Freeforumzone mobile

TESTIMONI DI GEOVA ED EMOTRASFUSIONI

  • Posts
  • OFFLINE
    AdminUnico-tdG
    Post: 792
    Admin
    00 11/29/2019 11:13 PM
    INDAGINE SU UNA DOTTRINA
    di Francesco Arduini

    Perché i Testimoni di Geova rifiutano le emotrasfusioni?
    Cosa accadrebbe ad un Testimone di Geova se invece decidesse di accettarle?
    Facciamo chiarezza, su
    InStoria - rivista di storia & informazione

    "Nelle cronache dei giorni passati si è letto di alcuni episodi legati al rifiuto delle trasfusioni di sangue da parte dei Testimoni di Geova. Nell’episodio meno recente, del 23 settembre scorso, una bambina di 10 mesi rischia di morire poiché, durante l’intervento operatorio, i medici si rendono conto della gravità della situazione dovuta ad una emorragia cerebrale. Chiamano quindi in Procura, facendosi autorizzare con urgenza a somministrare un’emotrasfusione. Il PM autorizza, sospendendo la patria potestà dei genitori, e la bambina viene trasfusa e salvata. Questa notizia si rivelerà una vera e propria fake-news, con tanto di virgolettati smentiti sia dalla famiglia, che dai medici che hanno operato la bambina senza trasfonderla. L'Azienda Ospedaliera infatti conferma, tre giorni dopo, che:"

    continua a leggere l'articolo su:

    www.instoria.it/home/testimoni_geova_trasfusioni.htm
  • falcon2600
    00 11/30/2019 5:04 PM
    Re: INDAGINE SU UNA DOTTRINA
    AdminUnico-tdG, 29/11/2019 23.13:

    di Francesco Arduini

    Perché i Testimoni di Geova rifiutano le emotrasfusioni?
    Cosa accadrebbe ad un Testimone di Geova se invece decidesse di accettarle?
    Facciamo chiarezza, su
    InStoria - rivista di storia & informazione

    "Nelle cronache dei giorni passati si è letto di alcuni episodi legati al rifiuto delle trasfusioni di sangue da parte dei Testimoni di Geova. Nell’episodio meno recente, del 23 settembre scorso, una bambina di 10 mesi rischia di morire poiché, durante l’intervento operatorio, i medici si rendono conto della gravità della situazione dovuta ad una emorragia cerebrale. Chiamano quindi in Procura, facendosi autorizzare con urgenza a somministrare un’emotrasfusione. Il PM autorizza, sospendendo la patria potestà dei genitori, e la bambina viene trasfusa e salvata. Questa notizia si rivelerà una vera e propria fake-news, con tanto di virgolettati smentiti sia dalla famiglia, che dai medici che hanno operato la bambina senza trasfonderla. L'Azienda Ospedaliera infatti conferma, tre giorni dopo, che:"

    continua a leggere l'articolo su:

    www.instoria.it/home/testimoni_geova_trasfusioni.htm



    Grazie mille!

    Non mi è chiaro il finale dell'articolo che non mi sembra completo:

    "A volte non compresi per la fermezza di alcune posizioni, tipo quella sul sangue, i Testimoni di Geova, nel loro piccolo, continuano a lavorare a beneficio della collettività: dal recupero di tossicodipendenti alle battaglie".

  • johnny01
    00 11/30/2019 5:06 PM
    Re: Re: INDAGINE SU UNA DOTTRINA
    falcon2600, 30/11/2019 17.04:



    Grazie mille!

    Non mi è chiaro il finale dell'articolo che non mi sembra completo:

    "A volte non compresi per la fermezza di alcune posizioni, tipo quella sul sangue, i Testimoni di Geova, nel loro piccolo, continuano a lavorare a beneficio della collettività: dal recupero di tossicodipendenti alle battaglie".


    Si credo manchi qualcosa dopo "battaglie"
  • OFFLINE
    AdminUnico-tdG
    Post: 792
    Admin
    20 11/30/2019 5:49 PM
    Si il finale è incompleto e verrà corretto

    La frase finale corretta è "...battaglie legali per le libertà civili."
  • OFFLINE
    AdminUnico-tdG
    Post: 792
    Admin
    00 12/2/2019 8:27 PM
    Re:
    AdminUnico-tdG, 30.11.2019 17:49:

    Si il finale è incompleto e verrà corretto

    La frase finale corretta è "...battaglie legali per le libertà civili."




    Segnalo che la parte finale dell'articolo è stata corretta
  • falcon2600
    00 12/2/2019 9:04 PM
    Re: Re:
    AdminUnico-tdG, 02/12/2019 20.27:




    Segnalo che la parte finale dell'articolo è stata corretta




    Ho visto, grazie!