00 1/10/2020 12:15 AM
Venerdì 10 gennaio
Chiunque divorzia da sua moglie, se non a causa di immoralità sessuale, e ne sposa un’altra commette adulterio (Matt. 19:9)
L’espressione “immoralità sessuale” include vari peccati di natura sessuale commessi al di fuori del matrimonio scritturale, come adulterio, prostituzione, rapporti sessuali tra persone non sposate, omosessualità e bestialità. Se ad esempio un uomo commette immoralità sessuale, sua moglie può decidere se divorziare da lui oppure no. È degno di nota che Gesù non disse che l’immoralità sessuale del coniuge debba necessariamente portare al divorzio. Ad esempio, una moglie potrebbe decidere di rimanere col marito anche se lui ha commesso immoralità sessuale. Forse lo ama ancora ed è disposta a perdonarlo per tentare di ricostruire il loro rapporto. Inoltre, se scegliesse di divorziare e non si risposasse potrebbe andare incontro a diversi problemi. Che dire dei suoi bisogni materiali e sessuali? Si sentirà sola? Che effetto avrà il divorzio sui figli? (1 Cor. 7:14). Non c’è dubbio che se il coniuge innocente decidesse di divorziare affronterebbe serie difficoltà. w18.12 12 parr. 10-11
____________________

forum Testimoni di Geova