima volta una verità dottrinale veniva imposta come legge dello Stato e, di conseguenza, la dissidenza religiosa si trasformava giuridicamente in crimen publicum: ora gli eretici potevano e dovevano essere perseguitati come pericolo pubblico e nemici dello Stato»( La croce e il potere. I cristiani da martiri a persecutori, Laterza, Bari-Roma 2011, p. xii).

    Questa breve disamina per mostrare come le cose di fede spesso sono figlie di avvenimenti politici, il credo niceno-costantinopoliano trinitario esiste ancora oggi perché un imperatore lo ha imposto per mettere fine alle lacerazioni di una chiesa divisa.

    Lo sforzo di TEODOSIO ebbe un relativo successo, da quel momento in poi LA QUESTIONE DELLA CONSUSTANZIALITà DEL Padre con il Figlio doveva essere accettata per legge e si aggiungeva adesso anche lo spirito santo oltre 60 anni dopo il primo concilio di NIcea che non lo cita affatto nella consustanzialità del Padre con il Figlio, a dimostrazione di come questo credo si sia concretizzato nel corso di molto tempo e infinite dispute.

    ANCORA OGGI tale concezione divina non è universalmente accettata anche se il credo trinitario resta maggioritario nel mondo cristiano.
    °°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°
    forum Testimoni di Geova




    Nella vita non ci sono problemi ma.....soluzioni.
  • Aquila-58
    00 3/10/2017 9:07 AM
    Re:
    (Gladio), 09/03/2017 23.44:




    come le cose di fede spesso sono figlie di avvenimenti politici,





    Hai toccato un punto dolente, ma è esattamente quello che accadde: fu la politica a determinare la consostanzialità Padre/Figlio, fino alla definitiva formulazione del dogma della trinità immanente.

    Del resto, non era una novità.

    La stessa sorte di Gesù (benché, come sappiamo, dovesse accadere ciò che era scritto...), fu determinata da una decisione politica:

    "alcuni di essi andarono dai farisei e dissero loro le cose fatte da Gesù. 47 Quindi i capi sacerdoti e i farisei radunarono il Sinedrio e dicevano: “Che dobbiamo fare, poiché quest’uomo compie molti segni? 48 Se lo lasciamo fare così, riporranno tutti fede in lui, e verranno i romani e toglieranno sia il nostro luogo che la nostra nazione”. 53 Da quel giorno tennero perciò consiglio per ucciderlo"(Giovanni 11:46-48, 53)


    [Edited by Aquila-58 3/10/2017 9:09 AM]
  • OFFLINE
    (SimonLeBon)
    Post: 43,979
    Location: PINEROLO
    Age: 51
    TdG
    00 3/10/2017 10:02 AM
    Re:
    Forte la contraddizione della storia umana: Costantino viene idolatrato come difensore del cristianesimo (anche dando credito alla storiella dell'in hoc signo vinces) mentre suo figlio Costanzo II è stato destinato all'oblio...

    Simon
  • OFFLINE
    Giandujotta.50
    Post: 36,704
    Moderatore
    10 3/10/2017 10:03 AM
    Costanzo chi? ..... [SM=g27988]
  • Aquila-58
    00 3/10/2017 12:33 PM
    Re:
    Giandujotta.50, 10/03/2017 10.03:

    Costanzo chi? ..... [SM=g27988]




    Maurizio? [SM=g27989]



  • OFFLINE
    Giandujotta.50
    Post: 36,704
    Moderatore
    00 3/10/2017 12:38 PM
    Re: Re:
    Aquila-58, 10/03/2017 12.33:




    Maurizio? [SM=g27989]






    [SM=g8878]



    cmq ha ragione Simon....il padre e la sua croce in cielo lo ricordano tutti...questo povero figlio sostenitore di Ario non se lo fila nessuno!!
  • Aquila-58
    00 3/10/2017 12:40 PM
    Re: Re: Re:
    Giandujotta.50, 10/03/2017 12.38:




    [SM=g8878]



    cmq ha ragione Simon....il padre e la sua croce in cielo lo ricordano tutti...questo povero figlio sostenitore di Ario non se lo fila nessuno!!




    che vuoi, la Storia - si sa - la scrivono i vincitori...



  • OFFLINE
    Studentessa.95
    Post: 408
    Location: MILANO
    Age: 26
    00 3/10/2017 2:30 PM
    Re: Re: Re: Re:
    Aquila-58, 10/03/2017 12.40:




    che vuoi, la Storia - si sa - la scrivono i vincitori...






    In questo caso, magari anche con la compiacenza di Dio, visto che su una questione così importante, non avrebbe ritenuto di mandare lo Spirito Santo a guidare i cristiani;

    Perché mai Dio ha lasciato che per 17 secoli, nel dogma della Trinità, vi credessero la quasi totalità dei cristiani?

    Il momento giusto per intervenire a ripristinare una Verità biblica era certamente allora!
    [Edited by Studentessa.95 3/10/2017 2:32 PM]
  • OFFLINE
    barnabino
    Post: 67,472
    Moderatore
    00 3/10/2017 2:51 PM

    Il momento giusto per intervenire a ripristinare una Verità biblica era certamente allora!



    Secondo le profezie solo nel tempo della fine doveva risplendere la luce, e solo allora separati il grano dalle zizzania...

    Shalom
    [Edited by barnabino 3/10/2017 5:18 PM]
    --------------------------------------------------------------------
    Sijmadicandhapajiee, gente per cui le arti stan nei musei - Paolo Conte

    FORUM TESTIMONI DI GEOVA
  • OFFLINE
    Studentessa.95
    Post: 408
    Location: MILANO
    Age: 26
    00 3/10/2017 6:14 PM
    Re:
    barnabino, 10/03/2017 14.51:


    Il momento giusto per intervenire a ripristinare una Verità biblica era certamente allora!



    Secondo le profezie solo nel tempo della fine doveva risplendere la luce, e solo allora separati il grano dalle zizzania...

    Shalom




    Ciao Barnabino, scusando la mia ignoranza, mi indicheresti cortesemente la profezia secondo cui soltanto negli ultimi giorni dovrebbe risplendere la luce.

    Io ricordo che Gesù promise ai suoi apostoli di rimanere sempre con loro fino alla fine dei giorni.
    Perché in un momento così importante avrebbe abbandonato la sua ekklesia lasciandole abbracciare la menzogna?
    [Edited by Studentessa.95 3/10/2017 6:16 PM]
  • Aquila-58
    00 3/10/2017 6:53 PM
    Re: Re: Re: Re: Re:
    Studentessa.95, 10/03/2017 14.30:



    In questo caso, magari anche con la compiacenza di Dio, visto che su una questione così importante, non avrebbe ritenuto di mandare lo Spirito Santo a guidare i cristiani;




    sarebbe come accusare Dio dei crimini che furono compiuti tra atanasiani e ariani, figurati....



    Studentessa.95, 10/03/2017 14.30:


    Perché mai Dio ha lasciato che per 17 secoli, nel dogma della Trinità, vi credessero la quasi totalità dei cristiani?

    Il momento giusto per intervenire a ripristinare una Verità biblica era certamente allora!




    mai sentito parlare di apostasia?

    "3 Verrà giorno, infatti, in cui non si sopporterà più la sana dottrina, ma, pur di udire qualcosa, gli uomini si circonderanno di maestri secondo i propri capricci, 4 rifiutando di dare ascolto alla verità per perdersi dietro alle favole. " (2 Timoteo 4:3-4 CEI)



    [SM=g1944981]
    [Edited by Aquila-58 3/10/2017 6:58 PM]
  • Aquila-58
    00 3/10/2017 6:54 PM
    Re: Re: Re: Re: Re: Re:
    Studentessa.95, 10/03/2017 18.14:




    Ciao Barnabino, scusando la mia ignoranza, mi indicheresti cortesemente la profezia secondo cui soltanto negli ultimi giorni dovrebbe risplendere la luce.

    Io ricordo che Gesù promise ai suoi apostoli di rimanere sempre con loro fino alla fine dei giorni.
    Perché in un momento così importante avrebbe abbandonato la sua ekklesia lasciandole abbracciare la menzogna?




    risposto sopra......e comunque, Gesù mise bene in chiaro che non tutti quelli che dicono di far parte dell' ekklesìa lo sono davvero (o fanno parte della vera ekklesìa di Cristo, Matteo 7:21-23)


    [SM=g1944981]


    [Edited by Aquila-58 3/10/2017 7:02 PM]
  • OFFLINE
    Giandujotta.50
    Post: 36,704
    Moderatore
    00 3/10/2017 7:25 PM
    Dan 12:4 “E in quanto a te, o Daniele, rendi segrete le parole e sigilla il libro, sino al tempo della fine. Molti [lo] scorreranno, e la [vera] conoscenza diverrà abbondante"


    mat 13:24-30 "Propose loro un’altra illustrazione, dicendo: “Il regno dei cieli è divenuto simile a un uomo che seminò seme eccellente nel suo campo. 25 Mentre gli uomini dormivano, il suo nemico venne e seminò zizzanie in mezzo al grano, e se ne andò. 26 Quando l’erba germogliò e produsse frutto, allora comparvero anche le zizzanie. 27 E gli schiavi del padrone di casa vennero a dirgli: ‘Signore, non hai seminato seme eccellente nel tuo campo? Come mai ha dunque le zizzanie?’ 28 Egli disse loro: ‘Un nemico, un uomo, ha fatto questo’. Essi gli dissero: ‘Vuoi dunque che andiamo a raccoglierle?’ 29 Egli disse: ‘No; affinché, raccogliendo le zizzanie, non sradichiate per caso con esse anche il grano. 30 Lasciate che entrambi crescano insieme fino alla mietitura; e al tempo della mietitura dirò ai mietitori: Prima raccogliete le zizzanie e legatele in fasci per bruciarle, quindi andate a radunare il grano nel mio deposito’”.
  • OFFLINE
    (SimonLeBon)
    Post: 43,979
    Location: PINEROLO
    Age: 51
    TdG
    00 3/10/2017 8:52 PM
    Re:
    Studentessa.95, 10/03/2017 14:30:



    In questo caso, magari anche con la compiacenza di Dio, visto che su una questione così importante, non avrebbe ritenuto di mandare lo Spirito Santo a guidare i cristiani;

    Perché mai Dio ha lasciato che per 17 secoli, nel dogma della Trinità, vi credessero la quasi totalità dei cristiani?

    Il momento giusto per intervenire a ripristinare una Verità biblica era certamente allora!



    Cara studentessa,
    in questo caso, tu credi a quello che dice la pubblicità.
    Infatti le masse, il 99,...% dei cristiani nominali, non ti saprebbero nemmeno citare la definizione corretta di "trinità".
    In realtà è stato un dogma storico, pensato nel V sec. dalla chiesa d'oriente, senza nemmeno la partecipazione di quella d'occidente, e adesso ormai pronto per l'archiviazione a cimelio da museo.

    Per intenderci, nè Gesu', nè gli apostoli, nè Paolo, nè alcuno dei loro discepoli ha mai creduto in una filosofia definita secoli dopo.
    E nemmeno noi tdG ci sogneremmo mai di credere a cotante fantasie umane, pensate da chi evidentemente aveva perso il senso d'urgenza tipico della chiesa delle origini.

    Simon
  • OFFLINE
    (Gladio)
    Post: 5,897
    TdG
    00 3/11/2017 10:38 AM
    Cara Studentessa,il tuo appunto lo capisco...ma chiediti:Dioha lasciato alla filosofia greca di spiegare il suo essere uno e trino?

    3500 anni di ebraismo e nemmeno una traccia ,poi all'improvviso dovevamo aspettare un clero grecizatto e imperatori romani per sancirlo????

    Non pensi che Dio ,il Dio della bibbia,si era già presentato abbondantemente ,rivelandosi ulteriormente come Salvatore inviando il suo Messia??

    Giovanni 3:16 : Poiché Dio ha tanto amato il mondo che ha dato il suo unigenito Figlio, affinché chiunque esercita fede+ in lui non sia distrutto ma abbia vita eterna.

    Ecco l'amore di Dio ,ecco chi è Dio.
    °°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°
    forum Testimoni di Geova




    Nella vita non ci sono problemi ma.....soluzioni.
  • OFFLINE
    Studentessa.95
    Post: 408
    Location: MILANO
    Age: 26
    00 3/11/2017 10:47 AM
    Re:
    Giandujotta.50, 10/03/2017 19.25:

    Dan 12:4 “E in quanto a te, o Daniele, rendi segrete le parole e sigilla il libro, sino al tempo della fine. Molti [lo] scorreranno, e la [vera] conoscenza diverrà abbondante"


    mat 13:24-30 "Propose loro un’altra illustrazione, dicendo: “Il regno dei cieli è divenuto simile a un uomo che seminò seme eccellente nel suo campo. 25 Mentre gli uomini dormivano, il suo nemico venne e seminò zizzanie in mezzo al grano, e se ne andò. 26 Quando l’erba germogliò e produsse frutto, allora comparvero anche le zizzanie. 27 E gli schiavi del padrone di casa vennero a dirgli: ‘Signore, non hai seminato seme eccellente nel tuo campo? Come mai ha dunque le zizzanie?’ 28 Egli disse loro: ‘Un nemico, un uomo, ha fatto questo’. Essi gli dissero: ‘Vuoi dunque che andiamo a raccoglierle?’ 29 Egli disse: ‘No; affinché, raccogliendo le zizzanie, non sradichiate per caso con esse anche il grano. 30 Lasciate che entrambi crescano insieme fino alla mietitura; e al tempo della mietitura dirò ai mietitori: Prima raccogliete le zizzanie e legatele in fasci per bruciarle, quindi andate a radunare il grano nel mio deposito’”.




    Grazie Giandujotta!
  • OFFLINE
    Studentessa.95
    Post: 408
    Location: MILANO
    Age: 26
    00 3/11/2017 10:58 AM
    Re: Re: Re: Re: Re: Re:
    Aquila-58, 10/03/2017 18.53:




    mai sentito parlare di apostasia?

    "3 Verrà giorno, infatti, in cui non si sopporterà più la sana dottrina, ma, pur di udire qualcosa, gli uomini si circonderanno di maestri secondo i propri capricci, 4 rifiutando di dare ascolto alla verità per perdersi dietro alle favole. " (2 Timoteo 4:3-4 CEI)



    [SM=g1944981]




    Scusami Aquila, dove leggi nel testo greco "gli uomini"?
    Non è che più brobabilmente il soggetto di tale periodo sia indicato nel precedente passo 2 Tim. 3:13?
    Quindi a quale apostasia ti riferisci? Io capisco che è quella solo di coloro che sviano dalla fede a causa di "uomini malvagi".
    Una apostasia della intera Ekklesia renderebbe Gesù autore di una menzogna, perché significherebbe che Gesù l'avrebbe abbandonata, quando invece avrebbe promesso di essere con lei fino alla fine dei tempi!
  • OFFLINE
    Studentessa.95
    Post: 408
    Location: MILANO
    Age: 26
    00 3/11/2017 11:05 AM
    Re: Re:
    (SimonLeBon), 10/03/2017 20.52:



    Cara studentessa,
    in questo caso, tu credi a quello che dice la pubblicità.
    Infatti le masse, il 99,...% dei cristiani nominali, non ti saprebbero nemmeno citare la definizione corretta di "trinità".
    In realtà è stato un dogma storico, pensato nel V sec. dalla chiesa d'oriente, senza nemmeno la partecipazione di quella d'occidente, e adesso ormai pronto per l'archiviazione a cimelio da museo.

    Per intenderci, nè Gesu', nè gli apostoli, nè Paolo, nè alcuno dei loro discepoli ha mai creduto in una filosofia definita secoli dopo.
    E nemmeno noi tdG ci sogneremmo mai di credere a cotante fantasie umane, pensate da chi evidentemente aveva perso il senso d'urgenza tipico della chiesa delle origini.

    Simon



    Ciao Simon,
    il punto non è se è corretta o meno la dottrina trinitaria!

    La mia perplessità è capire perché mai Dio ha abbandonato il suo popolo e Gesù la sua Ekklesia, in un momento così cruciale per l'affermazione della Verità, mentre hanno guidato e l'Ekklesia per altre questioni molto meno importanti e fondamentali [SM=g7882] ?

  • OFFLINE
    (Gladio)
    Post: 5,897
    TdG
    00 3/11/2017 11:34 AM
    Re: Re: Re:
    Studentessa.95, 11/03/2017 11.05:



    mentre hanno guidato e l'Ekklesia per altre questioni molto meno importanti e fondamentali [SM=g7882] ?




    Quando,dove e perchè.grazie
    °°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°
    forum Testimoni di Geova




    Nella vita non ci sono problemi ma.....soluzioni.
  • Aquila-58
    00 3/11/2017 12:24 PM
    Re: Re: Re: Re: Re: Re: Re:
    Cara Studentessa,

    Studentessa.95, 11/03/2017 10.58:




    Scusami Aquila, dove leggi nel testo greco "gli uomini"?
    Non è che più brobabilmente il soggetto di tale periodo sia indicato nel precedente passo 2 Tim. 3:13?




    direi di no, giacchè il passo da te indicato va inquadrato nel contesto degli eschatais hemerais ("ultimi giorni") di 2 Tim. 3:1, con le caratteristiche negative lì menzionate che avrebbero contraddistinto quei tempi.


    Studentessa.95, 11/03/2017 10.58:


    Quindi a quale apostasia ti riferisci? Io capisco che è quella solo di coloro che sviano dalla fede a causa di "uomini malvagi".




    io no, come spiegato sopra.
    Del resto, parlando agli anziani/sorveglianti di Efeso (Atti 20:17,28), Paolo disse chiaramente che non dopo 2000 anni, ma "meta ten afixin mou" ("dopo la mia partenza") sarebbero arrivati gli apostati (Atti 20:29)
    In questo caso, quindi, Paolo non parla di eschatais hemerais, "ultimi giorni"....


    Studentessa.95, 11/03/2017 10.58:


    Una apostasia della intera Ekklesia renderebbe Gesù autore di una menzogna, perché significherebbe che Gesù l'avrebbe abbandonata, quando invece avrebbe promesso di essere con lei fino alla fine dei tempi!



    per nulla!
    Gesù non disse che sarebbe stato con l' ekklesìa fino alla fine dei tempi, ma "con voi", con i cristiani fedeli (a cui si stava rivolgendo) che ci sono sempre stati (il grano) e che sarebbero cresciuti con i finti cristiani (le zizzanie) fino al tempo della mietitura (Mt. 13:30).

    Nessuna menzogna, pertanto....

    Saluti.


    [Edited by Aquila-58 3/11/2017 12:37 PM]
1