Freeforumzone mobile

Ebraico antico biblico: consente una forma di pensiero superiore?

  • Posts
  • falcon2600
    00 2/2/2019 8:45 PM
    Il pensiero si esprime, nella maggioranza delle persone, sotto forma di narrazione interiore e, quindi, il linguaggio utilizzato influenza il pensiero.

    Un cinese e un italiano pensano, ad esempio, in modo differente in quanto i rispettivi idiomi sono diversi (foneticamente, sintatticamente, lessicalmente, semanticamente ecc.) come confermato anche dal Perspicacia alla voce "Linguaggio".

    Pensate che la lingua ebraica antica biblica consenta una forma di pensiero superiore?

    P.S. - Forse, in parte, anche il greco antico koine biblico essendo stata la lingua utilizzata per trasmettere il pensiero divino nel Nuovo Testamento?
    [Edited by falcon2600 2/2/2019 8:48 PM]
  • OFFLINE
    (SimonLeBon)
    Post: 39,689
    Location: PINEROLO
    Age: 50
    TdG
    00 2/2/2019 9:24 PM
    Re:
    Direi che non essendo la lingua madre di nessuno, è piuttosto una barriera che non un aiuto.

    Simon

  • OFFLINE
    Hal.9000
    Post: 6,473
    TdG
    00 2/2/2019 9:31 PM
    Re:
    falcon2600, 02/02/2019 20.45:

    Pensate che la lingua ebraica antica biblica consenta una forma di pensiero superiore?


    No





  • OFFLINE
    TNM
    Post: 2,218
    TdG
    00 2/4/2019 5:33 AM
    "Superiore" è una brutta parola. Ma di certo l'ebraico e il greco biblici sono due lingue straordinarie!