printprint
New Thread
Reply
 

Terremoti - I terremoti nel mondo

Last Update: 9/6/2019 8:30 AM
Author
Print | Email Notification    
5/9/2017 3:32 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 6,629
Location: ANCONA
Age: 65
TdG
Terremoti: Giappone, scossa magnitudo 6 a Okinawa

Scossa di magnitudo 6 a Okinawa in Giappone, nessun allerta tsunami


Una scossa di terremoto di magnitudo 6 é stata registrata oggi circa 110 chilometri a sudest di Hirara - nella prefettura di Okinawa, nel sud del Giappone - ad una profondità di 10 chilometri: lo rende noto l'Istituto geofisico americano (Usgs). Per ora l'Agenzia meteorologica giapponese non ha emesso alcun allerta tsunami.

www.ansa.it/sito/notizie/mondo/2017/05/09/terremoti-giappone-scossa-magnitudo-6-a-okinawa_f098c3f6-8441-487f-ad38-b5bc38ced...

Ciao
anto_netti
7/13/2017 10:33 AM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 6,629
Location: ANCONA
Age: 65
TdG
E' curioso il titolo di questo articolo. Ma data la notevole profondità, il sisma ha interessato tutto il mondo.

Sisma: violento terremoto profondo nel Mondo poco fa

Sisma: violento terremoto profondo nel Mondo poco fa . Il sisma registrato da molti istituti sismologici e vulcanologici internazionali 12 luglio 2017

Pochi minuti fa, una violenta scossa di terremoto molto profonda è stata registrata tra la Russia e il Giapppone. In base a quanto riportato dall’Istituto sismologico statunitense, il sisma ha avuto un’intensità superiore al sesto grado della scala Richter. Decisamente importante la profondità alla quale si è verificato l’evento: sempre in base a quanto riportato poco fa dall’ente, l’ipocentro presenta un valore superiore ai 540 chilometri. Questo significa che le vibrazioni prodotte dal sisma si stanno registrando in tutto il Pianeta, essendosi nucleato a tale distanza dalla superficie terrestre. Scosse di tale entità ricadono nel normale andamento della zona, che corrisponde alla porzione più occidentale del noto ‘’Anello di fuoco’’ dell’Oceano Pacifico.

www.centrometeoitaliano.it/terremoti-e-geofisica/sisma-violento-terremoto-profondo-nel-mondo-poco-fa-53155/?refr...

Ciao
anto_netti
[Edited by anto_netti 7/13/2017 10:34 AM]
7/17/2017 8:35 AM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 424
Location: AULLA
Age: 58
Re:
anto_netti, 10/01/2017 09.04:

Scossa di terremoto in Canada di magnitudo 6.2 della scala Richter, ieri 9 Gennaio 2017 alle ore 00:47. Ipocentro nel Queen Elizabeth Islands a 10 km di profondità.

Ciao
anto_netti




Mi piace il fatto che terremoti di intensità pari a quella che hanno distrutto Amatrice, Accumuli e altri paesi italiani, in canada non abbiano recato danni a persone o cose..

www.leggo.it/news/esteri/canada_forti_scosse_di_terremoto_magnitudo_6_2_6_3-2413...
7/17/2017 8:59 AM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 6,629
Location: ANCONA
Age: 65
TdG
Re: Re:
StanleyClarke, 17/07/2017 08.35:




Mi piace il fatto che terremoti di intensità pari a quella che hanno distrutto Amatrice, Accumuli e altri paesi italiani, in canada non abbiano recato danni a persone o cose..

www.leggo.it/news/esteri/canada_forti_scosse_di_terremoto_magnitudo_6_2_6_3-2413...




Se pensiamo al fatto che alcuni giorni fa, una scossa di magnitudo 3.4 della scala Richter, nel Gargano, ha fatto crollare il solaio di una casa ferendo tre persone, ci rendiamo conto di quanto le case sono vecchie. E sapendo che l'Italia è quasi tutta sismica, non si fa niente per mettere in salvo queste case. Esistono tecnologie sofisticatissime oggi come oggi. Ma non si fa niente. Il problema è il solito. Costi alti e mancanza di soldi. Ma la gente continua a morire. Spesso per motivi di avidità e negligenza.

Ciao
anto_netti
7/18/2017 10:08 AM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 6,629
Location: ANCONA
Age: 65
TdG
Il 18 Luglio 2017, alle ore 1:34, fortissima scossa di terremoto in Russia, nella penisola della Kamchatka. Magnitudo 7.6 della scala Richter. Ipocentro a 10 km di profondità.

Ciao
anto_netti
9/4/2017 1:12 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 6,629
Location: ANCONA
Age: 65
TdG
Il 31 Agosto 2017, alle ore 19:06, scossa di terremoto nel Sud di Sumatra. Magnitudo 6.5 scala Richter. Ipocentro a 74 km di profondità.

Ciao
anto_netti
9/7/2017 12:20 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 6,629
Location: ANCONA
Age: 65
TdG
Questo post è per gli scettici che dicono che le esplosioni nucleari sotterranee non provocano terremoti. O che le attività umane in genere non incrementano i terremoti.

Bombe e terremoti, cosa possiamo imparare dai test di Kim Jong-un

di Piero Bianucci

Quattro minuti e 12 secondi dopo il test nucleare nella Corea del Nord guidata dal dittatore Kim Jong-un, diciassette stazioni di rilevazione sismica dell’Istituto nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV) hanno registrato una oscillazione (vedi grafico qui sopra). Poche ore dopo i ricercatori dell’INGV hanno identificato il sito dell’esplosione e la sua potenza. Le coordinate del sito sono 41,2 gradi di latitudine Nord e 192,2 gradi di longitudine Est, con un margine di errore di 9 chilometri. La potenza dell’ordigno è decine di volte superiore alla bomba che distrusse Hiroshima. L’effetto è stato quello di un terremoto di magnitudo compresa 5,6 e 6,9 con ipocentro a un chilometro di profondità. Da confrontare con la magnitudo 4 che tanti danni ha fatto a Ischia pochi giorni fa.

Riflessione ironica: le antenne per onde gravitazionali LIGO (americana) e Virgo (europea) devono dunque fare i conti con un disturbo in più ed è inquietante constatare che la politica (se così si può chiamare quella di Kim Jong-un) possa emettere segnali di potenza enormemente superiore a quella di due buchi neri che si fondono tra loro in una catastrofe cosmica remota.

Riflessione seria: se qualcuno pensa ancora che tutto sommato i test missilistici e nucleari della Corea del Nord non ci riguardino direttamente, bene, ora sappiamo che 4 minuti e 12 secondi dopo fanno tremare l’Italia. Da questo punto di vista la registrazione fatta dall’INGV è molto istruttiva, e va al di là del suo valore scientifico.

Un’ultima osservazione riguarda gli “effetti collaterali” della ricerca scientifica: nato per studiare vulcani e terremoti, l’INGV serve anche a sorvegliare la mente di un dittatore come se i suoi sismometri fossero apparecchi per l’elettroencefalogramma.

La sicurezza internazionale è un problema scientifico prima ancora che diplomatico. E’ possibile parlare di disarmo nucleare soltanto se scienza e tecnologia sono in grado di assicurare un controllo certo sul rispetto dei trattati che mettono al bando queste armi.

Fino all’inizio degli Anni 60 del secolo scorso i test nucleari nell’atmosfera erano notizie quasi quotidiane. I satelliti artificiali con sensori per i raggi gamma emessi nelle esplosioni sono stati decisivi per giungere al bando degli esperimenti nucleari nell’atmosfera con il trattato del 5 agosto 1963. Fatto curioso, quei satelliti captavano ogni tanto raggi gamma sospetti. Ci volle del tempo perché si capisse che a causarli erano esplosioni di stelle lontanissime: nacque così l’astronomia della radiazione gamma, che studia i fenomeni più violenti dell’universo.

Lo stesso trattato del 1963 proibiva i test nucleari sottomarini e su terraferma (ma non quelli sotterranei). Oltre ai satelliti, si sviluppò quindi una tecnologia per rilevare esplosioni negli oceani e nel sottosuolo. Del 1970 è il Trattato di non proliferazione nucleare, al quale aderiscono oggi circa 180 paesi. Nel 1996 l’Onu votò a favore di un trattato che vieta tutte le esplosioni nucleari sperimentali, incluse quelle sotterranee. Intanto accordi tra Usa e Urss avevano già portato a una drastica riduzione dei loro arsenali atomici.

Nella speranza di riportare alla ragione i paesi che stanno facendo una tardiva ma pericolosissima corsa all’arma atomica, è indispensabile disporre di un sistema di sorveglianza per garantire il rispetto del trattato che mette al bando le armi nucleari, in sigla noto come CTBT (Comprehensive Nuclear-Test-Ban Treaty). Il monitoraggio internazionale oggi esistente è adeguato a questo scopo?

Su “Scientific American” già parecchi anni fa hanno risposto a questa domanda Paul Richards, professore alla Columbia University, e il suo collega Won-Young Kim, entrambi esperti di sismologia in rapporto ad armi nucleari e ambiente.

Il sistema di monitoraggio sui test atomici sotterranei è in grado di percepire una esplosione atomica che produca onde sismiche di magnitudo 3,75 della Scala Richter dovunque avvenga nel mondo. Un terremoto come quello di Amatrice è centinaia di volte al di sopra della soglia. Altri dispositivi di rilevamento utilizzano sensori idro-acustici, stazioni per l’”ascolto” di infrasuoni (vibrazioni con frequenza inferiore a 20 cicli al secondo), e dispositivi per il monitoraggio di isotopi radioattivi.

In pratica, con l’attuale sensibilità, la rete di monitoraggio riesce ad avvertire esplosioni dalla potenza di almeno 0,1 chilotoni in roccia compatta e 0,6 chilotoni in roccia tenera. Siamo a livelli davvero bassi. Inoltre, fecero notare Paul Richards e Won-Young Kim, un aspirante all’ingresso nel club nucleare potrebbe imparare ben poco da test di questa potenza: tutt’al più qualche miglioramento nel peso e nell’efficienza di ordigni a fissione (Bomba A, non Bomba all’idrogeno, che è assai più potente). Ma il dittatore della Corea del Nord manifesta una grande voglia di imparare.


www.lastampa.it/2017/09/05/scienza/bombe-e-terremoti-ILNoyGEtC3i7eKNL24xsON/pag...

Ciao
anto_netti
9/8/2017 8:42 AM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 6,629
Location: ANCONA
Age: 65
TdG
Terremoto in Messico e allerta tsunami.

Messico, terremoto di magnitudo 8,1: allerta tsunami in America centrale. Almeno tre vittime

L'epicentro sarebbe al largo della costa sud occidentale del Paese, ma la potenza della scossa ha fatto tremare la Capitale dove la gente ha abbandonato i palazzi. L'allarme per un possibile maremoto diffuso fino al El Salvador e Costa Rica

Una forte scossa di terremoto è stata avvertita alle 6.49 (ora italiana) a Città del Messico. Il governatore del Chiapas ha confermto al momento tre vittime. Secondo una prima stima dell'Usgs, l'istituto geologico statunitense, la magnitudo del sisma sarebbe di 8.1. Il meccanismo che ha generato questo terremoto, ha osservato il sismologo Alessandro Amato dell'Ingv, è legato alla placca oceanica che spinge sotto quella continentale americana.

L'epicentro del terremoto è stato individuato sotto l'oceano Pacifico, 87 km a sudovest di Pijijiapan, a una profondità di 69,7 km. Il forte sisma è stato seguito da altre sei scosse di magnitudo tra 4,4 e 5,7. Lo Us Geological Survey ha diramato un allerta tsunami che dalla costa occidentale del Messico interessa poi Ecuador, Nicaragua, Panama, Guatemala, Honduras, El Salvador e Costa Rica. Il rischio è considerato alto per le prossime tre ore. Secondo l'agenzia, la scossa è in grado di causare onde alte fino a tre metri.

La potenza della scossa è stata tale da far tremare anche i palazzi della Capitale, distante dall'epicentro quasi mille chilometri, provocando fughe di massa nelle strade. Le sirene degli allarmi hanno suonato, in alcuni quartieri di Città del Messico è andata via la corrente elettrica e migliaia di persone hanno lasciato le abitazioni. L'agenzia della protezione civile ha reso noto che si tratta del terrremoto più violento dopo quello che nel 1985 provocò migliaia di vittime.

Sulla città pochi minuti dopo l'allarme hanno cominciato a volare elicotteri della protezione civile per verificare che non vi fossero stati crolli. La compagnia petrolifera statale, Pemex, ha annunciato l'avvio di verifiche sugli impianti, in particolare sulla raffineria di Salina Cruz che si trova nella regione dell'epicentro.

Le autorità del Salvador hanno messo in preallarme le comunità locali per un'eventuale evacuazione della popolazione dalle zone costiere.


www.repubblica.it/esteri/2017/09/08/news/messico_terremoto_di_magnitudo_8_allerta_tsunami-17...

Ciao
anto_netti
9/8/2017 12:30 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 6,629
Location: ANCONA
Age: 65
TdG
Bagliori legati ai forti terremoti. Rilascio di gas prima della scossa.

Terremoto Messico: impressionanti bagliori in cielo prima della scossa

Terremoto Messico: forti bagliori illuminano il cielo subito prima della fortissima scossa

08/09/2017

In concomitanza col violento terremoto avvenuto davanti alla costa di Messico-Guatemala alle ore 6.49 italiane (23.49 locali), si sono osservati intensi bagliori e luci nel cielo: numerosi filmati in questi minuti vengono pubblicati dagli abitanti dell’area interessata dal sisma, principalmente dal Messico. Ecco un video che arriva dalla zona di Città del Messico:

Si tratta presumibilmente di luci telluriche ( o luci sismiche) : un fenomeno ancora avvolto dal mistero che si mostra di frequente alle popolazioni delle aree colpite da fortissimi terremoti. È un fenomeno ottico già riscontrato in passato prima di un fortissimo sisma : gli avvistamenti sono avvenuti ad esempio in Giappone durante i terremoti del 1965, nello Stretto di Messina il 1908, nel terremoto dell’Aquila del 2009 e anche in Emilia nel sisma del 2012. Le luci sismiche sino a pochi anni fa erano considerate una leggenda, mentre ora grazie alla tecnologia e alle riprese è stato possibile constatare la loro esistenza.

Ci sono diverse teorie riguardo la loro formazione come la piezoelettricità o l’emissione di gas sprigionati prima della rottura della faglia ( il radon). La teoria più recente rilasciata dallo studioso canadese Robert Thériaultipotizza la presenza di un forte differenza di potenziale elettrico fra le particelle che compongono la faglia, tutto però in presenza di determinati minerali capaci di caricarsi elettricamente.
Sicuramente non c’è ancora nulla di certo, tranne che la loro effettiva comparsa prima di ogni terremoto devastante, da non considerarsi più come una coincidenza.


www.inmeteo.net/blog/2017/09/08/terremoto-messico-impressionanti-bagliori-cielo-della...

Ciao
anto_netti
9/9/2017 9:02 AM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 6,629
Location: ANCONA
Age: 65
TdG
Aggiornamenti terremoto in Messico.

Il terremoto è stato di magnitudo 8.2 della scala Richter. I morti sono saliti a 61. I crolli sono stati numerosi. Ma c'è da notare come gran parte delle abitazioni hanno resistito ad un sisma di tale entità. Cosa che purtroppo non avviene in Italia per la pessima gestione che si ha sulla costruzione di case antisismiche, in un territorio che si sa essere altamente sismico.

Il sisma nel Messico, si è sentito molto intenso anche nella capitale alla distanza di 1000 chilometri. Terrorizzando la gente che è uscita per le strade. E' stato il più forte terremoto dal 1932.

Ciao
anto_netti
9/9/2017 9:13 AM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 6,629
Location: ANCONA
Age: 65
TdG
E' curioso come a due devastanti uragani (Harvey e Irma), che hanno colpito le coste atlantiche americane, sia corrisposto un forte sisma in Messico. Sembra sempre più marcata l'ipotesi che gli sconvolgimenti climatici abbiano relazione con i terremoti. Tra l'altro l'epicentro del terremoto del Messico, era in mare, nella parte del Pacifico, ma era in mare.

Ciao
anto_netti
[Edited by anto_netti 9/9/2017 9:14 AM]
9/20/2017 10:16 AM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 6,629
Location: ANCONA
Age: 65
TdG
Il 18 Settembre 2107, alle ore 16:19, scossa di terremoto nella Costa di Oaxaca (Messico). Magnitudo 6.0 della scala Richter. Ipocentro a 10 km di profondità.

Il 19 Settembre 2017, alle ore 20:14, scossa di terremoto nel Messico Centrale. Magnitudo 7.1 della scala Richter. Ipocentro a 72 km di profondità.

Ciao
anto_netti
[Edited by anto_netti 9/20/2017 10:21 AM]
9/20/2017 10:28 AM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 6,629
Location: ANCONA
Age: 65
TdG
Il giorno 20 Settembre 2017, alle ore 3:43, scossa di terremoto in Nuova Zelanda. Magnitudo 6.0 della scala Richter. Ipocentro a 10 km di profondità.

Ciao
anto_netti
9/25/2017 12:51 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 6,629
Location: ANCONA
Age: 65
TdG
Terremoto Messico: ancora forti scosse, salgono a 307 le vittime

25 Settembre 2017

di Manuel Mazzoleni

Proseguono le scosse di terremoto al largo della costa messicana. La più intensa di magnitudo 5.7, ha colpito la costa pacifica del Messico, più a sud rispetto alle scosse devastanti dei giorni scorsi. L'epicentro è stato individuato nel mare, davanti alla costa di Paredon, ad una profondità di 60 chilometri.

Sale a 307 il bilancio dei morti nel terremoto di magnitudo 7.1 che ha colpito il Messico martedì 19 settembre. Il capo della Difesa civile, Luis Felipe Puente, ha precisato che 169 persone hanno perso la vita nella capitale, 73 sono morte nello stato di Morelos, 45 a Puebla, 13 nello stato del Messico, 6 in quello di Guerrero e una a Oaxaca.

Ricordiamo che la zona è stata spesso caratterizzata da forti eventi sismici che hanno interessato tutta la costa pacifica dell'America centrale. Al largo della costa scorre infatti la faglia dell'America centrale, zona di subduzione tra la placca Cocos, la placca nordamericana e la placca caraibica. La prima si muove in direzione NE a circa 70-78 mm ogni anno mentre la placca americana spinge in direzione SO a circa 19/20 mm ogni anno.


www.3bmeteo.com/giornale-meteo/terremoto-messico--ancora-forti-scosse--salgono-a-307-le-vittim...

Ciao
anto_netti
9/26/2017 5:22 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 6,629
Location: ANCONA
Age: 65
TdG
Il giorno 20 Settembre 2017, alle ore 18:37, scossa di terremoto nella Off East Coast of Honshu (Giappone). Magnitudo 6.2 della scala Richter. Ipocentro a 10 km di profondità.

Ciao
anto_netti
9/26/2017 5:26 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 6,629
Location: ANCONA
Age: 65
TdG
Il giorno 20 Settembre 2017, alle ore 22:09, scossa di terremoto nelle isole Vanuatu. Magnitudo 6.3 della scala Richter. Ipocentro a 203 km di profondità.

Ciao
anto_netti
9/26/2017 5:31 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 6,629
Location: ANCONA
Age: 65
TdG
Il giorno 23 Settembre 2017, alle ore 14:53, scossa di terremoto a Oaxaca (Messico). Magnitudo 6.2 della scala Richter. Ipocentro a 20 km di profondità.

Ciao
anto_netti
9/26/2017 5:35 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 6,629
Location: ANCONA
Age: 65
TdG
Il giorno 25 Settembre 2017, alle ore 22:29, scossa di terremoto a Papua Nuova Guinea. Magnitudo 6.0 della scala Richter. Ipocentro a 20 km di profondità.

Ciao
anto_netti
9/26/2017 5:41 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 6,629
Location: ANCONA
Age: 65
TdG
Il giorno 26 Settembre 2017, alle ore 6:20, scossa di terremoto in Oceania, tra l'isola di Tonga e le isole Figi. Magnitudo 6.4 della scala Richter. Ipocentro a 165 km di profondità.

Ciao
anto_netti
9/28/2017 11:32 AM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 5,303
Location: PIOMBINO
Age: 82
Terremori!!
Matteo 24,:7....
Terremoti in un luogo dopo l.altro
(Poi dicono ..ci sono sempre stati!)
Ma così?!
New Thread
Reply
Cerca nel forum
Tag discussione
Discussioni Simili   [vedi tutte]

Home Forum | Album | Users | Search | Log In | Register | Admin
Create your free community and forum! Register to FreeForumZone
FreeForumZone [v.5.2] - Leggendo la pagina si accettano regolamento e privacy
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 4:25 AM. : Printable | Mobile
Copyright © 2000-2020 FFZ srl - www.freeforumzone.com