00 7/21/2008 10:43 PM
Tratto da "la Torre di Guardia" del 15 ottobre 1991, pag 8-9.


Il papato: Fondato da Cristo?

“DA PIETRO, primo vescovo di Roma, sino al papa attuale, Giovanni Paolo II, si estende una lunga successione di sommi pontefici, addirittura più di 260”. Questo è ciò che afferma il frate cattolico Anthony Foy nel Southern Cross, un settimanale cattolico dell’Africa meridionale. E aggiunge: “È questa ininterrotta successione di papi che possiamo additare con fiducia quando ci viene chiesto di dimostrare che la Chiesa Cattolica fu fondata da Gesù Cristo”.

Si può sostenere con fiducia che questa lunga successione di papi ebbe inizio con l’apostolo Pietro? Stando alla teologia cattolica, quattro papi si sarebbero succeduti dopo Pietro sino all’anno 100 E.V.: Lino, Anacleto, Clemente I ed Evaristo. La Bibbia in effetti menziona un cristiano di nome Lino che viveva a Roma. (2 Timoteo 4:21) Tuttavia, non c’è nulla che faccia pensare che Lino, o chiunque altro, fosse un successore papale di Pietro. L’apostolo Giovanni, che scrisse cinque libri della Bibbia nell’ultimo decennio del I secolo, non menzionò mai nessuno dei cosiddetti successori di Pietro elencati sopra. In effetti, se ci fosse stato un successore di Pietro, la scelta non sarebbe forse caduta logicamente su Giovanni stesso?

Quanto all’affermazione secondo cui Pietro sarebbe stato il primo vescovo di Roma, non esiste nessuna prova che dimostri che egli sia mai stato in questa città. In effetti, Pietro stesso dichiara di aver scritto la sua prima lettera da Babilonia. (1 Pietro 5:13) L’argomento cattolico secondo cui Pietro avrebbe usato il nome “Babilonia” per riferirsi in maniera criptica a Roma non ha alcun fondamento. Al tempo di Pietro la Babilonia letterale esisteva ancora. Inoltre, a Babilonia c’era una comunità giudaica di considerevoli dimensioni. Visto che Gesù incaricò Pietro di concentrare la sua predicazione tra i giudei circoncisi, è del tutto ragionevole credere che Pietro si sia recato a Babilonia a tale scopo. — Galati 2:9.

È da notare, inoltre, che Pietro non si definì mai nulla più di un apostolo di Cristo. (2 Pietro 1:1) In nessun passo della Bibbia egli è chiamato “Santo Padre”, “Sommo Pontefice” o “Papa” (termine affettuoso latino che significa “padre”). Al contrario, Pietro ubbidì umilmente alle parole di Gesù riportate in Matteo 23:9, 10: “Inoltre, non chiamate nessuno padre vostro sulla terra, poiché uno solo è il Padre vostro, il Celeste. Né siate chiamati ‘condottieri’, perché uno solo è il vostro Condottiero, il Cristo”. Pietro non accettò di essere venerato. Quando il centurione romano Cornelio “cadde ai suoi piedi e gli rese omaggio . . . Pietro lo fece levare, dicendo: ‘Alzati; anch’io sono un uomo’”. — Atti 10:25, 26.

Quanto ai 260 presunti papi, il sacerdote Foy ammette: “Diversi non sono stati degni del loro alto ufficio”. Tentando di giustificare questo fatto, la New Catholic Encyclopedia afferma: “Ciò che importava ai fini del governo era la carica, e non la personalità del singolo papa. Personalmente egli poteva essere un santo, un uomo mediocre o persino un furfante”. Ma credete che Cristo avrebbe usato uomini del genere per rappresentarlo?

Ad ogni modo, l’affermazione secondo cui il papato sarebbe stato fondato da Gesù semplicemente non trova sostegno nella Bibbia. Secondo l’Encyclopedia of Religion, persino studiosi cattolici odierni ammettono che “non c’è alcuna prova biblica diretta che Gesù abbia istituito il papato come carica permanente entro la chiesa”.